Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo suburbio, vedi Trionfale (suburbio di Roma).
Q. XIV Trionfale
Stemma ufficiale
Collagetrionfale.jpg
A destra: Basilica di San Giuseppe al Trionfale (in alto), Fontana del Peschiera a piazzale degli Eroi (al centro), Chiesa di Gesù Divino Maestro (in basso). A sinistra: Osservatorio astronomico di Monte Mario (in alto), Parco del Pineto (al centro), Pista ciclabile nei pressi della Stazione di Gemelli.
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma I
Municipio Roma XIII
Municipio Roma XIV
Data istituzione20 agosto 1921[1]
Codice214
Superficie6,1691 km²
Abitanti55 338 ab.[2] (2016)
Densità8 970,19 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°55′23.54″N 12°26′16.56″E / 41.923205°N 12.437934°E41.923205; 12.437934

Trionfale
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma XIV
Data istituzione29-30 luglio 1977[3]
Codice19E
Superficie3,34 km²
Abitanti17 312 ab.[4] (2016)
Densità5 183,23 ab./km²

Trionfale è il quattordicesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XIV e la zona urbanistica 19E del Municipio Roma XIV.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Si trova nell'area ovest della città, a ridosso delle Mura leonine e comprende il parco regionale urbano del Pineto.

Il quartiere confina:

La zona urbanistica si estende sul suburbio Della Vittoria e confina:

StoriaModifica

Il Trionfale è fra i primi 15 quartieri nati nel 1911, ufficialmente istituiti nel 1921. Prende il nome dalla via Trionfale, che lo attraversa. Questa era la strada attraverso la quale i generali romani vincitori entravano a Roma dopo le loro battaglie.

Durante tutto il Medioevo, attraverso questa stessa via, i pellegrini provenienti dalla via Francigena arrivavano nella città eterna. A testimonianza di questo passato è rimasta la piccola chiesa rettoria di San Lazzaro in Borgo del XII secolo dove i pellegrini dovevano sostare prima di essere ammessi nella città.

StemmaModifica

Di rosso al trofeo d'argento.[11]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture civiliModifica

Progetto dell'architetto Gaetano Vinaccia.
 
Piazzale degli eroi (1992)

Architetture religioseModifica

Chiesa annessa alla parrocchia di Santa Maria delle Grazie al Trionfale.
Parrocchia eretta il 10 dicembre 1951 con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara "Cum SS.mus Dominus Noster".
Luogo sussidiario di culto della parrocchia di Gesù Divino Maestro.
  • Chiesa di San Fulgenzio, su via della Balduina.
Parrocchia eretta il 9 novembre 1967 con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara "Quotidianis curis"
Annessa all'omonimo istituto scolastico delle suore del Bambino Gesù e demolita nel 2017.
  • Cappella della Immacolata dei Miracoli, su via Sebastiano Veniero.
Annessa all'omonimo istituto scolastico delle Suore di carità dell'Immacolata Concezione (Ivrea).

Architetture militariModifica

Aree naturaliModifica

 
Parco del Pineto, entrata vicino alla Parrocchia Gesù Divino Maestro

IstituzioniModifica

Infrastrutture e trasportiModifica

  È raggiungibile dalla stazione Cipro.
 È raggiungibile dalle stazioni di: BalduinaAppiano e Gemelli.

NoteModifica

  1. ^ Delibera di Giunta n. 20 del 20 agosto 1921.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Delibera consiliare n. 2983 del 29-30 luglio 1977.
  4. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per zone urbanistiche.
  5. ^ Separato da via Trionfale, dallo svincolo per via della Pineta Sacchetti a via Igea.
  6. ^ Separato da via Trionfale, nel tratto da via Igea a viale delle Milizie.
  7. ^ Separato da via Leone IV.
  8. ^ Separata dalle Mura Vaticane lungo viale Vaticano.
  9. ^ Separato da via di Porta Pertusa, via Aurelia, via Anastasio II, viale di Valle Aurelia e via del Pineto Torlonia.
  10. ^ Separato da via della Pineta Sacchetti.
  11. ^ Carlo Pietrangeli, p. 192.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma