Apri il menu principale
Treglia
città
(HR) Trilj
Treglia – Veduta
Localizzazione
StatoCroazia Croazia
RegioneCoat of arms of Split-Dalmatia County.svg Spalatino-dalmata
Amministrazione
SindacoIvan Šipić
Territorio
Coordinate43°37′N 16°39′E / 43.616667°N 16.65°E43.616667; 16.65 (Treglia)Coordinate: 43°37′N 16°39′E / 43.616667°N 16.65°E43.616667; 16.65 (Treglia)
Altitudine300 m s.l.m.
Superficie267,00 km²
Abitanti9 417 (31-03-2011, Censimento 2011)
Densità35,27 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale21240
Prefisso+385 (0)21
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Treglia
Treglia
Treglia – Mappa
Localizzazione della città di Treglia nella regione spalatino-dalmata
Sito istituzionale

Treglia[1] (in croato Trilj, italianizzato in Trigl[2][3], in latino Pons Tiluri) è una città croata di 9.417 abitanti, situata a nord-est di Spalato facente parte della Regione spalatino-dalmata in Dalmazia.

Indice

Geografia fisicaModifica

Il comune occupa un territorio prevalentemente collinare dell'entroterra dalmata. Il capoluogo è attraversato dal fiume Cetina, che proprio a monte del ponte di Treglia vede la propria stretta valle aprirsi nell'ampia e fertile piana di Signo che spazia verso nord-ovest fin oltre la città omonima.

StoriaModifica

 
Tilurium

Alla sommità della collina di Gardun, a solo 1 km a sud da Treglia, sorgono i resti della fortezza legionaria dell'antica Tilurium uno dei principali insediamenti romani della Dalmazia, dove risiedeva per il controllo del territorio la Legio VII Claudia insediata in questa zona a seguito delle rivolte scoppiate nella provincia nel 6 d.C.

La località è nota anche per il massacro di Treglia, perpetrato contro l'esercito italiano di stanza in Dalmazia nel settembre del 1943, dopo l'armistizio di Cassibile.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Secondo il censimento del 2001 il capoluogo di Treglia conta 2.381 abitanti, mentre in tutto il comune se ne contano 10.799.

Geografia antropicaModifica

LocalitàModifica

La città di Treglia è suddivisa nelle 26 frazioni (naselja)[4] di seguito elencate. Tra parentesi il nome in lingua italiana, generalmente desueto.

  • Bisko (Bisco[2][5][6] o Blisca[5])
  • Budimir (Budimiri[7])
  • Čačvina
  • Čaporice
  • Jercović (Gardun[3][6])
  • Grab
  • Jabuka
  • Kamensko
  • Košute
  • Krivodol
  • Ljut
  • Nova Sela (Novasella[8][9])
  • Podi
  • Rože
  • Strizirep
  • Strmendolac (Starmendolaz[6])
  • Tijarica (Tiarizze[6])
  • Trilj (Treglia)
  • Ugljane (Ugliane[10] o Ugliani[11])
  • Vedrine
  • Velić
  • Vinine
  • Vojnić Sinjski
  • Voštane (Vostane[2][6])
  • Vrabač (Vrabaz[6])
  • Vrpolje (Verpoglie[2][6])

NoteModifica

  1. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, pp. 1117-1122.
  2. ^ a b c d Usporedno Talijansko-Hrvatsko nazivlje mjestat ("Tabella comparativa italiano/croato dei toponimi") pubblicata su Fontes (ISSN 1330-6804 (WC · ACNP), rivista scientifica croata edita dall'Archivio di Stato), giugno 2000.
  3. ^ a b Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 1117.
  4. ^ Frazioni della Regione spalatino-dalmata
  5. ^ a b Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 1121.
  6. ^ a b c d e f g Bisco, Budimir, Gardun, Grab, Podi, Starmendolaz, Tiarizze, Vedrine, Vinine, Vostane e Vrabaz in: RACCOLTA DELLE LEGGI E DELLE ORDINANZE DELL'ANNO 1822 PER LA DALMAZIA. ZARA DALLA STAMPERIA GOVERNIALE 1824., Distretto III di Sign, p. 304.
  7. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 1137.
  8. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 1131.
  9. ^ Novavilla Archiviato il 3 novembre 2013 in Internet Archive. – catasto austriaco franceschino - Archivio di Stato di Spalato
  10. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 1122.
  11. ^ Ugljane (Ugliani) nella mappa ingrandibile di : "Sinj und Spalato" (1911) - K.u.K. Militärgeographisches Institut - 1:75 000 - ZONE 31 - KOL XV"

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN244313577 · GND (DE4823226-9 · WorldCat Identities (EN244313577