Apri il menu principale
Un nero per casa
PaeseItalia
Anno1998
Formatofilm TV
Generecommedia
Durata90 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
RegiaGigi Proietti
SoggettoMimmo Rafele, Lidia Ravera, Gigi Proietti
SceneggiaturaMimmo Rafele, Lidia Ravera, Gigi Proietti
Interpreti e personaggi
FotografiaBlasco Giurato, Alfio Contini
MontaggioAntonio Siciliano
MusicheAmedeo Tommasi
ScenografiaQuirino Conti
ProduttoreAdriano Arie, Guglielmo Arie
Prima visione
Data7 dicembre 1998
Rete televisivaCanale 5

Un nero per casa è un film del 1998 diretto e interpretato da Gigi Proietti.

TramaModifica

Roma. L'architetto Lorenzo Paradisi coltiva il progetto - o l'utopia? - di trasformare un'area urbana degradata in centro culturale multietnico. Ma deve fare i conti con gli interessi di chi vorrebbe destinare l'area a centro commerciale. Un giorno però la sua coscienza progressista sembra offuscarsi, i suoi convincimenti sembrano crollare. È successo che sua figlia Valentina, la sua dolce "bambina" appena diciottenne, si è innamorata di Mory, un giovane africano studente di architettura. Lorenzo è combattuto. Non vuole ammettere che i suoi principi si dimostrino inconsistenti alla prova dei fatti, ma questo "nero per casa" non riesce proprio ad accettarlo, come del resto anche sua moglie Patrizia. E la verità è ancora più difficile da accettare. Dopo aver scoperto che Mory non è quello che vuol far credere di essere, di nobili origini e studente di architettura, ma un semplice "vù cumprà" come tanti altri, Lorenzo si trova a frequentare la sua famiglia e comunità di africani in cui vive, che, guarda caso, abitano proprio in quella zona degradata che egli si proponeva di rianimare. Il suo iniziale rifiuto si trasforma in curiosità e poi in interesse finché, a poco a poco, riprendono vita le idee che ha sempre professato. Ma intanto i due ragazzi, per un banale equivoco, si sono allontanati e, pur struggendosi l'uno per l'altra, non vogliono più vedersi. Toccherà proprio a Lorenzo fare il messaggero d'amore.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione