Apri il menu principale

Una moglie

film del 1974 diretto da John Cassavetes

TramaModifica

Mabel è la moglie dell'operaio edile di origine italiana Nick Longhetti, ed è la madre di tre bambini. La coppia è legata da un sentimento di dolce affetto e complicità ma il marito, uomo che sa essere molto premuroso, è spesso preso dal troppo lavoro e torna a casa nervoso e intrattabile. Mabel è una donna emotivamente fragile che nasconde a fatica il suo alcolismo, che la porta a un carattere instabile, alla ricerca costante di affetto e attenzione da parte della famiglia, degli amici e degli estranei, fino a una serie di comportamenti, talvolta fastidiosi (come quando si dimostra assillante con i colleghi di Nick venuti a pranzo da loro), talvolta pericolosi per sé e per i suoi figli, che sottopone a giochi pericolosi insieme ad altri bambini a lei affidati. Quando la situazione diventa per lei insostenibile, ha un grave crollo psichico e Nick, assieme al dottore di famiglia, prende la decisione di farla ricoverare in un ospedale psichiatrico. Dopo alcuni mesi fa ritorno a casa: i parenti si aspettano di trovare una Mabel finalmente guarita. Nell'intento di apparire perfettamente ristabilita, non sa più come comportarsi e non riuscendo a sostenere la situazione, chiede di poter rimanere da sola. Nick alza la voce e la donna è in preda ad una nuova crisi. I parenti vengono fatti allontanare frettolosamente e Nick le tira uno schiaffo per cercare di farla ragionare. Ancora nel pieno della crisi, Mabel si chiude in bagno e cerca di ferirsi ai polsi con una lametta ma il marito riesce in tempo ad evitare il peggio. I bambini, che hanno assistito alla violenta scena, vedono la madre sanguinante e credono sia colpa del padre; nella casa regna il caos. Nel finale ritorna la tranquillità, Mabel riprende piena coscienza, mette amorevolmente a letto i figli e, grazie a quella reciproca complicità che li accomuna, si prepara per coricarsi a letto assieme a Nick.

CriticaModifica

Il Mereghetti. Dizionario dei film (1993): ***

«... un realismo che non ha più nulla di naturalistico... l'emergere dei contrasti tra i sessi e le generazioni è filmato con una forza e una originalità d'approccio esemplare...»

NoteModifica

  1. ^ (EN) National Film Registry, National Film Preservation Board. URL consultato il 3 gennaio 2012.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN308790337 · GND (DE4643615-7 · BNF (FRcb16712948c (data)
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema