Apri il menu principale

Un'impresa da Dio

film del 2007 diretto Tom Shadyac
Un'impresa da Dio
Un'impresa da dio.jpg
Una scena del film
Titolo originaleEvan Almighty
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2007
Durata96 min
Generecommedia
RegiaTom Shadyac
SoggettoSteve Oedekerk, Joel Cohen, Alec Sokolow (personaggi creati da Steve Koren e Mark O'Keefe)
SceneggiaturaSteve Oedekerk
ProduttoreTom Shadyac, Gary Barber, Roger Birnbaum, Neal H. Moritz, Michael Bostick
Produttore esecutivoTom Hanks, Iliona Helzberg, Matt Luber, Dave Phillips
Casa di produzioneSpyglass Entertainment, Relativity Media, Original Film, Shady Acres Entertainment, Columbia Pictures (non accreditato)
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaIan Baker
MontaggioScott Hill
MusicheJohn Debney
ScenografiaRic McElvin
CostumiJudy L. Ruskin
TruccoHeather Langenkamp
Art directorJames Nedza
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un'impresa da Dio (Evan Almighty) è un film del 2007 diretto da Tom Shadyac, spin-off di Una settimana da Dio del 2003.

Morgan Freeman torna a interpretare Dio, mentre il ruolo del protagonista è affidato a Steve Carell, già tra gli interpreti secondari di Una settimana da Dio (dove Evan Baxter stesso, il personaggio di Carell, era l'antagonista del protagonista Bruce Nolan, interpretato da Jim Carrey). Compare brevemente in un cameo Susan Ortega (interpretata da Catherine Bell) già presente nel precedente capitolo.

Indice

TramaModifica

L'ex anchorman Evan Baxter, da poco eletto al Congresso degli Stati Uniti d'America, si ritrova la vita sconvolta quando Dio gli appare per affidargli una missione: costruire una nuova Arca, proprio come fece Noè. Inizialmente Baxter fa di tutto per non arrendersi alla prospettiva di costruire un'arca, anche per colpa delle cose negative che avrebbe portato al suo lavoro al Congresso, ma finalmente cede. L'aspetto di Evan comincia a somigliare sempre più a quello del "patriarca biblico", grazie ad una miracolosa ricrescita di barba e capelli, e ad una tunica proprio come quella di Noè. Nonostante i problemi sul lavoro e con la famiglia causatigli dalla costruzione dell'Arca, Evan continua fino al giorno in cui Dio gli ha predetto l'alluvione. La polizia, sobillata dal capo del Congresso, che ha interessi nello sfruttamento economico di tipo illegale dei parchi e delle riserve naturali, arriva a casa di Evan per distruggere l'Arca. Dopo un breve temporale, tutti tornano a credere che Evan sia un pazzo, finché un'enorme diga, situata all'imbocco della valle, cede, inondando la valle e trasportando l'Arca fin davanti al Congresso; qui Evan parla dello sfruttamento delle riserve naturali ai giornalisti, ed il capo del Congresso risulta infine indagato.

ProduzioneModifica

RipreseModifica

Le riprese del film sono iniziate nel mese di ottobre 2006 e si sono concluse tra aprile e maggio 2007 agli Universal studios a Los Angeles e alcune scene girate a Whashington.

DistribuzioneModifica

Data di uscitaModifica

Il film è uscito nelle sale statunitensi il 22 giugno 2007 mentre in Italia per il 28 settembre dello stesso anno.

Doppiaggio italianoModifica

L'edizione italiana è stata diretta da Massimiliano Manfredi ed eseguita presso la CVD. Renato Mori, voce abituale di Morgan Freeman, è stato sostituito all'ultimo momento da Vittorio Di Prima.

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Nonostante non abbia avuto tanto successo quanto quello precedente, il film ha incassato 173.400.000 di dollari, ma non è riuscito a superare il budget di 200.000.000 di dollari.

CriticaModifica

Il film ha ricevuto recensioni generalmente negative da parte della critica e spettatori. Su Recensione del sito aggregatore di Rotten Tomatoes, il film ha un indice di gradimento del 23%, sulla base di 192 recensioni, con la lettura critica del consenso, "Big sugli effetti speciali, ma a corto di risate, Evan Almighty sottoutilizza un cast stellare che comprende Steve Carell e Morgan Freeman." Sul sito Metacritic, che utilizza un normalizzato sistema di rating, il film ha ottenuto un punteggio di 37 su 100, sulla base di 33 critici, che indica "recensioni generalmente sfavorevoli".

RiconoscimentiModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica