Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Tristezza (disambigua).
Dettaglio della scultura seicentesca Deposizione di Cristo, dove è raffigurata Maria Maddalena in uno stato di profonda tristezza.
Almeida Júnior - Saudade (Longing) - Google Art Project

«Buongiorno tristezza, amica della mia malinconia...
la strada la sai, facciamoci ancor oggi compagnia...»

(Giuseppe Fiorelli, Mario Ruccione, Buongiorno Tristezza)

La tristezza è un'emozione contraria alla gioia e alla felicità. Essa può essere provata in condizioni normali, durante la vita di tutti i giorni, oppure a causa di un evento particolarmente drammatico, come una perdita, un lutto o una scomparsa. È una delle "sei emozioni fondamentali" descritte da Paul Ekman, insieme a felicità, rabbia, sorpresa, paura e disgusto[1].

Il momento della tristezza rappresenta l'incontro tra il desiderio e i suoi limiti propri. Non è l'esterno che in qualche modo delimita il desiderio, bensì questi limiti sono costitutivi del desiderio stesso. Accettare la propria limitatezza aiuta in qualche modo a superare la tristezza.

Questo sentimento è proprio soprattutto degli artisti, che cercano continuamente di superare sé stessi. Molti pittori, poeti, musicisti hanno prodotto le loro migliori opere in momenti di grande tristezza e malinconia.

La tristezza è un sentimento fisiologico se limitato ad occasioni circoscritte. Se questa situazione perdura per lunghi periodi si parla di depressione.

La tristezza non è direttamente collegabile alla depressione, può essere intesa come l'inizio di un male fisico e mentale quale la depressione, per questo non è da sottovalutare. La tristezza può essere anche portata dall'insoddisfazione o dal non aver effettuato o portato avanti nella propria vita scelte e decisioni significative.

Nel Vangelo di Luca (Luca 22:45) alcuni discepoli dormivano per la tristezza; questo esempio può far soffermare sul potere in un certo senso invalidante di questo sentimento/emozione, che da semplice conseguenza può diventare causa di impotenza operativa e innestare un circolo vizioso.

Indice

NeuroanatomiaModifica

Secondo l'American Journal of Psychiatry, la tristezza è stata trovata associata ad "aumenti dell'attività bilaterale nelle vicinanze della corteccia temporale mediale e posteriore, del cervelletto laterale, del verme cerebellare, del mesencefalo, del putamen e del nucleo caudato"[2]. Usando la tomografia ad emissione di positroni (PET), Pardo ed i suoi colleghi sono stati in grado di provocare tristezza tra sette uomini e donne normali chiedendo loro di pensare a cose tristi. Hanno osservato un aumento dell'attività cerebrale nella corteccia inferiore e orbitofrontale bilaterale[3]. In uno studio che induceva tristezza nei soggetti mostrando clip di filmati emotivi, la sensazione era correlata a significativi aumenti dell'attività cerebrale regionale, specialmente nella corteccia prefrontale, nella regione chiamata area 9 di Brodmann e nel talamo. Un significativo aumento dell'attività è stato osservato anche nelle strutture temporali anteriori bilaterali[4].

Segni fisiologiciModifica

PupilleModifica

La dimensione della pupilla può essere un indicatore di tristezza. Un'espressione facciale triste è giudicata più intensamente triste quando diminuisce la dimensione della pupilla[5]. La dimensione della pupilla di una persona diventa più piccola quando si guardano facce tristi con piccole pupille. Nessun effetto parallelo esiste quando le persone guardano espressioni neutre, felici o arrabbiate[5]. Il grado maggiore in cui le pupille di una persona rispecchiano quelle di un'altra preannuncia il maggior punteggio di una persona sull'empatia[6].

Tono vocaleModifica

Secondo Swati Johar, la tristezza è un'emozione "identificata dagli attuali sistemi di elaborazione di dialoghi vocali"[7]. L'energia quadratica media, il silenzio inter-parola e la frequenza di parole sono stati rilevati come misure utili nel distinguere la tristezza dalle altre emozioni[8]. La tristezza è comunicata principalmente riducendo la media e la variabilità della frequenza fondamentale (f0), oltre ad essere associata ad un'intensità vocale più bassa e con diminuzioni di f0 nel tempo[9][10]. Johar sostiene che "quando qualcuno è triste, viene prodotto un discorso lento e basso con una debole energia ad alta frequenza audio". Allo stesso modo, "lo stato di tristezza è attribuibile al tempo lento, alla velocità del parlato e al tono medio più bassi"[7].

La tristezza è, come affermato da Klaus Scherer, una delle "emozioni più riconosciute nella voce [umana]", sebbene il tasso di riconoscimento sia "generalmente un po' inferiore a quella dell'espressione facciale". In uno studio di Scherer, è emerso che nei paesi occidentali la tristezza aveva il 79% di accuratezza per il riconoscimento facciale e il 71% per la voce, mentre nei paesi non occidentali i risultati erano rispettivamente del 74% e del 58%[11].

Muscolatura faccialeModifica

Tutta la muscolatura facciale è coinvolta durante un'espressione di tristezza: i muscoli perdono di rigidità, talvolta manifestando inespressività, la fronte tende a corrugarsi, gli angoli della bocca sono rivolti verso il basso.

Nell'infanziaModifica

La tristezza è un'esperienza comune nell'infanzia. Alcune famiglie possono avere una regola (conscia o inconscia) secondo cui la tristezza è "non permessa"[12], ma Robin Skynner ha suggerito che ciò potrebbe causare problemi, sostenendo che con la tristezza "cancellata", le persone possono diventare superficiali e maniacali[13]. Il pediatra T. Berry Brazelton suggerisce che riconoscere la tristezza può rendere più facile per le famiglie affrontare problemi emotivi più gravi[14].

La tristezza fa parte del normale processo del bambino che si separa da una prima simbiosi con la madre e diventa più indipendente. Ogni volta che un bambino si separa un po' di più, lui o lei dovrà far fronte a una piccola perdita. Se la madre non può permettere che l'angoscia minore sia coinvolta, il bambino non può mai imparare come affrontare la tristezza da solo[13]. Brazelton sostiene che troppo buon umore per un bambino, svaluta l'emozione della tristezza[14]; e Selma Fraiberg suggerisce che è importante rispettare il diritto di un bambino di sperimentare una perdita in modo completo e profondo[15].

Margaret Mahler ha visto la capacità di provare tristezza come un risultato emotivo, in contrasto, ad esempio, con l'iperattività irrequieta[16]. Donald Winnicott ha visto similmente nel triste pianto la radice psicologica di preziose esperienze musicali nella vita successiva[17].

Strategie di copingModifica

Le persone affrontano la tristezza in modi diversi, ed essa è un'emozione importante perché aiuta a motivare le persone ad affrontare la loro situazione. Alcuni meccanismi di coping includono: ottenere supporto sociale e/o passare il tempo con un animale domestico[18], creare una lista, o impegnarsi in qualche attività per esprimere la tristezza[19]. Alcuni individui, quando si sentono tristi, possono escludersi da un ambiente sociale, in modo da prendersi il tempo per riprendersi dal sentimento.

Pur essendo uno degli stati d'animo che le persone vogliono maggiormente scacciare, la tristezza a volte può essere perpetuata dalle stesse strategie di coping scelte, come ruminare, "affogare le proprie pene", o isolarsi permanentemente[1]. Come modi alternativi di affrontare la tristezza di cui sopra, la terapia cognitivo-comportamentale suggerisce invece di sfidare i propri pensieri negativi, o di programmare qualche evento positivo come una distrazione[1].

Essere attenti e pazienti con la propria tristezza può anche essere un modo per le persone di imparare attraverso la solitudine[20], mentre il supporto emotivo per aiutare le persone a stare con la loro tristezza può essere di ulteriore aiuto[13]. Tale approccio è alimentato dalla convinzione di fondo che la perdita (quando sentita con tutto il cuore) può portare a un nuovo senso di vitalità e ad un nuovo impegno con il mondo esterno[21].

NoteModifica

  1. ^ a b c Daniel Goleman, Emotional Intelligence, London, United Kingdom, 1996.
  2. ^ R.D. Lane, E.M. Reiman, G.L. Ahern, G.E. Schwartz e R.J. Davidson, Neuroanatomical Correlates of Happiness, Sadness, and Disgust, in American Journal of Psychiatry, vol. 154, nº 7, luglio 1997, pp. 926–33, DOI:10.1176/ajp.154.7.926, PMID 9210742.
  3. ^ J.V. Pardo, P.J. Pardo e M.E. Raichle, Neural correlates of self-induced dysphoria, in American Journal of Psychiatry, vol. 150, nº 150, maggio 1993, pp. 713–9, DOI:10.1176/ajp.150.5.713, PMID 8480815.
  4. ^ M.S. George, T.A. Ketter, J.I. Parekh, B. Horwitz, P. Herscovitch e R.M. Post, Brain activity during transient sadness and happiness in healthy women, in American Journal of Psychiatry, vol. 152, nº 152, marzo 1995, pp. 341–51, DOI:10.1176/ajp.152.3.341, PMID 7864258.
  5. ^ a b Neil A. Harrison, Tania Singer, Pia Rotshtein, Ray J. Dolan e Hugo D. Critchley, Pupillary contagion: central mechanisms engaged in sadness processing, in Social Cognitive and Affective Neuroscience, vol. 1, nº 1, 1º giugno 2006, pp. 5–17, DOI:10.1093/scan/nsl006, PMC 1716019, PMID 17186063. URL consultato il 21 giugno 2018.
  6. ^ Neil A. Harrison, C.E. Wilson e H.D. Critchley, Processing of observed pupil size modulates perception of sadness and predicts empathy, in Emotion, vol. 7, nº 4, novembre 2007, pp. 724–9, DOI:10.1037/1528-3542.7.4.724, PMID 18039039.
  7. ^ a b Swati Johar, Emotion, Affect and Personality in Speech: The Bias of Language and Paralanguage, SpringerBriefs in Speech Technology, Springer, 22 dicembre 2015, ISBN 978-3-319-28047-9.
  8. ^ Serdar Yildirim, Murtaza Bulut, Chul M. Lee, Abe Kazemzadeh, Carlos Busso, Zhigang Deng, Sungbok Lee e Shrikanth Narayanan, An acoustic study of emotions expressed in speech (PDF), in ISCA, 2004, pp. 1. URL consultato il 20 giugno 2018.
  9. ^ Łukasz Stolarski, Pitch Patterns in Vocal Expression of "Happiness" and "Sadness" in the Reading Aloud of Prose on the Basis of Selected Audiobooks (PDF) [collegamento interrotto], in Research in Language, vol. 13, nº 2, 2015, pp. 141–162, DOI:10.1515/rela-2015-0016. URL consultato il 20 giugno 2018.
  10. ^ Jo-Anne Bachorowski, Vocal Expression and Perception of Emotion (PDF), in Current Directions in Psychological Science, vol. 8, nº 2, 20 aprile 1999, pp. 53–57, DOI:10.1111/1467-8721.00013. URL consultato il 21 giugno 2018.
  11. ^ Klaus R. Scherer, Vocal communication of emotion: A review of research paradigms, in Speech Communication, vol. 40, 1–2, 2003, pp. 235–6, DOI:10.1016/S0167-6393(02)00084-5. URL consultato il 20 giugno 2018.
  12. ^ Karen Masman, The Uses of Sadness: Why Feeling Sad is No Reason Not to be Happy, Allen & Unwin, 21 luglio 2010, p. 8, ISBN 978-1-74175-757-6.
  13. ^ a b c Robin Skynner e John Cleese, Families and How to Survive Them, 1994.
  14. ^ a b T. Berry Brazelton, To Listen to a Child, 1992.
  15. ^ Selma H. Fraiberg, The Magic Years, New York, United States, 1987, p. 274.
  16. ^ Margaret S. Mahler, Fred Pine e Annl Bergman, The Psychological Birth of the Human Infant: Symbiosis and Individuation, London, United Kingdom, 1975, p. 92.
  17. ^ D.W. Winnicott, The Child, the Family, and the Outside World, United Kingdom, Penguin Books, 1973, p. 64.
  18. ^ Bos, E.H., Snippe, E., de Jonge, P. e Jeronimus, B.F., Preserving Subjective Wellbeing in the Face of Psychopathology: Buffering Effects of Personal Strengths and Resources, in PLOS ONE, vol. 11, nº 3, 2016, pp. e0150867, DOI:10.1371/journal.pone.0150867, PMC 4786317, PMID 26963923.
  19. ^ Why It’s Import to Express Your Sadness, su Free Online Therapy, ottobre 2018.
  20. ^ Aliki Barnstone, New England Review (1990–), in Spring, vol. 21, nº 2, 2000, p. 19, ISSN 1053-1297 (WC · ACNP), JSTOR i40009359.
  21. ^ Michael Parsons, The Dove that Returns, the Dove that Vanishes: Paradox and Creativity in Psychoanalysis, London, United Kingdom, Routledge, 13 agosto 2000, p. 4, ISBN 978-0-415-21182-6.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàGND (DE4391630-2 · NDL (ENJA01082965
  Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia