Apri il menu principale
Under My Thumb
ArtistaThe Rolling Stones
Autore/iMick Jagger
Keith Richards
GenereRock
Edito daDecca Records
London Records
Pubblicazione
IncisioneAftermath
Data1966
Durata3'41"
Aftermath – tracce
Precedente
Under My Thumb
ArtistaThe Rolling Stones
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1968
Durata3:41
Album di provenienzaAftermath
GenereRock
EtichettaDecca Records
London Records
ProduttoreAndrew Loog Oldham

Under My Thumb è un brano musicale scritto da Mick Jagger e Keith Richards dei The Rolling Stones, incluso nel loro album Aftermath del 1966. Anche se mai pubblicata su singolo in Gran Bretagna o Stati Uniti, si tratta di una delle canzoni più famose della band, frequentemente inclusa nelle raccolte dei successi del gruppo. Nel 1968, il brano venne pubblicato come singolo in Giappone (B-side: I Just Want to Make Love to You).

Fu durante l'esecuzione di questo brano che nel famigerato Altamont Free Concert del 1969, un membro degli Hells Angels, che fungevano da security della band, accoltellò a morte Meredith Hunter.[1]

Indice

Il branoModifica

Il testo della canzone, spesso criticato per la sua misoginia, è una disamina del potere sessuale esercitato da un amante in un rapporto di coppia, nel quale Jagger celebra ed esalta il dominio assoluto ("Under My Thumb" in italiano letteralmente "sotto il mio pollice", come a dire "tengo in pugno") che ha nei confronti di una donna precedentemente dominante.

Per molti anni a partire dal tour del 1981, durante i concerti Jagger cambiò il testo del brano cantando "woman" al posto di "girl".

Come molte delle altre canzoni del periodo di Aftermath, Under My Thumb fa uso di un arrangiamento particolare e di strumenti musicali insoliti rispetto ai precedenti brani del gruppo, inclusi basso distorto (suonato da Bill Wyman[2]), e marimba (suonata da Brian Jones).

Accuse di maschilismoModifica

Il testo, che paragona la donna in questione a un animale domestico ("pet"), a un "gatto" e a un "cagnolino che guaisce" provocò diverse accuse di maschilismo da parte di associazioni femministe, che criticarono il pesante punto di vista maschile espresso nella canzone. La professoressa statunitense Camille Paglia, per esempio, riferì che la sua ammirazione e difesa di Under My Thumb segnò l'inizio di una rottura tra lei e il femminismo radicale degli anni sessanta.[3]

Nel 1995, Mick Jagger così si espresse nei confronti della canzone nel corso di un'intervista: «Si tratta di un pezzo scherzoso, veramente. Non è davvero una canzone anti-femminista più di tutte le altre... Sì, è una caricatura, ed era una risposta ad una ragazza che era stata molto autoritaria con me all'epoca».[4]

Omicidio di AltamontModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Altamont Free Concert.

Il brano è tristemente famoso per la sua (accidentale) connessione con l'omicidio del giovane Meredith Hunter avvenuto durante l'Altamont Free Concert del 1969. Gli Stones stavano finendo di suonare la canzone quando scoppiò una rissa tra il pubblico e gli Hells Angels che fungevano da "sicurezza" dell'evento, culminata con l'accoltellamento di Hunter da parte dell'Hells Angel Alan Passaro dopo che questi aveva tirato fuori una pistola.

FormazioneModifica

CoverModifica

Svariati artisti hanno reinterpretato la canzone, tra i tanti ricordiamo The Who (1967), Blind Faith (London Hyde Park 1969), Streetheart (1979), Wayne Gibson (1974), Tina Turner (1975), Truth and Janey (1976), Terence Trent D'Arby (1987) Social Distortion (1996), Ministry con Burton C. Bell (2008).[5]

NoteModifica

  1. ^ Gimme Shelter – The Rolling Stones – The Guardian – 6 settembre 2009
  2. ^ Under My Thumb Time is On Our Side
  3. ^ Paglia, Camille. (1992) Sex, Art and American Culture: New Essays, New York, Vintage, 1992, ISBN 978-0-679-74101-5
  4. ^ The Rolling Stone Interview Archiviato il 30 settembre 2007 in Internet Archive.. Rolling Stone.
  5. ^ Grammy 2009 Winners List, MTV, 8 febbraio 2009. URL consultato il 6 febbraio 2012.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock