Triacontaedro rombico

Triacontaedro rombico
Triacontaedro rombico
(Animazione)
TipoSolido di Catalan
Forma facceRombi
Nº facce30
Nº spigoli60
Nº vertici32
Valenze vertici3,5
DualeIcosidodecaedro
Proprietànon chirale

In geometria solida il triacontaedro rombico è uno dei tredici poliedri di Catalan, duale dell'icosidodecaedro.

Le sue 30 facce sono rombi aventi il rapporto tra la diagonale maggiore e la diagonale minore pari alla sezione aurea, .

Triacontaedro rombico in assonometria

Area e volumeModifica

L'area A ed il volume V di un triacontaedro rombico i cui spigoli hanno lunghezza a sono le seguenti:

 
 

DualitàModifica

Il poliedro duale del triacontaedro rombico è l'icosidodecaedro, un poliedro archimedeo.

SimmetrieModifica

Il gruppo delle simmetrie del triacontaedro rombico ha 120 elementi; il gruppo delle simmetrie che preservano l'orientamento è il gruppo icosaedrale  . Sono gli stessi gruppi di simmetria dell'icosaedro, del dodecaedro e dell'icosidodecaedro.

 
Gli scheletri del triacontaedro rombico e del duale dell'ortobicupola pentagonale

Altri solidiModifica

I 20 vertici di valenza 3 e le 30 diagonali corte delle facce del triacontaedro rombico sono vertici e spigoli di un dodecaedro.

I 12 vertici di valenza 5 e le 30 diagonali lunghe delle facce del triacontaedro rombico sono vertici e spigoli di un icosaedro.

Il triacontaedro rombico è duale dell'icosidodecaedro. Questo possiede un poliedro isomero, un solido di Johnson denominato ortobirotunda pentagonale. Il poliedro duale di quest'ultimo ha 30 facce come il triacontaedro rombico, ma di queste solo 20 sono rombi: le altre 10 sono trapezi isosceli.

CuriositàModifica

Il triacontaedro rombico è il solido che viene utilizzato per realizzare dadi a 30 facce, che vengono usati come d30 in certi giochi di ruolo e da alcuni professori nelle interrogazioni.

BibliografiaModifica

  • Henry Martin Cundy & A. P. Rollett, I modelli matematici, Milano, Feltrinelli, 1974.
  • Maria Dedò, Forme, simmetria e topologia, Bologna, Decibel & Zanichelli, 1999, ISBN 88-08-09615-7.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica