Unione Nazionale (Portogallo)

Unione Nazionale
(PT) União Nacional
União Nacional logo, 1938 version.svg
PresidenteAntónio de Oliveira Salazar (1932-1968)
Marcelo Caetano (1968-1974)
StatoPortogallo Portogallo
SedeLisbona
AbbreviazioneUN
Fondazione30 luglio 1930
Dissoluzione25 aprile 1974
IdeologiaSalazarismo
Nazionalismo portoghese
Irredentismo portoghese
Conservatorismo nazionale[1]
Conservatorismo sociale
Corporativismo fascista
Fascismo clericale
Integralismo lusitano
Pluricontinentalismo
Lusotropicalismo
ColoriBlu e bianco

L’Unione Nazionale (portoghese: União Nacional) era l'unico partito politico legale in Portogallo durante l'Estado Novo, la dittatura politica corporativista e filo-fascista inaugurata da António de Oliveira Salazar.

StoriaModifica

 
Bandiera del partito

Fondato dall'allora ministro delle finanze Salazar nel 1930 come "organizzazione di unità di tutti i portoghesi". Dopo la vittoria elettorale del 1934, sull'onda del successo delle dittature fasciste e naziste in Europa, Salazar governò il Paese, con l'Unione Nazionale come partito unico.

Salazar inizialmente si ispirò al fascismo, in una versione portoghese, teorizzato come Estado Novo (Stato Nuovo), analogo, nella natura e nei princìpi corporativi, seppur spesso nazionalista,e cattolico. La sua milizia paramilitare era la Legione Portoghese.

Nel secondo dopoguerra in Portogallo fu introdotto un sistema rigorosamente gerarchico ma su base elettorale, basato sempre su corporazioni e partito unico. Nel tempo U.N. si trasformò in un movimento social-conservatore.

Dopo 36 anni come primo ministro dell'Estado Novo, Salazar nel settembre 1968 fu rimosso dal potere dal presidente Américo Tomás a seguito dell'ictus cerebrale invalidante che aveva colpito il dittatore. Dopo aver valutato una serie di scelte, Tomás nominò come primo ministro Marcelo Caetano, che convertì il nome del partito in "Azione nazionale popolare", con il quale concorse alle elezioni legislative del 1969, le prime pluripartitiche, vinte con il 87.99%. Si sciolse dopo il colpo di Stato militare incruento del 1974 detto la Rivoluzione dei garofani.

NoteModifica

  1. ^ Grzegorz Rossolinski, Stepan Bandera: The Life and Afterlife of a Ukrainian Nationalist, Columbia University Press, 2014, p. 33.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN148975423 · GND (DE1062581776 · WorldCat Identities (ENlccn-n84144067