Apri il menu principale
Unione Sportiva Alessandrina
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 900px trisection horizontal White HEX-F6002F.svg Bianco, rosso
Dati societari
Città Flag of Alessandria.png Alessandria
Nazione Italia Italia
Confederazione
Federazione Flag of Italy (1861–1946).svg FIGC
Fondazione 1916
Scioglimento1920
Stadio Campo al Cristo
( posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva Alessandrina fu una squadra calcistica di Alessandria, attiva tra il 1916 e il 1920.

Indice

StoriaModifica

1916-1919: L'attività amatorialeModifica

Divisa del periodo 1916-1919

La squadra nacque nel 1916, in piena Grande Guerra, in virtù della momentanea sospensione dell'attività dell'Alessandria Foot Ball Club, dovuta al massiccio coinvolgimento di dirigenti e tecnici nello sforzo bellico[1]. Fondata per iniziativa del barista-allenatore Ugo Milano[2], raccolse inizialmente calciatori o appassionati scampati alla chiamata alle armi, oppure militari in licenza o di stanza in Alessandria; la divisa era grigia, caratterizzata da una stella rossa sul petto, e le partite (inizialmente gare occasionali a scopo di beneficenza) venivano giocate sul piccolo campo del quartiere Cristo[3].

Malgrado lo scarso potenziale economico la squadra grigiostellata seppe catalizzare l'attenzione degli sportivi alessandrini, in particolare grazie alla vittoria della Coppa Bossi (Novara, febbraio 1917) contro compagini di più antica tradizione quali Novara, Pro Patria, Legnano e Pastore; di quella squadra facevano parte anche Clemente Morando e Adolfo Baloncieri[4]. Nel 1918 entrarono nella compagine anche Carlo Carcano e Giuseppe Ticozzelli; nel corso delle amichevoli vestirono episodicamente la maglia del giovane sodalizio anche calciatori del Torino (Bachmann, Boggio), della Juventus (Mattea, uno dei fratelli Marchi) e del Genoa (Sardi)[5].

1919-1920: la partecipazione al campionato nazionaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Unione Sportiva Alessandrina 1919-1920.

L'ascesa del sodalizio fu frenata, nei primi mesi del 1919, dalla ripresa delle attività dell'Alessandria FBC di Brezzi e Rangone, con il conseguente ritorno in maglia grigia dei calciatori che già avevano militato, prima della guerra, in quella squadra[6]. Questo provocò astio tra i rappresentanti delle due società, che rifiutarono l'idea di una fusione e s'iscrissero entrambe al campionato di Prima Categoria 1919-1920[7]; l'Alessandrina adottò per l'attività ufficiale una maglia bianca con striscia rossa[8].

Il campionato fu avaro di soddisfazioni per la giovane compagine di Ugo Milano; inserito in un girone impegnativo, dominato da Pro Vercelli, Juventus e Torino, il sodalizio chiuse all'ultimo posto e retrocesse in Promozione dopo uno spareggio perso a Novara contro l'Amatori Giuoco Calcio di Torino, l'8 febbraio 1920[9].

Il 25 gennaio 1920 era stato giocato in amichevole l'unico derby tra le due compagini alessandrine; vinsero i grigi del FBC per 2-0, con doppietta dell'"ex" Baloncieri[10][11].

Le ultime gare e la fusione con il FBCModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Unione Sportiva Alessandria 1912.

Ultima iniziativa di Ugo Milano fu l'organizzazione di un torneo, patrocinato dal giornale torinese Il Paese Sportivo, tra le squadre eliminate dalle semifinali, giocato sul Campo al Cristo[12].

Nel frattempo i dirigenti biancorossi si erano convinti ad accettare la proposta di fusione caldeggiata dall'Alessandria FBC. L'annuncio fu dato l'11 aprile 1920, al termine di un'assemblea pubblica convocata presso il Teatro Municipale che deliberò la creazione dell'Alessandria Unione Sportiva[13].

All'Alessandrina fu concesso per il giorno 12 di giocare sul campo degli Orti la finale del torneo Paese Sportivo, persa per 0-3 contro il Pastore[12]. Risulta che abbia giocato la sua ultima amichevole il 29 di quello stesso mese, sul campo della Cremonese, perdendo 0-4[14].

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Unione Sportiva Alessandrina
  • 1916 - Fondazione dell'Unione Sportiva Alessandrina.
  • 1916-1919 - Campionati sospesi; attività a livello amatoriale.
  • 1919 - Vince la gara di qualificazione contro la Novarese; ammessa in Prima Categoria.
  • 1919-1920 - 5ª nel girone A della Prima Categoria-Piemonte. Perde lo spareggio contro l'Amatori, retrocessa in Promozione.
  • 1920 - 11 aprile: l'Unione Sportiva Alessandrina confluisce nell'Alessandria Foot Ball Club; nasce l'Alessandria Unione Sportiva.

NoteModifica

  1. ^ Boccassi Cavalli, p. 278
  2. ^ Boccassi Cavalli, p. 280
  3. ^ Boccassi Cavalli, pp. 282
  4. ^ Boccassi Cavalli, p. 281
  5. ^ Boccassi Cavalli, p. 550
  6. ^ Boccassi Cavalli, p. 289
  7. ^ Boccassi Cavalli, p. 297
  8. ^ Boccassi Cavalli, p. 309
  9. ^ Melegari, p. 31
  10. ^ Caligaris, pp. 18-19
  11. ^ Boccassi Cavalli, p. 320
  12. ^ a b Boccassi Cavalli, p. 315
  13. ^ Boccassi Cavalli, p. 321
  14. ^ Boccassi Cavalli, p. 319

BibliografiaModifica

  • Ugo Boccassi, Anna Cavalli. La sostenibile certezza dell'essere "grigi" prima del 1912. Alessandria, I Grafismi Boccassi, 2010.
  • Mimma Caligaris. Grig100. Un secolo di Alessandria in cento partite. Alessandria, Il Piccolo, 2012.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio. La Storia 1898-2004. Modena, Panini, 2004.