Un giorno di pioggia a New York

film del 2019 scritto e diretto da Woody Allen
Un giorno di pioggia a New York
Un giorno di pioggia a New York.png
Timothée Chalamet ed Elle Fanning in una scena del film
Titolo originaleA Rainy Day in New York
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata92 min
Rapporto2,00:1
Generecommedia, sentimentale
RegiaWoody Allen
SceneggiaturaWoody Allen
ProduttoreErika Aronson, Letty Aronson
Produttore esecutivoRonald L. Chez, Adam B. Stern, Howard Fischer
Casa di produzioneGravier Productions, Perdido Productions
Distribuzione in italianoLucky Red
FotografiaVittorio Storaro
MontaggioAlisa Lepselter
Effetti specialiRoy Savoy
ScenografiaSanto Loquasto
CostumiSuzy Benzinger
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un giorno di pioggia a New York (A Rainy Day in New York) è un film del 2019 scritto e diretto da Woody Allen.

Il film è una commedia romantica interpretata da Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law, Diego Luna e Liev Schreiber.

TramaModifica

Gatsby Welles, l’intelligente ma eccentrico figlio di una ricca coppia newyorkese, studia al college ed ha una forte passione per il gioco d’azzardo. Quando la sua fidanzata Ashleigh deve viaggiare per New York per intervistare il regista Roland Pollard per il giornale del college, il ragazzo la segue e pianifica romantici piani insieme mentre cerca di evitare di incontrare i suoi genitori, con cui ha rapporti difficili e che terranno un gala proprio quella sera.

Il regista rimane impressionato dalla conoscenza di cinema di Ashleigh e la invita alla visione di un suo nuovo film, rovinando i piani di Gatsby. Camminando per la città, quest’ultimo incontra un suo compagno di college che sta girando un cortometraggio e che gli chiede di sostituire occasionalmente l’attore assente per una scena che prevede un bacio. A sua insaputa l’attrice si rivela essere Shannon, la sorella minore di una sua ex. I suoi piani con Ashleigh vengono ulteriormente rimandati quando coinvolta con Pollard, che si scopre star vivendo una crisi creativa, e lo sceneggiatore Ted Davidoff.

Gatsby si reca con Shannon all’appartamento dei genitori di lei, dove canta al piano Everything Happens to Me. I due poi vanno al MET, dove concordano sul loro amore per New York e dove incontrano gli zii di Gatsby, costringendolo a partecipare al gala dei genitori.

Ashleigh e Ted incontrano la moglie di lui, che scoprono di essere infedele al marito. La ragazza in seguito si reca al set dove incontra Francisco Vega, che la fa bere. Gatsby gioca a poker e, tornato nella sua stanza d’hotel, vede in tv Ashleigh definita come la nuova fiamma di Vega. Decide di andare al bar per bere ma incontra un’escort di nome Terry, che decide di assumere per fingere di essere Ashleigh al gala dei genitori.

Ashleigh e Vega vanno all’appartamento di quest’ultimo e stanno per avere un rapporto sessuale quando vengono interrotti dall’arrivo inaspettato della fidanzata di lui, portando la ragazza a uscire da una porta secondaria indossando solo un cappotto sopra la biancheria.

La madre di Gatsby scopre presto il segreto su Ashleigh e decide di rivelare al figlio il segreto della loro famiglia: anche lei da giovane era una prostituta ed è per questo che sin da giovane lo aveva forzato ad avere una certa preparazione culturale; dopo questa dichiarazione, il ragazzo cambia completamente opinione sulla madre.

Alla fine della serata, Gatsby ed Ashleigh si rincontrano in stanza. La mattina dopo lei gli racconta tutte le disavventure vissute e la coppia decide di fare una passeggiata in una carrozza per Central Park. Piove e la ragazza non sembra essere particolarmente interessata e attratta dal paesaggio. Gatsby realizza di non essere compatibile con lei come pensava e la invita a tornare al college senza di lui. Poco dopo, va allo Zoo di Central Park, di cui aveva discusso prima con Shannon, e trova proprio quest’ultima, con cui si scambia un romantico bacio.

ProduzioneModifica

Nell'agosto del 2017 Timothée Chalamet, Selena Gomez ed Elle Fanning si sono uniti al cast del nuovo film di Woody Allen, scritto da lui stesso. Letty Aronson ha prodotto il film, mentre Amazon Studios avrebbe dovuto distribuirlo.[1][2] A settembre Jude Law, Diego Luna, Liev Schreiber, Annaleigh Ashford, Rebecca Hall, Cherry Jones, Will Rogers e Kelly Rohrbach si sono uniti al cast del film.[3][4] A ottobre, anche Suki Waterhouse si è unita al cast[5] e Allen ha confermato il titolo del film.[6] Le riprese sono iniziate l'11 settembre 2017 a New York e si sono concluse il 23 ottobre.[7]

La produzione del film è coincisa con la nascita del movimento "Me Too", risvegliando l'opinione pubblica contro Allen per la vecchia e discussa accusa di aggressione sessuale del 1992[8][9][10]. Nell'ottobre 2017 Griffin Newman ha annunciato via Twitter che si è pentito di aver recitato nel film e che non avrebbe più lavorato con Allen in futuro. Newman ha donato il suo stipendio all'organizzazione RAINN.[11][12] Nel gennaio 2018 Timothée Chalamet ha donato il suo stipendio, che comunque ammonta al minimo sindacale come per tutti i film di Allen, a RAINN, Time's Up e al Lesbian, Gay, Bisexual & Transgender Community Center[13]. Selena Gomez ha fatto una donazione che supera il suo salario (oltre un milione) a Time's Up[14]. E anche Rebecca Hall ha donato il suo stipendio a Time's Up.[15] Quest'ultima ha in seguito spiegato: "Sono intenzionata a dire che la scelta non è stata fatta per giudicare in un modo o nell'altro. Non credo che qualcuno in pubblico dovrebbe essere giudice e giuria per un caso così complesso".[16]

E in un’intervista esclusiva a Vanity Fair Italia[17], Ronan Farrow, figlio biologico di Allen, ha affermato di non credere «come giornalista e come avvocato, che dovremmo mai proteggere dalle loro responsabilità le persone, anche se sono dei grandi talenti. La legge deve essere ugualmente dura verso chi ha potere e chi non ce l’ha, verso chi eccelle in qualcosa, come verso chi non sa fare nulla».

PromozioneModifica

A maggio 2019 Allen ha pubblicato tramite la propria pagina Facebook la locandina e il trailer del film.[18]

DistribuzioneModifica

A seguito delle controversie emerse durante la produzione, Amazon Studios ha annunciato il 29 agosto 2018 di non avere una data di uscita fissata per il film, sospendendone quindi la distribuzione negli Stati Uniti a tempo indeterminato.[19] Nel gennaio 2019 alcuni tra i principali critici e intellettuali italiani, tra cui Paolo Mereghetti, Roberto Silvestri, Maurizio Porro e Pierluigi Battista, hanno firmato un appello promosso da Giulio Laroni e rilanciato dallo stesso Allen chiedendo di dare al film "la più ampia circolazione possibile".[20][21][22]

Pochi giorni dopo, Allen ha presentato una causa da 68 milioni di dollari contro Amazon Studios, sostenendo che lo studio aveva abbandonato il film dando "solo vaghi motivi" e rescisso un contratto di quattro film sulla base di "un'accusa senza fondamento vecchia di 25 anni". L'azione legale richiede pagamenti minimi di garanzia per i quattro film, oltre a danni e spese legali.[23] Il 20 maggio è stato riferito che Amazon ha restituito i diritti di distribuzione negli Stati Uniti ad Allen.[24]

Data di uscitaModifica

Le date di uscita internazionali sono state:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Rebecca Ford, Selena Gomez Joins Elle Fanning in Woody Allen's Next Movie, su The Hollywood Reporter, 8 agosto 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  2. ^ (EN) Brent Lang, Elle Fanning, Selena Gomez, Timothée Chalamet to Star in Woody Allen Film, su Variety, 8 agosto 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  3. ^ (EN) Justin Kroll, Jude Law Joins Elle Fanning and Selena Gomez in Woody Allen's Next Film (EXCLUSIVE), su Variety, 6 settembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  4. ^ (EN) Gregg Kilday, Diego Luna, Liev Schreiber Join Woody Allen's New Movie, su The Hollywood Reporter, 11 settembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Amanda N'Duka, Suki Waterhouse Cast In Woody Allen's Next Film, su Deadline Hollywood, 6 ottobre 2017. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  6. ^ (EN) Ruben V. Nepales, Woody Allen reveals he only gets $35 allowance every 2 weeks (Part 2), in Philippine Daily Inquirer, 22 ottobre 2017. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  7. ^ (EN) Everything You Always Wanted To Know About A Rainy Day in New York, The Woody Allen Pages, 5 novembre 2017.
  8. ^ Woody Allen, dopo le accuse di molestie della figlia: "Potrei stare su un poster del #MeToo", su repubblica.it, 5 giugno 2018. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  9. ^ Massimo Gaggi, Ronan Farrow, il giornalista di #MeToo critica la diplomazia Usa e attacca Obama, su corriere.it, 31 ottobre 2018. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  10. ^ Arturo Zampaglione, Molestie: gli editori snobbano le memorie di Woody Allen. Altro effetto di #MeToo, su repubblica.it, 3 maggio 2019. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  11. ^ (EN) Jackson McHenry, The Tick Actor Griffin Newman Regrets Working With Woody Allen, Promises to Donate His Salary From the Film, su Vulture.com, New York City, New York Media, 16 ottobre 2017. URL consultato il 13 gennaio 2018.
  12. ^ (EN) Sam Barsanti, The Tick's Griffin Newman says he regrets working on new Woody Allen movie, su The A.V. Club, Chicago, Illinois, Onion, Inc., 15 ottobre 2017. URL consultato il 13 gennaio 2018.
  13. ^ (EN) Patrick Shanley, Timothée Chalamet Donates Salary from Woody Allen Film to Time's Up Fund, su The Hollywood Reporter, Los Angeles, California, Penske Media Corporation, 16 gennaio 2018. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  14. ^ (EN) Brianne Tracy, Selena Gomez Made Significant Donation to Time's Up That 'Far Exceeded' Woody Allen Film Salary, in People, New York City, Meredith Corporation, 16 gennaio 2018. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  15. ^ (EN) Emma Stefansky, Rebecca Hall Donated Her Salary from Woody Allen's Next Movie to Time's Up, in Vanity Fair, New York City, Condé Nast, 13 gennaio 2018. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  16. ^ (EN) Johnanna Schneller, Rebecca Hall’s fight for nuance in the #TimesUp era, in The Globe and Mail, Toronto, Ontario, Canada, The Woodbridge Company, 8 febbraio 2018. URL consultato il 15 settembre 2018.
  17. ^ Silvia Nucini, Ronan Farrow: «Le storie del #metoo mi hanno fatto sentire in colpa per non aver capito mia sorella Dylan», su vanityfair.it, 16 ottobre 2019. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  18. ^   (EN) Woody Allen, Rainy Day trailer, 17 maggio 2019. URL consultato il 17 maggio 2019.
  19. ^ (EN) Richard Johnson, Latest Woody Allen movie may never see the light of day, in Page Six, NYP Holdings, 29 agosto 2018. URL consultato il 4 maggio 2019.
  20. ^ Il film di Woody Allen bloccato per paura di un flop dovuto al caso molestie, i critici in campo, su lastampa.it.
  21. ^ L’assurda censura sul film di Allen, su corriere.it.
  22. ^ Contro la censura di “A rainy day in New York”, di Woody Allen. Appello per un cinema libero, su close-up.it.
  23. ^ Gene Maddus, Woody Allen Files $68 Million Suit Against Amazon for Film Deal Breach, su Variety, 7 febbraio 2019. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  24. ^ Matt Donnelly, Amazon Studios Has Returned Woody Allen’s Movie. Will Any U.S. Distributor Release It? (EXCLUSIVE), in Variety, 20 maggio 2019. URL consultato il 20 maggio 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema