Tsukubashū

Tsukubashū (菟玖波集, "La raccolta di Tsukuba", compilata nel 1356 circa) è stata la prima antologia imperiale di renga.[1] Si compone di 20 volumi e comprende 2190 poesie. Tale composizione di antologia segue la segmentazione del Chokusen wakashū.

È stata compilata da Nijō Yoshimoto e dal monaco Kyūsei, completata nel 1356 e designata come antologia imperiale nel 3 settembre 1357, divenne quindi la prima antologia imperiale di renga in Giappone. Sasaki Takauji giocò un ruolo attivo nella sua stesura, in quanto la versione finale conteneva ottantuno suoi poemi[1], molti dei contributori erano famiglie di samurai come Ashikaga Takauji, Ashikaga Yoshiakira, Sasaki Takauji, nonché la famiglia imperiale e kuge (nobili di corte). Oltre ai renga imperiale, l'antologia contiene, nel libro 19, la più antica collezione di renku (haikai no renga).[2] La compilazione di questa antologia di renga ha contribuito all'indipendenza del renga dal waka. Il numero di autori è 450 e la maggior parte di essi sono vissuti dopo il periodo Kamakura.

Origine del titoloModifica

Il titolo dell'opera fa riferimento a Tsukuba, una località nel Giappone orientale in cui, secondo il Kojiki, Yamato Takeru scambia versi con un anziano:

Takeru: Dopo aver superato Niibari / e Tsukuba / quante notti ho dormito?

Vecchio: A contarle le notti sono nove / i giorni dieci.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Takeshi Watanabe, Breaking Down Barriers: A History of Chanoyu, Yale Art Gallery, 2009, p. 50, ISBN 978-0-300-14692-9.
  2. ^ H. Mack. Horton, Early Haikai Linked Verse, in Journal of Renga & Renku, vol. 2, 2012, p. 79.

BibliografiaModifica

  • Pierantonio Zanotti, Introduzione alla storia della poesia giapponese, Marsilio, 2012.
Controllo di autoritàNDL (ENJA00642203