Apri il menu principale

Tubicen

Tubicen
Arch of Titus Menorah.png
Due tubae (sulla destra) nel corso della processione di un trionfo (arco di Tito, Roma).
Descrizione generale
AttivaEtà repubblicana e imperiale
NazioneAntica Roma
Tiposuonatori dell'esercito romano
Guarnigione/QGCastrum
DecorazioniDona militaria
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il tubicen (pl. latino tubicines) era un soldato dell'esercito romano che si occupava di suonare lo strumento a fiato della tuba (simile ad una tromba moderna). Il suo compito era simile a quello degli altri suonatori dell'esercito romano: impartire gli ordini degli ufficiali attraverso il suono. Faceva parte della categoria dei principales, insieme a cornicines e bucinatores,[1] ovvero di quei sotto-ufficiali appartenenti al gruppo dei sesquiplicariui.

Indice

StrumentoModifica

Lo strumento che il miles suonava ebbe quasi certamente origini etrusche, come ci racconta Virgilio,[2] ispirata a sua volta ad uno strumento dell'antica Grecia, il salpinx. Era un tubo sottile, solitamente di bronzo lungo oltre un metro, con una parte finale che si apriva ad imbuto. Il suono sembra che fosse terribile, sebbene nel pieno della battaglia poteva capitare di non essere udito,[3] come accadde a Cesare nella battaglia di Gergovia (52 a.C.).[4]

UsoModifica

Flavio Vegezio Renato sostiene che la tuba fosse usata soprattutto in caso di avanzata o di ritirata.[5] E se il cornu era usato per i signiferi, la tuba lo era per tutti i soldati. Un esempio ci viene da Flavio Giuseppe, il quale sostiene vi fossero tre segnali specifici quando si smontava l'accampamento e l'esercito si metteva in marcia.[6]

TruppaModifica

Secondo Gaio Sallustio Crispo i suonatori di tuba erano probabilmente uno per coorte,[7] anche se non possiamo escludere fossero in numero superiore (uno per manipolo, quindi 3 per coorte). A capo di questi suonatori sembra poi vi fosse un tubicen princeps.[8] Avevano una paga di una volta e mezzo (sesquiplicarius) rispetto ai normali miles-legionari. Erano inquadrati sia nelle legioni romane,[9] sia nelle unità ausiliarie,[10] sia nella guardia pretoriana[11] e tra gli equites singulares.[12]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • G. Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. I - Dalle origini alla fine della repubblica, Rimini 2007.
  • G. Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, Rimini 2008.
  • G. Cascarino & C. Sansilvestri, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, Rimini 2009.
  • A.K.Goldsworthy, Storia completa dell'esercito romano, Modena 2007. ISBN 978-88-7940-306-1
  • Y. Le Bohec, L'esercito romano da Augusto alla fine del III secolo, Roma 1992, VII ristampa 2008.
  • Y. Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008. ISBN 978-88-430-4677-5
  • G. Webster, The Roman Imperial Army, Londra - Oklahoma 1998.