Apri il menu principale
Umberto Di Primio
Umberto Di Primio.png

Sindaco di Chieti
In carica
Inizio mandato 1º aprile 2010
Predecessore Francesco Ricci

Dati generali
Partito politico Forza Italia (dal 2017)
In precedenza:
MSI (1987-1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2013)
NCD (2013-2017)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Teramo
Professione Avvocato

Umberto Di Primio (Ripa Teatina, 1º dicembre 1968) è un politico e avvocato italiano, sindaco di Chieti dal 1º aprile 2010.

BiografiaModifica

Nato a Ripa Teatina, in provincia di Chieti, Di Primio si laurea in giurisprudenza presso l'Università di Teramo. Dopo aver iniziato la sua carriera politica militando nel Movimento Sociale Italiano, nel 1993 viene nominato vice-sindaco nella giunta guidata dall'allora neo-sindaco di Chieti Nicola Cucullo, anch'egli appartenente all'MSI.

Nel 1995 aderisce ad Alleanza Nazionale, venendo anche eletto all'interno dell'assemblea nazionale del partito. Nel 1999 si candida alle elezioni provinciali nel collegio Chieti 1, in cui ottiene il massimo dei consensi e viene nominato capogruppo per la provincia di Chieti per il suo partito.

Nel 2010 si candida a sindaco di Chieti per le elezioni amministrative con il PdL, vincendo al primo turno con il 61,36% dei voti, sconfiggendo il sindaco uscente Francesco Ricci.

Nel 2013 partecipa alla fondazione del partito Nuovo Centrodestra divenendone coordinatore provinciale di Chieti.

Nel 2015 si ricandida a sindaco venendo rieletto al secondo turno con il 55,01% dei voti.

Nel 2017, con la sospensione del Nuovo Centrodestra, aderisce a Forza Italia.

Il 14 settembre 2018 si dimette da sindaco per candidarsi alle elezioni regionali[1], ma ritirerà la propria candidatura il 4 ottobre successivo[2].

NoteModifica

  1. ^ Il sindaco di Chieti si dimette e si candida come governatore, PescaraPost, 15 settembre 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  2. ^ Elezioni regionali, Di Primio:"Il 4 ottobre ritirerò le dimissioni", ChietiToday, 24 settembre 2018.

Collegamenti esterniModifica