Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza Italiana

Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana
URL
Commerciale No
Tipo di sito base dati on line
Registrazione No
Proprietario Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia
(INSMLI)
Lancio 26 aprile 2007[1]
Stato attuale Attivo

Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana è una base dati consultabile on line curata dall'Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI) contenente le lettere di condannati e deportati della Resistenza, scritte tra il 1941 e il 1945.

Il progetto prende avvio il 25 aprile 2006[1], in occasione del 61º anniversario della Liberazione e si basa sulla donazione dei fondi archivistici di Piero Malvezzi, curatore assieme a Giovanni Pirelli del libro Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (8 settembre 1943 - 25 aprile 1945), tra il 1985 e il 1986, e di Mimmo Franzinelli, nel 2005[1]. Quest'ultimo corpus documentario raccoglie i risultati delle ricerche condotte da Enrica Cavina, Paolo Ferrari, Manuela Lanari, Bruno Maida e Chiara Saonara, e realizzate nell'ambito del progetto proposto e coordinato dallo stesso Mimmo Franzinelli.
Negli anni successivi alla pubblicazione on line, la ricerca di documenti è proseguita ad opera della redazione della banca dati (costituita da Igor Pizzirusso e, fino al 2010, da Leonardo Rossi), che è tuttora impegnata nel reperimento delle lettere, siano esse autografe o trascrizioni, edite o inedite.

L'archivio pubblica non solo le lettere pubblicate nelle diverse edizioni del libro Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana ma anche le lettere, presenti nel fondo, che non avevano trovato spazio in quelle edizioni o che si trovano in altri fondi pervenuti all'INSMLI[1].

La banca dati è on line dal 26 aprile 2007[1].

Indice

FondoModifica

Il database è costantemente aggiornato e, al marzo 2013, contiene 699 lettere scritte tra il 1941 e il 1945 da 525 condannati e deportati. Inoltre, sono stati pubblicati 50 testamenti spirituali scritti da 44 persone. Di queste persone sono state finora pubblicate 340 foto anagrafiche e 294 lettere autografe[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Note editoriali, INSMLI - Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia. URL consultato il 22-05-2010.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica