Apri il menu principale

Un caso per due

serie televisiva tedesca
Un caso per due
Ein fall für zwei.svg
Titolo originaleEin Fall für Zwei
PaeseGermania
Anno1981-2013
Formatoserie TV
Generepoliziesco
Episodi300
Durata60 min
Lingua originaleTedesco
Rapporto4:3 e 16:9
Crediti
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
ProduttoreOdeon Film
Prima visione
Prima TV originale
Dall'11 settembre 1981
Al29 marzo 2013
Rete televisivaZDF
Prima TV in italiano
Dal28 giugno 1986
Al21 settembre 2014
Rete televisivaRai 2
Rai 3

Un caso per due (tit. orig. Ein Fall für zwei) è una serie poliziesca prodotta e ambientata a Francoforte sul Meno e Wiesbaden, in Germania. È andata in onda ininterrottamente dal 1981 al 2013 sul secondo canale della televisione di stato tedesca ZDF. In Italia è stata trasmessa da Rai 2, dove ha debuttato nell'estate del 1986, cinque anni dopo l'esordio in patria. Dal 2007 è andato in onda in prima serata su Rai 3. Dal 2019 torna su Rai 2 in estate durante la mattina. L'edizione italiana è stata curata fino alla 26ª stagione dalla Televisione della Svizzera Italiana, quindi dalla Rai.

La serie è durata 300 episodi; l'ultimo è stato trasmesso in prima visione il 22 marzo 2013 da ORF 2, seguita una settimana dopo da ZDF. Nella Svizzera italiana è trasmessa su LA1, in Francia su France 2, in Finlandia da Yle TV2.

L'edizione italiana di 186 puntate di questa serie è stata restaurata e rimasterizzata in HD nel corso del 2017 ed è stata riproposta su RSI LA1[1] e su Raidue nel corso dell'estate 2019.

PersonaggiModifica

A differenza di molti polizieschi, dove i protagonisti fanno parte della polizia, i personaggi di questa serie sono il detective privato Josef Matula (ex poliziotto, di probabile origine boema) e un legale, i quali cercano di risolvere alcuni casi intricati. Il primo è stato interpretato fin dall'esordio da Claus Theo Gärtner, mentre quattro attori si sono succeduti nel corso degli anni per impersonare l'avvocato: Günter Strack (avv. Dieter Renz), che andrà in pensione; Rainer Hunold (avv. Rainer Franck), al quale sarà offerto il lavoro di insegnante; Mathias Herrmann (avv. Johannes Voss), il cui personaggio verrà assassinato con un colpo di pistola sulle scale del tribunale; fino all'ultimo interprete Paul Frielinghaus (proc. Markus Lessing), che accompagnerà Gärtner fino all'ultima puntata e che è stato premiato in Italia nel 2002 col Premio Circeo come attore tedesco più amato in Italia.

Le autovettureModifica

La serie è ricordata in Italia anche per le autovetture guidate da Josef Matula, il quale, a parte una breve parentesi tra il 1985 ed il 1987 in cui ha utilizzato un'Audi 80 Quattro bianca, ha sempre preferito delle Alfa Romeo. La prima fu un'Alfa Romeo Giulia Nuova Super bianca, per poi usare nell'ordine: Giulietta, 75, 155, 156, 159.

Elenco degli episodiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Un caso per due.

CuriositàModifica

Il primo episodio (Die große Schwester, it. la sorella maggiore), trasmesso l'11 settembre 1981, ha una durata di 75 minuti.

Il quinto episodio dell'ottava stagione (Caesars Beute, it. Un difensore per l'avvocato Renz), quello del cambio del protagonista Dieter Renz con Rainer Franck, ha una durata di 90 minuti.

Il sesto episodio della diciassettesima stagione (Das Paar, it. Collaborazione drammatica), quello del cambio del protagonista Rainer Franck con Johannes Voss, ha una durata di 90 minuti.

Il nono e ultimo episodio della ventesima stagione (Morgen bist du tot, it. Viaggio senza ritorno), quello del cambio del protagonista Johannes Voss con Markus Lessing, ha la durata standard della serie (60 minuti).

Anche, l'ultimo episodio della ventiduesima stagione (Alpträume, it. Incubi del passato) e il primo della venticinquesima stagione (Auge um Auge, it. Le persone più care) hanno una durata di 90 minuti.

La puntata "L'ultimo concerto" (di Detlef Müller) è dedicata interamente all'attore Volker Lechtenbrink che in quella storia portava in scena il suo successo "Irgendwann..." che dà anche titolo alla versione originale tedesca dell'episodio.

NoteModifica

  1. ^ Il restauro., su digilander.libero.it. URL consultato il 15 marzo 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione