Apri il menu principale

Troppo forte

film del 1986 diretto da Carlo Verdone
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima serie televisiva statunitense, vedi Troppo forte!.
Troppo forte
Troppo Forte.PNG
Oscar (Carlo Verdone) nel prologo del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1986
Durata105 min
Generecommedia
RegiaCarlo Verdone
SoggettoSergio Leone, Rodolfo Sonego, Carlo Verdone
SceneggiaturaSergio Leone, Rodolfo Sonego, Alberto Sordi, Carlo Verdone
ProduttoreAugusto Caminito
Casa di produzioneScena Film
Distribuzione in italianoTitanus
FotografiaDanilo Desideri
MontaggioNino Baragli
MusicheAntonello Venditti
ScenografiaFranco Velchi
CostumiRaffaella Leone
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Troppo forte è un film del 1986 di Carlo Verdone, interpretato dallo stesso Verdone insieme a Stella Hall e Alberto Sordi.

Indice

TramaModifica

Roma. Oscar è un giovane della periferia che frequenta gli studi di Cinecittà, atteggiandosi a bullo di quartiere e sognando una grande carriera di attore; ma, al momento, è costretto a guadagnarsi da vivere come stuntman in film minori. Scartato all'ennesimo provino per una grossa produzione, un deluso Oscar, spinto da un estroso avvocato incontrato casualmente, si lascia convincere a vendicarsi del ricco produttore della pellicola, truffandolo con un falso incidente stradale: il destino vuole però che quel giorno alla guida dell'auto non ci sia l'uomo bensì la sua amante, Nancy, una giovane attrice italoamericana indicata come astro nascente dello star system. L'accaduto, e il possibile scandalo che potrebbe derivarne, le costano il licenziamento.

Abbandonata da tutti e rimasta bloccata a Roma senza un soldo, Nancy non trova altro appiglio che Oscar, il quale, in realtà ragazzo dall'animo mite e bonario, le offre ospitalità a casa sua; con il passare dei giorni, cercando di darsi una mano a vicenda, tra i due nasce una forte amicizia, se non qualcosa di più profondo. Allo stesso tempo Oscar è alle prese con le sempre più frequenti bizzarrie dell'avvocato, il quale è deciso a portare la tentata truffa finanche in tribunale, e pur di vincere la causa trascina il suo assistito in situazioni al limite, tra operazioni chirurgiche superflue e arringhe inverosimili.

Tutto degenera quando Oscar scopre che l'avvocato altri non è che un mitomane, incappato nell'ennesima crisi di personalità: resosi improvvisamente conto dell'abbaglio, il ragazzo vede svanire di lì a breve anche l'amore quando Nancy decide di tornare oltreoceano dalla sua famiglia, soprattutto a un'esistenza lontana dai riflettori, ormai conscia di quanto la fama non sia tutto. Oscar accusa il colpo ma non si dà per vinto e, in fondo reso più maturo dagli ultimi eventi, va ad affrontare l'ennesima audizione con una rinnovata consapevolezza.

ProduzioneModifica

Scritto da Carlo Verdone assieme ai suoi due mentori artistici, Sergio Leone e Alberto Sordi,[1] e con l'apporto di Rodolfo Sonego, sceneggiatore di fiducia di Sordi,[2] la pellicola vede inoltre una colonna sonora curata dal cantautore Antonello Venditti.[3]

L'idea iniziale di Troppo forte nacque dalla voglia di Verdone di «raccontare un bullo di periferia e costruire su di lui l'intero film».[4] L'attore e regista rifuggì da un certo paragone con l'Enzo a sua volta portato sul grande schermo qualche anno prima in Un sacco bello, poiché «lì il personaggio era più volgare[5] [...] quello era un diavolaccio cinico e squallido che andava in giro con l'ovatta nei pantaloni per sentirsi più virile. Oscar Pettinari, invece, è più umano, non è il solito macchiettone in salsa romanesca. Almeno spero».[6]

RegiaModifica

La pellicola mostra una Roma preda di «un'estate torrida, desolata, deserta...»[5] Fu questa una precisa scelta stilistica di Verdone, il quale, in controtendenza rispetto alla propria precedente filmografia, volle così trasmettere agli spettatori «l'idea di una realtà squallida, calda, opprimente», resa attingendo anche a un diverso metodo di riprese: «niente camera fissa e primi piani, ma inquadrature mobili, tagli all'americana».[6]

CastModifica

La parte del legale preda di crisi di memoria era stata in origine pensata da Verdone per Leopoldo Trieste,[7] storico caratterista del cinema italiano, il quale ne avrebbe dovuto dare un'interpretazione meno invadente e più dimessa,[4] ovvero un «avvocaticchio»[5] maggiormente in linea col registro stilistico della pellicola. Sordi volle invece marcare il ruolo con una parlantina alla Ollio — ricalcando quel Mario Pio che, nel secondo dopoguerra, aveva contribuito a portarlo alla ribalta nei suoi esordi radiofonici —;[2] una scelta «ibrida» che, a posteriori, non fece amare in toto a Verdone questa sua opera:[7]

«io devo molto a Sordi, ho la massima stima di lui ma credo che in quel film abbia sbilanciato l'intero racconto [...] ha buttato un po' in farsa quello che era uno sguardo ironico già abbastanza forte per conto suo sul mondo dei coatti romani. Ha dato un tono farsesco che non si sposava con i personaggi che avevo scelto e con il tono di regia che avevo deciso. [...] è un film riuscito a metà perché siamo andati su binari diversi: Sordi è andato da una parte e io ho proseguito sull'altra.»

(Carlo Verdone, 1999[4])

Stella Hall, esordiente modella statunitense e protagonista femminile, venne scelta da Verdone poiché «occorreva [...] un viso che si distaccasse decisamente da quello degli altri personaggi» italiani e, in gran parte, romani come i bulli che fanno da contorno a Oscar,[5] dei «Rambo di periferia»,[6] tutti figuranti non professionisti e pescati nelle borgate della capitale.[5] Tra gli interpreti anche Mario Brega, il quale compare in un breve cameo nei panni dell'allibratore Sergio; tale personaggio non era inizialmente previsto nel copione ma, data l'insistenza di Brega, già presente in passate pellicole di Verdone, nel voler prendere parte al progetto, l'attore e regista creò appositamente per l'amico questo piccolo ruolo.[8]

RipreseModifica

Dato lo sviluppo della pellicola, tutte le riprese si svolsero nella capitale e nei suoi immediati dintorni,[9] «girando in posti come Torvaianica, il porto fluviale, le borgate» durante l'estate del 1985. La mansarda di Oscar, pur se creata in un set,[6] e il luogo di bivacco del suo gruppo d'amici vennero individuati, per le location esterne, nel quartiere Ostiense, mentre il falso incidente tra il metallaro e Nancy fu inscenato nella zona dell'EUR, la stessa dov'è presente l'albergo in cui trovava alloggio la ragazza; l'abitazione del sedicente avvocato è invece sita nel centro storico della città eterna. I veri studi cinematografici di Cinecittà, sulla via Tuscolana, furono teatro dei vari provini di Oscar e del suo primo incontro con l'avvocato. Per quanto concerne infine le sequenze d'azione in motocicletta, quella del prologo venne girata lungo le strade che attraversano la pineta di Castel Porziano,[9] mentre la gara clandestina vide come sfondo le cave di pozzolana della Magliana.

CriticaModifica

Il personaggio di Oscar Pettinari, protagonista della pellicola, fu considerato dagli addetti ai lavori una sorta di «Nando Mericoni degli anni '80», ovvero un'evoluzione in salsa metallara del personaggio portato al successo da Alberto Sordi in pellicole quali Un giorno in pretura e Un americano a Roma.[1] Sulla falsariga del Nando del secondo dopoguerra, Verdone utilizza la maschera di Oscar per mettere alla berlina vizi e virtù dell'italiano medio del tempo — in particolar modo un certo atteggiamento «rambista» all'epoca proliferante —,[10] proseguendo di fatto un ideale passaggio di consegne tra il maestro Sordi e l'allievo Verdone, già palesatosi qualche anno prima con In viaggio con papà.[8]

Per quanto Troppo forte sia ricco di episodi e battute rimaste nella memoria degli affezionati[7][10] — «certamente è un film squilibrato e il successo che ha avuto è legato, credo, a certi virtuosismi miei, a certi di Sordi», ricorderà anni dopo lo stesso Verdone —,[4] la sesta opera dell'autore romano venne sì vista come un ritorno alle origini,[5][6] ma anche come una battuta d'arresto nella sua carriera, causa un protagonista che, anziché imboccare una propria via comica, sembra appigliarsi a una certa farsa all'italiana degli anni 1950,[1] nonché riproporre situazioni già mostrate e analizzate in precedenti opere della filmografia verdoniana:[2] su tutti, il rapporto tra Oscar e l'italoamericana Nancy, che pare ricalcare fin troppo quello visto in Un sacco bello tra Leo e la spagnola Marisol,[1][11] o l'«ingenuità tanto spaccona quanto arrendevole» del metallaro, paragonata a quella del Rolando di Acqua e sapone.[2]

Accento negativo venne posto nel non aver saputo sfruttare appieno il potenziale della coppia Leone-Sordi dietro le quinte, con una sceneggiatura che dopo la prima, godibile, mezz'ora va lentamente a scemare, nonché nella resa davanti alla cinepresa proprio del personaggio interpretato da Sordi, trasformato di fatto in una macchietta[1] e capace di riscattarsi soltanto nell'epilogo.[2] Gli stessi duetti tra Verdone e Sordi, in vari momenti del racconto, furono ritenuti carenti dal punto di vista della sintonia e dell'interazione:[11] come ammetterà lo stesso attore e regista, «certamente, questa volta abbiamo funzionato relativamente».[4]

RiconoscimentiModifica

Per la sua interpretazione di Oscar Pettinari, Carlo Verdone ottenne una candidatura ai Nastri d'argento 1986 come migliore attore protagonista.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Chi si rivede, Moriconi Nando! Ma ora è diventato "metallaro", in la Repubblica, 31 gennaio 1986, p. 19.
  2. ^ a b c d e Giancarlo Zappoli, "Verdone al suo sesto film segna una battuta d'arresto, ma resta intatta la simpatia dei suoi personaggi", su mymovies.it.
  3. ^ Verdone è Troppo forte (con musica di Venditti), in La Stampa, 30 gennaio 1986, p. 25.
  4. ^ a b c d e Verdone, Panero, Troppo forte, p. 120
  5. ^ a b c d e f Lamberto Antonelli, «Troppo forte»: un «Rambo» in romanesco, in Stampa Sera, 4 novembre 1985, p. 6.
  6. ^ a b c d e Michele Anselmi, Sono il Rambo del Testaccio (PDF), in l'Unità, 6 ottobre 1985, p. 13 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  7. ^ a b c Troppo Forte - Curiosità, su carloverdone.com.
  8. ^ a b Stasera in TV, Troppo Forte con Carlo Verdone, su Rai 3, trailer e critica, su cineblog.it, 2 maggio 2013.
  9. ^ a b Location verificate: Troppo forte (1986), su davinotti.com.
  10. ^ a b Gian Luigi Rondi, Troppo forte, in Il Tempo, 31 gennaio 1986.
  11. ^ a b Verdone, Panero, Io e "mio fratello", p. 8

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema