Tri Nations 2008
Logo della competizione
Competizione Tri Nations
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 13ª
Organizzatore SANZAAR
ARU, NZRFU, SARFU
Luogo Australia Australia
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Sudafrica Sudafrica
Risultati
Vincitore Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Bledisloe Cup Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Mandela Plate Australia Australia
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2007 2009 Right arrow.svg

Il Tri Nations 2008 è stata la XIII edizione del torneo rugbistico internazionale del Tri Nations.

Tenutosi dal 5 luglio al 13 settembre 2008, ha visto impegnate le tre migliori selezioni nazionali di rugby XV dell'Emisfero Sud, ed è stato vinto dalla Nuova Zelanda, davanti all'Australia e al Sudafrica.

Tale edizione del torneo ha visto anche il collaudo di alcune varianti alle regole del gioco del rugby XV, note come Stellenbosch Laws, dal nome dell'università sudafricana di Stellenbosch, in cui esse furono provate dall'IRB nel 2006. Successivamente esse vennero introdotte in via sperimentale nel Super 14, il torneo professionistico per club della SANZAR, che rappresenta le tre federazioni che compongono il Tri Nations. Per questa ragione, su richiesta della SANZAR, l'IRB ha selezionato per l'edizione 2008 del torneo solo arbitri provenienti da Australia, Nuova Zelanda e Sudafrica, i quali, già a conoscenza delle variazioni al regolamento, erano i più idonei ad applicarle e a portare avanti l'esperimento, condotto per valutare tali varianti in ambito internazionale ad alto livello e poter considerarne un'effettiva integrazione nel corpo del regolamento del gioco.

RisultatiModifica

Wellington
5 luglio 2008
Nuova Zelanda  19 – 8  SudafricaWestpac Stadium (36.568 spett.)
Arbitro:   Stuart Dickinson


Dunedin
12 luglio 2008
Nuova Zelanda  28 – 30  SudafricaCarisbrook (32.210 spett.)
Arbitro:   Matt Goddard

  • Gli Springboks conquistano il loro primo successo a Dunedin, e tornano a vincere in Nuova Zelanda dopo 10 anni.

Perth
19 luglio 2008
Australia  16 – 9  SudafricaSubiaco Oval (41.838 spett.)
Arbitro:   Bryce Lawrence


Sydney
26 luglio 2008
Australia  34 – 19  Nuova ZelandaStadium Australia (78.944 spett.)
Arbitro:   Craig Joubert


Auckland
2 agosto 2008
Nuova Zelanda  39 – 10  AustraliaEden Park (45,000 spett.)
Arbitro:   Mark Lawrence


Città del Capo
16 agosto 2008
Sudafrica  0 – 19  Nuova ZelandaNewlands Stadium (52.000[1] spett.)
Arbitro:   Matt Goddard

  • Dan Carter diventa il nono giocatore nella storia a raggiungere gli 800 punti nei test match[2]
  • Percy Montgomery diventa il nono giocatore nella storia a disputare il 100º incontro ufficiale internazionale.[3]

Durban
23 agosto 2008
Sudafrica  15 – 27  AustraliaKings Park Stadium (50,000[4] spett.)
Arbitro:   Lyndon Bray


Johannesburg
30 agosto 2008
Sudafrica  53 – 8  AustraliaEllis Park (54.000 spett.)
Arbitro:   Bryce Lawrence


Brisbane
13 settembre 2008
Australia  24 – 28  Nuova ZelandaSuncorp Stadium (52,328[5] spett.)
Arbitro:   Jonathan Kaplan

ClassificaModifica

Squadra G V N P P+ P- diff. B Pt.
  Nuova Zelanda 6 4 0 2 152 106 +46 3 19
  Australia 6 3 0 3 119 163 -44 2 14
  Sudafrica 6 2 0 4 115 117 -2 2 10

NoteModifica

  1. ^ Rich, Gavin, SuperSport, Boks blacked out at Newlands, South African Rugby Union, 17 agosto 2008. URL consultato il 24 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2008).
  2. ^ Sportal New Zealand, All Blacks shut Springboks out of game, New Zealand Rugby Union, 17 agosto 2008. URL consultato il 5 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2008).
  3. ^ South Africa 0–19 New Zealand, BBC Sport, 16 agosto 2008. URL consultato il 5 settembre 2008.
  4. ^ Mike Greenaway, Day of shame for bad Boks, Sunday Independent, 24 agosto 2008. URL consultato il 21 novembre 2008.
  5. ^ Match Details: Qantas Wallabies vs. All Blacks, Australian Rugby Union, 13 settembre 2008. URL consultato il 24 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2008).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby