Un condannato a morte è fuggito

film del 1956 diretto da Robert Bresson
Un condannato a morte è fuggito
Un condannato a morte è fuggito.jpg
Il cucchiaio, fondamentale per la fuga.
Titolo originaleUn condamné à mort s'est échappé
Lingua originalefrancese, tedesco
Paese di produzioneFrancia
Anno1956
Durata99 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generedrammatico
RegiaRobert Bresson
SoggettoAndré Devigny (memorie)
SceneggiaturaRobert Bresson
ProduttoreAlain Poiré, Jean Thuillier
Casa di produzioneGaumont, Nouvelles Éditions de Films
FotografiaLéonce-Henri Burel
MontaggioRaymond Lamy
MusicheWolfgang Amadeus Mozart
(Kyrie della Messa in Do minore)
ScenografiaPierre Charbonnier
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un condannato a morte è fuggito (Un condamné à mort s'est échappé, sottotitolo: Le vent souffle où il veut) è un film del 1956 diretto da Robert Bresson, tratto dal racconto autobiografico di André Devigny pubblicato ne Le Figaro Littéraire, vincitore del premio per la miglior regia al Festival di Cannes 1957.[1]

TramaModifica

In Francia, al tempo della dominazione nazista, durante la seconda guerra mondiale.

Fontaine, un membro della resistenza francese condannato a morte, è condotto in una cella di 3x2 metri. Servendosi di quel poco che ha (un cucchiaio, un lapis, la coperta, il filo di ferro della rete del letto), organizza pazientemente la fuga, pur sapendo che l'attende il plotone d'esecuzione e che ogni giorno potrebbe essere l'ultimo.

Quando tutto è pronto, gli viene dato un compagno di cella. È Jost, un ragazzo vestito per metà da francese e per metà da tedesco: forse un partigiano, forse una spia. Ma a Fontaine non resta che fidarsi e realizzare la sua fuga notturna insieme a lui.

RiconoscimentiModifica

Il film ha vinto il premio per la miglior regia al Festival di Cannes 1957.

Nel 1957 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori film stranieri dell'anno.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Awards 1957, festival-cannes.fr. URL consultato il 4-6-2011 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema