Apri il menu principale

Unione Calcio Femminile Padova

Unione Calcio Femminile Padova
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Crossed Red HEX-E21300 on White.svg Bianco, rosso
Dati societari
Città Padova
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 1971
Scioglimento?
Stadio Stadio Silvio Appiani
(24 000 posti)
Palmarès
ScudettoScudetto Coppa Italia
Scudetti 2
Trofei nazionali 1 Coppe Italia
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Calcio Femminile Padova, nota, per motivi di sponsorizzazione, come Gamma 3 Padova o per brevità come Padova, era una squadra di calcio femminile, attiva a Padova negli anni settanta e ottanta, vincitrice di due scudetti e una Coppa Italia.

StoriaModifica

 
Le Campionesse d'Italia con lo Scudetto del 1972 al petto.
 
Le Campionesse d'Italia con lo Scudetto petto.

Fondata nel 1971 da Paolo Mescalchin, titolare della ditta "Gamma 3"[1], con denominazione Padova Gamma 3, nella sua storia ha vinto lo scudetto nel 1972 dopo lo spareggio giocato il 19 settembre 1972 all'Appiani di Padova contro il Bergamo (4-2 d.t.s., essendo i tempi regolamentari terminati sul 2-2) e nel 1973, e una Coppa Italia nel 1974.

Nel 1977 la "Gamma 3" cessò di sponsorizzare la società, la quale continuò a disputare il campionato di Serie A cambiando la denominazione in Associazione Calcio Femminile Padova. Alla fine della stagione successiva la società chiese alla F.I.G.C.F. di rimanere inattiva per "causa di forza maggiore". Conservò il vincolo economico delle calciatrici per due anni avendo delle pendenze economiche con la federazione, dopodiché, avendole cedute tutte e risolto i problemi con la F.I.G.C.F., venne definitivamente dichiarata inattiva.

Nel 1981 venne rifondata con denominazione G.S. Castagnara di Cadoneghe e dopo due stagione cambiò denominazione in Unione Calcio Femminile Padova. Con due promozioni consecutive dalla Serie C ritornò in Serie A nella stagione 1985-1986.

Entrata in ambito F.I.G.C. nel 1986, con due retrocessioni consecutive ritornò in Serie C e, alla fine della stagione 1987-1988, si fuse con l'U.C.F. Cadoneghe per diventare U.F.C. Padova.

Il calcio femminile a Padova dopo il Gamma 3 PadovaModifica

Successivamente il calcio femminile a Padova è stato portato avanti dal Ženský-Padova Femminile che, dal 2015, divenne Calcio Padova Femminile, che usa gli stessi colori, ovvero il bianco e il rosso, del Padova Gamma 3 e del Calcio Padova.

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'U.C.F. Padova
  • 1971 - Paolo Mescalchin fonda l'Associazione Calcio Femminile Padova Gamma 3[2].
  • 1972 - 1º in Serie A girone B. Ammesso al girone di finale. 1º nelle finali, è   Campione d'Italia. (1º titolo)
  • 1973 - 1º in Serie A girone B. Ammesso al girone di finale. 1º nelle finali, è   Campione d'Italia. (2º titolo)
  • 1974 - 2º in Serie A.
  Vince la Coppa Italia. (1º titolo)
  • 1975 - 2º in Serie A.
  • 1976 - 9º in Serie A. A fine stagione perde lo sponsor "Gamma 3" e cambia denominazione in Associazione Calcio Femminile Padova.
  • 1977 - 2º in Serie A.
  • 1978 - 9º in Serie A. Rinuncia al campionato e dichiara la propria inattività conservando il vincolo di tutte le calciatrici per "causa di forza maggiore".
  • 1979 - Inattivo.
  • 1980 - Rinuncia alla Serie A, ma non può cedere le proprie calciatrici avendo dei debiti verso la F.I.G.C.F. (vincolo economico).
  • 1981 - Si affilia alla F.I.G.C.F. il G.S. Castagnara di Cadoneghe[3] e si iscrive in Serie C Triveneto.
  • 1982 - In Serie C Triveneto. Ammessa nella nuova Serie C che dal 1983 diventa un campionato interregionale.
  • 1983 - 5º in Serie C girone C. Cambio di denominazione in Unione Calcio Femminile Padova.
  • 1984 - 1º in Serie C girone C. Promosso in Serie B.
  • 1985 - 1º in Serie B girone A. Promosso in Serie A.
  • 1985-1986 - 13º in Serie A. Retrocesso in Serie B.
  • 1986-1987 - 10º nel girone A della Serie B. Retrocesso in Serie C Regionale.
  • 1987-1988 - In Serie C Veneto.
  • 1988 - Si fonde con l'U.C.F. Cadoneghe e diventa U.F.C. Padova.
  • 1989 - Cessa l'attività.

DenominazioniModifica

  • Associazione Calcio Femminile Gamma 3 Padova (1971-1976)[4][5]
  • Associazione Calcio Femminile Padova (1977-1978)
  • Unione Calcio Femminile Padova (1984-1988)

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Silvio Appiani.

L'Unione Calcio Femminile Padova, durante la sua storia, ha giocato le partite interne allo Stadio Silvio Appiani.

CalciatriciModifica

PalmarèsModifica

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie A 8 1972 1985-1986 8
Serie B 2 1985 1986-1987 2

NoteModifica

  1. ^ Gamma 3 S.r.l. nello sport. Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  2. ^ Lino Coppola, pp. 57 e 205.
  3. ^ F.I.G.C.F., comunicato ufficiale n. 7 del 13 ottobre 1981.
  4. ^ Gamma 3 - Foglio gara Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. gamma3.com
  5. ^ Su tutti i documenti ufficiali F.F.I.U.G.C., F.F.I.G.C. e F.I.G.C.F. è citata come Associazione Calcio Femminile Padova Gamma 3.

BibliografiaModifica

  • Lino Coppola, Rassegna del Calcio Femminile, Salerno, Arti Grafiche Boccia S.r.l., aprile 1973, pp. 57 e 205.

Voci correlateModifica