Ulrica Federica Guglielmina d'Assia-Kassel

principessa tedesca
Ulrica Federica Guglielmina d'Assia-Kassel
Ulrica Friederica Gemahlin des Bischofs.jpg
Duchessa di Oldenburgo
In carica 1774-1785
Predecessore Titolo non esistente
Successore Cecilia di Svezia (granduchessa)
Nascita Kassel, 31 ottobre 1722
Morte Eutin, 28 febbraio 1787
Padre Langravio Massimiliano d'Assia-Kassel
Madre Langravia Federica Carlotta d'Assia-Darmstadt
Consorte Federico Augusto I, Duca di Oldenburg
Figli Guglielmo, Duca di Oldenburg
Carlotta, Regina di Svezia

Principessa Ulrica Federica Guglielmina d'Assia-Kassel[1][2] (tedesco: Prinzessin Ulrike Friederike Wilhelmine von Hessen-Kassel[1][2]; Kassel, 31 ottobre 1722Eutin, 28 febbraio 1787) era la secondogenita del principe Massimiliano d'Assia-Kassel (1689-1753), figlio del langravio Carlo I d'Assia-Kassel, e di sua moglie, la principessa Federica Carlotta d'Assia-Darmstadt (1698-1777), figlia del langravio Ernesto Luigi d'Assia-Darmstadt.

BiografiaModifica

Trascorse la sua infanzia tra la residenza paterna di Jesberg e la corte di Darmstadt. Il matrimonio tra i suoi genitori, che aveva avuto lo scopo di sancire la rinnovata armonia tra l'Assia-Kassel e l'Assia-Darmstadt, non aveva impedito che la madre, che inoltre manteneva un tenore di vita molto costoso, continuasse a preferire la residenza della famiglia d'origine.

Il 21 novembre del 1752 sposò a Kassel[1][2] Federico Augusto di Holstein-Oldenburgo[1][2], all'epoca principe-vescovo di Lubecca e, dal 1774, duca di Oldenburgo. La coppia ebbe tre figli, di cui solo due arrivati all'età adulta:[1][2]

Pur essendo divenuta Duchessa Consorte di Oldenburgo, Ulrica Federica Guglielmina non visse mai nei domini del marito, continuando a risiedere insieme a lui nella città di Eutin, dove Federico Guglielmo le fece edificare una Residenza Vedovile, tutt'oggi visibile nella Piazza del Mercato di Eutin.

Dei suoi figli, Guglielmo succedette al padre ma, essendo malato di mente, non contrasse mai alcun matrimonio (nonostante fossero stati avviati negoziati per ottenere la mano della Principessa Carlotta d'Assia-Darmstadt) e visse sotto la tutela del cugino Pietro, che succedette alla sua morte nel 1823. Sua figlia Carlotta divenne invece Regina di Svezia, ma non riuscì a dare al marito alcun figlio. Di conseguenza, non esistono oggi discendenti diretti di Ulrica Federica Guglielmina e del consorte.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Guglielmo VI, Langravio d'Assia-Kassel Guglielmo V, Langravio d'Assia-Kassel  
 
Contessa Amalia Elisabetta di Hanau-Münzenberg  
Carlo I, Langravio d'Assia-Kassel  
Margravia Edvige Sofia di Brandeburgo Giorgio Guglielmo, Elettore di Brandeburgo  
 
Contessa Palatina Elisabetta Carlotta di Simmern  
Langravio Massimiliano d'Assia-Kassel  
Giacomo Kettler Guglielmo Kettler  
 
Duchessa Sofia di Prussia  
Amalia di Curlandia  
Margravia Luisa Carlotta di Brandeburgo Giorgio Guglielmo, Elettore di Brandeburgo  
 
Contessa Palatina Elisabetta Carlotta del Reno  
Principessa Ulrica Federica Guglielmina d'Assia-Kassel  
Luigi VI, Langravio d'Assia-Darmstadt Giorgio II, Langravio d'Assia-Darmstadt  
 
Principessa Sofia Eleonora di Sassonia  
Ernesto Luigi, Langravio d'Assia-Darmstadt  
Elisabetta Dorotea di Sassonia-Gotha-Altenburg Ernesto I, Duca di Sassonia-Gotha  
 
Principessa Elisabetta Sofia di Sassonia-Altenburg  
Langravia Federica Carlotta d'Assia-Darmstadt  
Alberto II, Margravio di Brandeburgo-Ansbach Gioacchino Ernesto, Margravio di Brandeburgo-Ansbach  
 
Contessa Sofia di Solms-Laubach  
Margravia Dorotea Carlotta di Brandeburgo-Ansbach  
Sofia Margherita di Oettingen-Oettingen Gioacchino Ernesto, Conte di Oettingen-Oettingen  
 
Contessa Anna Sibilla di Solms-Sonnenwalde  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze straniereModifica

  Dama di Gran Croce dell'Ordine di Santa Caterina

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h Darryl Lundy, Ulrike Friederike Wilhelmine Prinzessin von Hessen-Kassel, su thepeerage.com, thePeerage.com, 15 luglio 2005. URL consultato il 2 gennaio 2009.
  2. ^ a b c d e f g h Paul Theroff, OLDENBURG, su angelfire.com, Paul Theroff's Royal Genealogy Site. URL consultato il 2 gennaio 2009.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie