Apri il menu principale
Uc[1] de Pena

Uc[1] de Pena o Penna (Penne-d'Agenais nel Rouergue[2], ... – ...) è stato un trovatore occitano il cui intero corpus poetico è costituito da tre cansos senza alcuna partitura musicale.

Indice

BiografiaModifica

Secondo l'autore della sua vida il luogo di nascita di Uc era un castello chiamato "Messat" o "Monmessat".[2] Figlio di un mercante, diventa un menestrello rinomato per il suo canto e il suo esteso repertorio (di composizioni altrui).[2] Era inoltre apprezzato per la sua conoscenza dei "grandi uomini di quelle regioni", ma noto anche per il suo stile di vita bricconesco — gioco d'azzardo e frequentazione di taverne — per questa ragione, scrive il suo biografo, "era sempre povero e senza mezzi".[2] Alla fine viaggiando verso oriente arrivò all'"Isla é(n) Venaissi" (probabilmente Isle-sur-Sorgue in Provenza), dove si sposa.[2]

In una canzone, Uc fa riferimento a un cavaliere occitano Gouffier de Lastours, il quale portava un messaggio di Boemondo di Taranto a Goffredo di Buglione durante la decisiva battaglia di Dorylaeum nella prima crociata.[3] Questo evento era probabilmente diventato un importante tema tradizionale della crociata occitana ed è attestato anche nella Canso d'Antioca e nella Gran Conquista de Ultramar.[3]

Tra gli altri suoi lavori abbiamo Quora que'm desplagués Amors.

NoteModifica

  1. ^ Il nome Uc può essere trovato scritto anche nella forma Uco, o Ugo)
  2. ^ a b c d e Egan, 109.
  3. ^ a b Sweetenham and Paterson, 37.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie