Apri il menu principale

Unione Sportiva Palmese Associazione Sportiva Dilettantistica

US Palmese ASD
Calcio Football pictogram.svg
Neroverdi;[1] Pianigiani;[2] La centenaria[3]
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px vertical Black Green HEX-008736.svg nero-verde
Simboli Palma[4]
Inno Forza Palmese Alé[5]
Gianni Penna
Dati societari
Città Palmi
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1912
Presidente Italia Vincenzo Longo
Allenatore Italia Ivan Franceschini
Stadio Giuseppe Lo Presti
(2 500 posti)
Sito web www.uspalmese1912.it
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato di Prima Divisione
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva Palmese Associazione Sportiva Dilettantistica[6], meglio conosciuta come Palmese, è una società calcistica con sede nella città di Palmi. Milita in Serie D, il quarto livello del campionato italiano di calcio.

La società fondata nel 1912, i cui colori sociali sono il nero e il verde, è una delle più antiche compagini del panorama calcistico della Calabria,[7] ed in passato ha militato anche nei campionati antesignani dell'odierna Lega Pro, perdendo nel 1935 con il Taranto e l'Andrea Doria le finali per l'accesso alla Serie B. La Palmese è poi stata iscritta a 3 campionati professionistici di Serie C,[8] sebbene solo due siano stati effettivamente disputati.

In quegli anni e nel secondo dopoguerra, la Palmese affrontò in gare ufficiali di campionato formazioni blasonate del sud Italia affacciatesi in altri periodi anche in massima serie, quali il Bari, la Reggina, il Catania, la Salernitana, il Messina, il Lecce ed il Catanzaro. Inoltre, nel 1934, la società disputò a Palmi due amichevoli contro la Roma[9][10] e la Fiorentina[11][12] ed ha partecipato alla Coppa Italia 1938-1939.

Nel palmarès della Palmese vi sono un campionato nazionale (Prima Divisione 1934-1935) ed un campionato interregionale (Promozione 1950-1951), oltre a vari campionati regionali e alla conquista di una Coppa Italia Dilettanti Calabria (1997-1998)[13] e due Supercoppe Calabria (2008 e 2015).

Indice

StoriaModifica

Gli anni dieciModifica

Il 1912 è l'anno in cui viene ufficialmente fondata l'Unione Sportiva Palmese, anche se i primi documenti rimandano al periodo fra gli anni 1918 e 1919.[14]

Gli anni ventiModifica

Nel 1927 l'Unione Sportiva Palmese si affilia al Direttorio Regionale per la Calabria e la Basilicata. Difatti la squadra nero-verde è sull'elenco delle società affiliate al direttorio con la seguente denominazione: "Palmi C. - U.S. Palmese".[15]

Gli anni trentaModifica

Le amichevoli di lusso del 1934
 
Le formazioni di Palmese e Roma. La squadra capitolina è erroneamente indicata come "A.C. Roma".

Stadio del Littorio di Palmi, 2 gennaio: Palmese - Roma 1-2

Palmese: Monteleone; Buonocore, Rescigno; Jeraci, Martinoli, Di Maio (Colausig); Borla, Bonacciosi, Ranieri, Sterzi, Surra.

Roma: Masetti; Pasolini, Bodini; Ferraris IV, Celestini, Fusco; Scopelli, Vanzo, Banchero, Tomasi, Guaita.

Marcatori: 5' Ranieri (P), 38' Vanzo, 65' Scopelli.


Stadio del Littorio di Palmi, 31 gennaio: Palmese - Fiorentina 0-3

Palmese: Monteleone; Buonocore, Rescigno; Jeraci, Martinoli, Di Maio; Colausig, Bonacciosi, Borla, Ranieri, Surra.

Fiorentina: Ballante; Vignolini, Magli; Marchini, Morselli, Fidomanzo; Prendato, Perazzolo, Viani, Nekadoma, Biagini.

Marcatori: 17' Biagini, 35' Viani, 55' Prendato.

Nel campionato 1932-1933 la Palmese, grazie allo realizzazione di uno stadio cittadino, partecipò al primo campionato ufficiale della sua storia, la Seconda Divisione, massimo campionato regionale di quel periodo, vincendo il torneo ed ottenendo la qualificazione alla Prima Divisione 1933-1934, III livello del campionato italiano di calcio a carattere nazionale. In quella stagione la società calabrese disputò, il 29 dicembre, un'amichevole internazionale ospitando a Palmi la squadra ungherese del Bocskay Sport Club di Debrecen.[16] La squadra era formata quasi esclusivamente da giovani palmesi[17] ed un giornale locale del tempo riportò di come la popolazione locale facesse sacrifici di carattere economico, pur di sostenere il club nelle spese.[17][18]

Nella stagione successiva in Prima Divisione, la Palmese venne iscritta al girone H e gareggiò contro formazioni come il Catania, la Reggina, il Cosenza e la Salernitana, nonché contro le squadre B di Napoli e Palermo (inserite nei gironi interregionali poiché i rispettivi "direttori" non organizzarono un campionato riserve), piazzandosi al settimo posto in classifica. L'unico risultato di prestigio di quell'anno fu il pareggio 0-0 in casa contro il Catania. Inoltre, nel mese di gennaio, la Palmese affrontò in amichevole allo stadio del Littorio di Palmi l'AS Roma e l'AC Fiorentina, entrambe militanti in Serie A. Le due gare richiamarono sportivi anche dai centri vicini[19] e furono un momento di festa per la città di Palmi.[20]

Nella stagione 1934-1935 la Palmese, composta quasi esclusivamente da giovani di Palmi,[17] vinse il girone H della Prima Divisione, ottenendo risultati di prestigio quali le vittorie in casa contro la Reggina (risultato di 7-0) e Salernitana (risultato di 3-1)[21] e la vittoria per 4-0 a Reggio Calabria. Il primo posto nel girone, davanti la Juventus Trapani, valse alla squadra nero-verde il diritto a partecipare alle finali per la promozione in Serie B. Inserita nel "Girone finale A" con il Taranto, le Acciaierie Falck e la Andrea Doria[22], la Palmese arrivò ultima rinunciando anche a disputare due incontri. La società ebbe comunque il diritto a partecipare al nuovo campionato di serie C.

Inserita nel girone D della Serie C 1935-1936, la Palmese si ritirò prima dell'inizio del campionato. Stessa cosa fece il Pescara e, pertanto, le due società vennero classificate all'ultimo posto e retrocesse in Prima Divisione. L'anno successivo però il girone della Calabria di Prima Divisione non venne disputato. Fu disputato invece nella stagione 1937-1938 e la Palmese vinse il torneo,[23] venendo promossa nuovamente in Serie C e tornando quindi in un campionato di III livello a carattere nazionale.

Nel campionato di Serie C 1938-1939, considerato come professionistico dalla FIGC, la Palmese fu inserita nel girone H ed ottenne il settimo posto finale. Nonostante il piazzamento di metà classifica, la squadra ottenne risultati di prestigio come le vittorie in casa contro il Catania (risultato 1-0)[24], la Reggina (5-0)[24] ed il Messina (3-1)[25], e la vittoria a Reggio Calabria con il punteggio di 4-2.[24] In quella stagione, si registrò anche la prima partecipazione della società nero-verde alla Coppa Italia di I livello.[26] Nelle qualificazioni del 3 settembre 1938, la Palmese doveva affrontare il Catania in trasferta, ma la partita non venne disputata e pertanto la società calabrese ebbe partita vinta 2-0 a tavolino[26] e fu ammessa direttamente al tabellone principale del torneo dove, al primo turno eliminatorio, fu sconfitta in trasferta dallo Juventus Siderno per 2-0.[26] Alla fine della stagione, la Palmese rinunciò al diritto di partecipare al torneo di Serie C 1939-1940.[27]

Gli anni quarantaModifica

«E, intanto, ecco un'altra amara constatazione: le squadre non sono più forti come una volta. Lentamente decadono. Dov'è una squadra come il Messina di qualche anno fa? Dov'è la Palmese d'un tempo? Come il vecchio Taranto? Come l'antico Catanzaro e la brillantissima Reggina? Non che noi si sia malinconici sognatori: ma questa è la realtà.»

(Ennio Mantella, Il Littoriale, editoriale in prima pagina. 12 marzo 1941.)

Gli anni quaranta furono caratterizzati essenzialmente da inattività, dovuta allo scioglimento del club nel 1941.[28] Nel 1945 la società venne ricostituita ed riaffiliata alla FIGC.

Nella stagione 1947-1948, la società nero-verde militò in Prima Divisione (ancora massimo campionato regionale) partecipando al girone C formato da società della Calabria meridionale. La Palmese vinse il proprio girone, venne ammessa alle finali regionali e vinse anche queste ultime ottenendo il diritto a partecipare al campionato di Promozione, la nuova categoria interregionale gestita dalla Lega Interregionale Sud.

Nella stagione 1948-1949 la Palmese partecipò al girone O del campionato di Promozione, formato da società siciliane con l'aggiunta della Gioiese, ottenendo un piazzamento di metà classifica. Anche nella stagione successiva la società nero-verde partecipò al girone O di Promozione, affrontando formazioni siciliane e la Vigor Nicastro, piazzandosi in classifica al quarto posto finale.

Gli anni cinquantaModifica

Nella stagione 1950-1951 la Palmese si classificò al primo posto del girone O di Promozione ed ottenne la qualificazione per le finali di Lega Interregionale Sud, con in palio l'accesso alla Serie C. Nel girone finale la società calabrese affrontò le vincenti dei gironi M ed N, rispettivamente Turris e Molfetta, piazzandosi al secondo posto che le valse la promozione in Serie C per la stagione successiva.[29]

 
La Palmese 1951-1952, militante in Serie C.

L'anno seguente la Palmese tornò quindi fra i professionisti, venendo iscritta al girone D della Serie C 1951-1952 nel quale militavano anche il Bari, la Reggina, il Lecce ed il Catanzaro. Pur piazzandosi a metà classifica, la società nero-verde allenata dall'ungherese Ferenc Hirzer, retrocesse in IV Serie come avvenne per tutte le società classificatesi dal quinto all'ultimo posto, in virtù della riforma dei campionati. La principale soddisfazione ottenuta dalla Palmese in quella stagione fu la vittoria, per 1-0, ottenuta in trasferta a Bari contro la squadra locale.[30]

Nel 1952-1953 la Palmese venne iscritta al girone H del nuovo campionato interregionale di IV Serie, al quale parteciparono anche il Catanzaro e la Reggina. I nero-verdi si classificarono al terz'ultimo posto, retrocedendo in Promozione, che era divenuta in quegli anni il nuovo massimo campionato regionale.[31]

Nel campionato di Promozione Calabria 1953-1954 la società si piazzò con un settimo posto finale.[32] La stagione successiva di Promozione portò la società nero-verde ad un decimo posto in classifica.[33] Nel campionato di Promozione Calabria 1955-1956 arrivò invece un miglior piazzamento, attestando la Palmese al terzo posto finale.[34]

Nella stagione di Promozione Calabria 1956-1957 la società tirrenica arrivò al primo posto in classifica, a pari punti con il Castrovillari. Venne pertanto disputato uno spareggio allo stadio Nicola Ceravolo di Catanzaro contro la società del Pollino, e quest'ultima vinse per 2-1 venendo promossa al livello superiore. Venne lo stesso promossa al livello superiore anche la Palmese, a completamento degli organici, in quello che fu il nuovo Campionato Interregionale.

Il Campionato Interregionale 1957-1958 era suddiviso in due categorie, e la società nero-verde venne inserita in Seconda Categoria (girone H) formato da società siciliane e calabresi (tra le quali la vicina Taurianovese). La Palmese arrivò al tredicesimo posto e venne retrocessa nuovamente nel massimo campionato regionale.[35]

Nel Campionato Dilettanti 1958-1959, il campionato regionale calabrese era formato da un unico girone nel quale la Palmese si piazzò al sesto posto finale in classifica. Il piazzamento le valse l'accesso alla nuova Prima Categoria Calabria 1959-1960. Purtroppo la società non disputò, per rinuncia, quel campionato[36] dovendo ripartire l'anno seguente dalla categoria inferiore.

Gli anni sessantaModifica

L'inizio del decennio segnò probabilmente il periodo più buio della storia nero-verde. Nella stagione 1960-1961 la Palmese militò nella Seconda Categoria, secondo livello regionale ed ultimo livello del calcio italiano. Nella stagione successiva la società venne esclusa, per ragioni burocratiche, dal campionato di Prima Categoria, massimo torneo regionale.[37] Nel campionato di Seconda Categoria 1962-1963, la Palmese venne inserita nel girone D, vincendolo ed ottenendo il ritorno in Prima Categoria.

Nel campionato di Prima Categoria Calabria 1963-1964, primo livello regionale, la Palmese venne inserita nel girone B con le formazioni della Calabria meridionale ed ottenne il secondo posto in classifica alle spalle della U.S. Pro Pellaro di Reggio Calabria ed a pari punti con l'U.S. Polistena. La stagione seguente la Palmese vinse il girone B di Prima Categoria ed ottenne il diritto allo spareggio contro il Castrovillari, vincitore del girone A, per la promozione in Serie D. L'incontro, disputato a Nicastro, venne vinto per 3-2 dai nero-verdi con tripletta di Carlo Marino su tre assist di Domenico Savoia. La Palmese, sotto la presidenza di Armando Veneto, venne promossa nel campionato interregionale.[38]

Nella Serie D 1965-1966 la Palmese fu inserita nel girone F con società di Calabria, Campania e Sicilia, ed arrivò penultima in classifica a pari punti con il Locri, distanziata peraltro di una sola lunghezza dalla salvezza ottenuta dalla Folgore Castelvetrano.

Tornata quindi in un campionato a carattere regionale, la Palmese vinse nuovamente il girone B della Prima Categoria Calabria 1966-1967 staccando di un punto l'U.S. Polistena. Tra l'altro, in quel campionato, venne disputato il primo derby cittadino ufficiale della Palmese, che affrontò la Juve Palmi piazzatasi al dodicesimo posto in classifica.

 
Una formazione del 1968.

In Serie D nel 1967-1968, campionato minore fra i due gestiti dalla Lega Nazionale Semiprofessionisti, la Palmese ottenne il nono posto finale in classifica a pari punti con la Cantieri Navali di Palermo. Nella stagione 1968-1969 la società calabrese si piazzò al quattordicesimo posto finale e retrocedette in Prima Categoria, per la peggiore differenza reti nei confronti del Bagheria e della Folgore Castelvetrano.

Retrocessa nuovamente in campionato regionale, la Palmese concluse al terzo posto il girone B Calabria della Prima Categoria 1969-1970, a pari punti con la S.S. Roccella.

Gli anni settantaModifica

 
La Palmese del 1971-1972.

Il massimo livello regionale cambiò denominazione nel 1970-71, diventando il campionato di Promozione. La Palmese, nel girone unico della Calabria, vinse il torneo superando la Gioiese e venendo quindi nuovamente promossa in Serie D. Nel 1971 la società cambiò nome, diventando il Club Calcio Palmi.

Nel campionato interregionale di Serie D 1971-1972 la squadra nero-verde venne inserita nel girone I, dov'era l'unica calabrese su diciotto partecipanti (tutte siciliane), ed ottenne un piazzamento finale a metà classifica, cioè il nono posto. Nella stagione successiva fecero compagnia al C.C. Palmi, nel girone I, la Gioiese e la Vigor Nicastro. La società palmese, con il decimo posto finale, fu la meglio piazzata in classifica delle tre formazioni calabresi.

Nella Serie D 1973-1974 la società nero-verde retrocesse sul campo arrivando sedicesima, ma venne in seguito riammessa in Serie D per la penalizzazione di dieci punti della Società Sportiva Milazzo. In questa stagione l'unica partita degna di nota fu il pareggio esterno, per 1-1, allo Stadio Giovanni Celeste di Messina contro la compagine locale, che vinse il girone.[25]

I derby di Palmi

Nella storia del massimo campionato calabrese la società nero-verde ha disputato sei stracittadine. Il primo doppio confronto avvenne con la Juve Palmi. Nel periodo nel quale invece la società ebbe il nome di Calcio Club Palmi, affrontò per due stagioni consecutive il Football Club Vigor Palmese.[39] Nel dettaglio i risultati furono i seguenti:

La riammissione alla Serie D 1974-1975 non portò fortuna al C.C. Palmi che, anche in quest'occasione, venne retrocesso sul campo piazzandosi all'ultimo posto e dando poche soddisfazioni ai propri supporter.

Il ritorno, dopo quattro stagioni, nei campionati regionali portò la società a classificarsi al settimo posto del girone unico di Promozione Calabria 1975-1976, a pari punti con la Bovalinese e l'U.S. Praia. La stagione successiva la squadra nero-verde si classificò al dodicesimo posto, ma soprattutto perse per la prima volta nella sua storia il primato calcistico cittadino. Difatti nel campionato di Promozione Calabria 1976-1977 partecipava anche il Football Club Vigor Palmese che arrivò al terzo posto in classifica. Il campionato seguente di Promozione Calabria 1977-1978 vide il C.C. Palmi nuovamente superato in classifica, e nel primato cittadino, dal F.C. Vigor (giunto quarto in graduatoria) ma soprattutto si classificò all'undicesimo posto, a pari merito con U.S. Praia ed Acri, venendo retrocesso in Prima Categoria. Il 6 agosto 1978 la società nero-verde tornò a chiamarsi con l'antico nome di Unione Sportiva Palmese.[46]

Il campionato di Prima Categoria 1978-1979 (girone C) venne vinto dalla Palmese che, pertanto tornò, immediatamente in Promozione. Il ritorno in un campionato più consono alla storia nero-verde durò anch'esso una sola stagione. Difatti la squadra chiuse il campionato di Promozione Calabria 1979-1980 al penultimo posto e venne nuovamente retrocessa nel girone C di Prima Categoria.[47]

Gli anni ottantaModifica

Il 17 agosto 1980, sotto la presidenza dell'avv. Gino Cardone, l'Unione Sportiva Palmese ed il Football Club Vigor Palmese si fusero adottando il nome ed i colori sociali della squadra nero-verde.[39][48] Durata solo una stagione la permanenza della Palmese in Prima Categoria, l'anno seguente la squadra nero-verde, guidata in panchina da Carlo Marino, vinse anche il campionato di Promozione Calabria 1981-1982 classificandosi prima davanti alla Paolana. La vittoria del torneo le consentì l'accesso al Campionato Interregionale, livello nato dal passaggio della vecchia Serie D alla Lega Nazionale Dilettanti.

Nel Campionato Interregionale 1982-1983, i nero-verdi di Mister Marino furono inseriti nel girone I, con società di Calabria e Campania, ed ottennero l'ottavo posto finale in classifica. L'anno successivo il girone I, nel quale militava la Palmese inizialmente guidata da Marino (al quale succedette Giuliano Spignese), venne formato invece da club di Calabria e Puglia e la società reggina si piazzò all'undicesimo posto finale a pari punti con il Castrovillari.

Nel Campionato Interregionale 1984-1985 la società, con Fausto Silipo in panchina, venne inserita invece nel girone L, formato nuovamente da società di Calabria e Campania, ottenendo il settimo posto finale in coabitazione con la Vibonese e restando per gran parte del torneo tra le prime posizioni.[49]

La quarta stagione in Interregionale ebbe il reinserimento della Palmese nel girone I, e la squadra allenata da Giovanni Bonetti trovò la salvezza per un solo punto più ottenuto rispetto al Real Gragnano (classificandosi dodicesima a pari merito con il Savoia).

Nel Campionato Interregionale 1986-1987, girone I, la Palmese guidata dall'uruguayano Washington Cacciavillani si salvò ancora (stavolta per due punti in più rispetto al Gladiator) confermando il dodicesimo posto finale in classifica.[50] Il Campionato Interregionale 1987-1988 fu l'ultimo dei sei consecutivi disputati dai nero-verdi. Ancora una volta inserita nel girone I, la Palmese si piazzò al penultimo posto in classifica tornando, assieme alla Vibonese arrivata ultima, nel massimo campionato regionale. Nella stagione la guida tecnica della squadra cambio cinque volte (il ritorno iniziale di Giovanni Bonetti, la bandiera nero-verde Carlo Marino, Tommaso De Petri e due volte Giovanni Marsella).

 
La Palmese del 1989-1990.

Il campionato di Promozione Calabria 1988-1989 era suddiviso in due gironi, e la Palmese giocò il girone B lottando fino alla fine con L'A.S. Audax Ravagnese per la vittoria finale del torneo. Arrivò seconda distanziata di tre lunghezze dalla formazione di Reggio Calabria.[51] La stagione successiva invece fu modesta, ed i nero-verdi arrivarono a metà classifica (ottavo posto).[52]

Gli anni novantaModifica

Nel campionato di Promozione Calabria 1990-1991, la Palmese vinse il girone B staccando di sei punti in classifica l'U.S. Ardore e guadagnando il diritto a giocare lo spareggio con il Castrovillari (vincitore del girone A) per l'accesso al Campionato Interregionale. Lo spareggio, svolto a Lamezia Terme il 19 maggio 1991, venne vinto dai cosentini e pertanto i nero-verdi rimasero nel massimo campionato regionale,[53] che dalla stagione successiva prese il nome di Eccellenza. Il primo campionato di Eccellenza registrò un quinto posto finale in classifica[54] mentre la stagione 1992-1993 segnò il quarto posto in coabitazione con la S.S. Silana.[55]

Nel campionato di Eccellenza Calabria 1993-1994 vi fu un testa a testa per la vittoria finale del torneo tra quattro formazioni: Palmese, Gioiese, A.C. Melito e Corigliano Schiavonea. Vinse il campionato la società di Gioia Tauro, per una sola lunghezza in più rispetto alla Palmese.[56] La stagione seguente fu invece meno fortunata per i colori nero-verdi, che ottennero la salvezza nel torneo, ai danni dell'A.S. Enotria Santa Caterina, con il penultimo posto conquistato per un punto in più rispetto alla formazione di Reggio Calabria.[57] Il campionato di Eccellenza Calabria 1995-1996 segnò invece un buon sesto posto finale in classifica,[58] ma la stagione successiva avvenne la retrocessione della società in Promozione, con l'ultimo posto in classifica ed un distacco considerevole dalle formazioni che si salvarono.

Coppa Italia Dilettanti Calabria 1997-1998

Finale: Siderno, 21 febbraio 1998.[59]

  U.S. San Calogero - Palmese 0-1
Marcatore: 87' Foti.

Nel campionato di Promozione Calabria 1997-1998, girone B, la Palmese arrivò terza nella classifica finale ma il distacco con le due squadre che la precedettero, l'U.S. San Calogero ed il Comprensorio Capo Vaticano, fu molto ampio e tale da non lasciare speranze, in quella stagione, di poter prontamente tornare in Eccellenza. Quell'annata calcistica, invece, consegnò al palmarès della società nero-verde la coppa regionale. Difatti la Palmese vinse la Coppa Italia Dilettanti Calabria[60] e accedette al tabellone principale della Coppa Italia Dilettanti. Nel girone H la società calabrese affrontò il Siracusa, ottenendo uno 0-0 in Sicilia allo stadio Nicola De Simone il 18 marzo 1998 ed una vittoria per 2-0 in casa il successivo 1 aprile. Nei quarti di finale del torneo la Palmese subì una doppia sconfitta contro lo Squinzano, per 0-4 il 15 aprile in Puglia e per 0-1 il 22 aprile a Palmi.[61]

Nemmeno il campionato di Promozione Calabria 1998-1999 servì a riportare la Palmese nel massimo livello regionale. Infatti, nel girone B, la società della piana si classificò all'undicesimo posto finale, a pari merito con l'A.S. Bivongi.

Il ritorno in Eccellenza tardò solamente di un altro anno. La squadra nero-verde arrivò prima nel girone B della Promozione Calabria 1999-2000 a pari merito con l'A.C. Libertas Rosarno. Le due società disputarono un campionato da record, che passò alla storia del calcio calabrese.[62] Le due squadre della piana, su trenta incontri disputati, riportano entrambe ben 25 vittorie, 4 pareggi ed 1 sconfitta, con la società nero-verde che però ebbe un migliore attacco (76 gol) ed una miglior difesa (18 reti) rispetto agli amaranto. La Palmese vinse anche, per 1-0, lo spareggio disputato a Vibo Valentia contro la formazione rosarnese, ed ottenne il ritorno in Eccellenza.[63] In quella stagione la società disputò per la prima volta anche la Supercoppa Calabria, torneo giocato tra la vincente del campionato di Eccellenza (in questo caso l'Acri) e le vincenti dei due gironi di Promozione (Scalea, per il girone A, e Palmese). Il trofeo venne vinto dall'Acri.

Gli anni duemilaModifica

Il nuovo millennio iniziò con una serie di campionati di Eccellenza che attestarono la squadra nero-verde sempre a metà classifica. Nella stagione 2000-2001 la Palmese si classificò all'ottavo posto finale.[64] Risultato migliorato di una posizione, con il settimo posto a pari punti con l'A.S. Cutro, nel campionato di Eccellenza Calabria 2001-2002.[65] La stagione 2002-2003 registrò invece un peggioramento, con il decimo posto finale in classifica, in coabitazione con l'U.S. Santa Maria di Catanzaro. Nel campionato di Eccellenza Calabria 2003-2004 la Palmese si riassestò nuovamente al settimo posto in classifica.

Il quarto posto finale nella classifica del campionato di Eccellenza Calabria 2004-2005 portò per la prima volta la Palmese a disputare i nuovi play-off regionali per la promozione al livello superiore. In semifinale i nero-verdi affrontarono il Comprensorio Capo Vaticano e, pur ottenendo un doppio 0-0 sia a Palmi che a Ricadi, vennero eliminati in quanto la squadra vibonese ebbe un risultato migliore (terzo posto) alla fine della stagione regolare.[66]

Nel campionato di Eccellenza Calabria 2005-2006 vi fu una nuova retrocessione della Palmese in Promozione. La società della piana arrivò tredicesima nella classifica finale del torneo e venne ammessa a disputare i play-out salvezza. I nero-verdi dovettero affrontare il Corigliano Schiavonea che era arrivato quattordicesimo in classifica con un distacco dalla Palmese di addirittura dodici punti. Questa differenza nella stagione regolare non impedì ai cosentini di vincere entrambi gli scontri, 1-0 a Corigliano Calabro e 2-1 a Palmi, condannando alla retrocessione la Palmese.

In Promozione Calabria 2006-2007 girone B, la Palmese arrivò sesta in classifica generale e rimase esclusa dai play-off per la promozione in Eccellenza per un solo punto in meno ottenuto rispetto all'A.S.D. Reggiosud 2004. La vittoria del campionato non sfuggì ai nero-verdi la stagione seguente, quando arrivarono primi con 56 punti nel girone B, staccando di quattro lunghezza l'A.P.D. Brancaleone, l'A.S. Roccella e la S.S.D. Melitese, ottenendo la promozione diretta in Eccellenza. Inoltre il 2008 consegnò alla Palmese anche la sua prima Supercoppa Calabria, trofeo assegnato a Reggio Calabria tra la vincente del campionato di Eccellenza (in questo caso l'Hinterreggio) e le vincenti dei due gironi di Promozione (Palmese appunto ed A.C. Rossano).

Il ritorno della Palmese nel massimo campionato regionale registrò subito un quarto posto finale in classifica con accesso ai play-off per la promozione in Serie D. I nero-verdi affrontarono la Rossanese terza in classifica e persero sia la gara a Palmi (0-1 il 3 maggio 2009) che quella a Rossano (1-2 il 10 maggio), restando in Eccellenza.

Anche la stagione 2009-2010 portò la Palmese al quarto posto finale con accesso ai play-off per la promozione al campionato interregionale. Stavolta i pianigiani affrontarono il Calcio Acri e dopo il 2-2 a Palmi del 1º maggio 2010, persero 1-0 ad Acri abbandonando anche stavolta ogni speranza di promozione in Serie D.[67]

Gli anni duemiladieciModifica

Nel campionato di Eccellenza Calabria 2010-2011, la Palmese ottenne un piazzamento di metà classifica con il decimo posto finale e 37 punti conquistati.[68] La stagione successiva la società nero-verde retrocesse in Promozione dopo una sconfitta subita nei play-out. Difatti il tredicesimo posto in classifica comportò alla Palmese l'obbligo di disputare uno spareggio salvezza contro lo Scalea (quattordicesimo), vinto da questi ultimi per 3-0 allo stadio Giuseppe Lopresti di Palmi.[69]

La società ripartì nell'anno del centenario (2012) dalla Promozione Calabria girone B, giocando tutte le gare interne a Rosarno.[70] Il centenario del club, e la presentazione della nuova squadra, furono fatte a margine di un concerto di Gigi D'Alessio, il 12 agosto.[71] Il secondo posto finale in classifica alle spalle della Taurianovese consentì alla Palmese l'accesso ai play-off del girone B, dove vinse in semifinale contro il Bianco per 4-1[72] ed in finale contro la Gallicese per 3-2.[73] Questa vittoria le diede il diritto di disputare la finale play-off intergirone contro l'Audace Rossanese, vincitrice del girone A. L'incontro, disputato a Vibo Valentia il 19 maggio 2013, fu vinto dalla Palmese per 3-0 che ottenne pertanto il ritorno in Eccellenza.[74]

Nella stagione 2013-2014 la Palmese ebbe più soddisfazioni dalla Coppa Italia Dilettanti che dal campionato, dove ottenne un settimo posto finale in classifica.[75] Difatti la società reggina arrivò a disputare la finale di Coppa Calabria l'8 gennaio 2014 a Lamezia Terme, perdendo ai rigore 9-8 (incontro terminato 0-0) contro l'Isola Capo Rizzuto.[76]

«Palmese: la regina dell’Eccellenza che fa meglio della Juve dei record»

(Eurosport.com[77])
 
Un frangente dell'amichevole estiva col Catanzaro (2015).

Il campionato di Eccellenza Calabria 2014-2015 fu dominato dalla società nero-verde, dalla prima all'ultima giornata, ottenendo la promozione diretta in Serie D dopo 27 anni. La Palmese finì alla ribalta delle cronache calcistiche nazionali[77] in quanto frantumò tutti i record, non solo della propria storia, ma dell'intera storia dei campionati di Eccellenza. In trenta turni di campionato disputati la squadra nero-verde registrò 28 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta, 85 punti conquistati su 90 disponibili, 15 vittorie su 15 partite giocate al Lo Presti, 76 gol segnati e 16 subiti (+ 60 differenza reti), 21 punti di vantaggio sulla Vibonese seconda in classifica e +26 di media inglese. Infine la Palmese ebbe la migliore media punti di tutti i campionati nazionali dalla Serie A fino all'Eccellenza.[78] La stagione consegnò alla società anche la seconda Supercoppa Calabria della storia, disputata al Lopresti contro le vincenti dei due gironi di Promozione (Trebisacce e Cittanovese).

Al ritorno in Serie D nella stagione 2015-2016, a ventisette anni di distanza dall'ultima partecipazione ad un campionato interregionale, la Palmese iniziò il campionato con ottimi risultati (giocando le partite casalinghe allo stadio San Giorgio causa lavori di ristrutturazione dello stadio Giuseppe Lopresti), per poi rimanere invischiata in zona retrocessione ed ottenere la salvezza ai play-out grazie alla vittoria per 3-1 in casa del Marsala, classificato quindicesimo e con quattro punti in classifica in più dei nero-verdi. La stagione seguente, sempre nel girone I, i neroverdi arrivano al sesto posto in classifica, mentre nella stagione 2017-2018 si piazzarono al quattordicesimo posto disputando i play-out salvezza con l'Ebolitana, arrivata quindicesima a sette punti di distacco dai pianigiani. Nello scontro diretto, giocato a Palmi i calabresi si imposero sui campani per 3-0 ottenendo la salvezza.

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Unione Sportiva Palmese Associazione Sportiva Dilettantistica
  • 1912 - Fondazione dell'Unione Sportiva Palmese 1912.
  • 1912-1927 - ?
  • 1927 - Si affilia al Direttorio Regionale per la Calabria e la Basilicata.
  • 1927-1928 - ?
  • 1928-1929 - ?
  • 1929-1930 - ?

Primo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1939-1940 - Rinuncia alla Serie C.

  • 1940-1941 - Scioglimento della società.
  • 1945 - Affiliata alla F.I.G.C. con la denominazione Unione Sportiva Palmese.
  • 1945-1946 - ?
  • 1946-1947 - ?
  • 1947-1948 - 1ª nel girone C della Prima Divisione Calabria. Promossa in Promozione.
  • 1948-1949 - 9ª nel girone O della Promozione.
  • 1949-1950 - 4ª nel girone O della Promozione.


  • 1960-1961 - ? nel girone D della Seconda Categoria Calabria.
  • 1961-1962 - Esclusa dalla Prima Categoria Calabria.[37]
  • 1962-1963 - 1ª nel girone D della Seconda Categoria Calabria. Promossa in Prima Categoria.
  • 1963-1964 - 2ª nel girone B della Prima Categoria Calabria.
  • 1964-1965 - 1ª nel girone B della Prima Categoria Calabria. Vince lo spareggio promozione. Promossa in Serie D.
  • 1965-1966 - 17ª nel girone F della Serie D. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1966-1967 - 1ª nel girone B della Prima Categoria Calabria. Promossa in Serie D.
  • 1967-1968 - 10ª nel girone I della Serie D.
  • 1968-1969 - 16ª nel girone I della Serie D. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1969-1970 - 4ª nel girone B della Prima Categoria Calabria.

  • 1970-1971 - 1ª in Promozione Calabria. Promossa in Serie D.
  • 1971 - Cambia denominazione in Club Calcio Palmi.
  • 1971-1972 - 9ª nel girone I della Serie D.
  • 1972-1973 - 9ª nel girone I della Serie D.
  • 1973-1974 - 12ª nel girone I della Serie D. Retrocessa in Promozione e in seguito riammessa alla compilazione dei quadri della stagione successiva.
  • 1974-1975 - 18ª nel girone I della Serie D. Retrocessa in Promozione.
  • 1975-1976 - 7ª in Promozione Calabria.
  • 1976-1977 - 12ª in Promozione Calabria.
  • 1977-1978 - 11ª in Promozione Calabria. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1978 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Palmese.
  • 1978-1979 - 1ª nel girone C della Prima Categoria Calabria. Promossa in Promozione.
  • 1979-1980 - 15ª nel girone unico della Promozione. Retrocessa in Prima Categoria.

  • 1980-1981 - 1ª nel girone C della Prima Categoria Calabria. Promossa in Promozione.
  • 1981-1982 - 1ª nel girone B della Promozione Calabria. Promossa nel Campionato Interregionale.
  • 1982-1983 - 8ª nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1983-1984 - 11ª nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1984-1985 - 7ª nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1985-1986 - 12ª nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 12ª nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1987-1988 - 15ª nel girone I del Campionato Interregionale. Retrocessa in Promozione.
  • 1988-1989 - 2ª nel girone B della Promozione Calabria.
  • 1989-1990 - 8ª nel girone B della Promozione Calabria.

  • 1990-1991 - 1ª nel girone B della Promozione Calabria. Perde lo spareggio promozione.
  • 1991-1992 - 5ª in Eccellenza Calabria.
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti Eccellenza Calabria.
Vince la Coppa Italia Dilettanti Calabria (1º titolo).
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti (Fase Eccellenza).
  • 1998-1999 - 11ª nel girone B della Promozione Calabria.
  • 1999-2000 - 1ª nel girone B della Promozione Calabria. Vince lo spareggio. Promossa in Eccellenza.
Finalista di Supercoppa Calabria.

Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
  • 2006-2007 - 6ª nel girone B della Promozione Calabria.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
Vince la Supercoppa Calabria (1º titolo).
  • 2008-2009 - 4ª in Eccellenza Calabria. Perde i play off.
Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
  • 2009-2010 - 4ª in Eccellenza Calabria. Perde i play off.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Calabria.

Secondo turno di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
  • 2012-2013 - 2ª nel girone B della Promozione Calabria. Vince i play off. Promossa in Eccellenza.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
Finale di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
  • 2014 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Palmese Associazione Sportiva Dilettantistica.
  • 2014-2015 - 1ª in Eccellenza Calabria. Promossa in Serie D.
Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Calabria.
Vince la Supercoppa Calabria (2º titolo).
  • 2015-2016 - 16ª nel girone I della Serie D. Vince i play out.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

I colori della maglia dell'Unione Sportiva Palmese 1912 sono il nero e il verde, attualmente alternati a strisce verticali di egual misura. I calzoncini sono tradizionalmente di colore nero[79] e i calzettoni di colore verde. Le maglie con strisce nere e verdi alternate sono apparse essenzialmente negli ultimi tempi, in quanto nei primi decenni di vita del club i giocatori indossavano delle divise completamente verdi, con i bordi neri.

Evoluzione delle divise
anni 60 e 70
1968-1969
1971-1972
2005-06
2006-08
2008-12
2012-14
2014-15
(casa)
2014-15 (trasferta)
2017-18 (casa)

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

L'emblema ufficiale dell'Unione Sportiva Palmese 1912 è composto da un ovale, con bordi nero e bianco, recante al suo interno la scritta "U.S. PALMESE" in bianco con sottolineatura gialla e con quattro strisce nere e tre verdi alternate sullo sfondo dell'ovale stessa. In basso all'ovale completa l'emblema uno scudo verde con all'interno una palma bianca. Questo simbolo è stato adottato nel 2012, con l'avvento di Giuseppe Carbone alla presidenza del club. L'emblema storico della Palmese è invece un ovale con base bianca recante al suo interno una palma colorata con un omino, sul lato destro sotto la palma, raffigurante un calciatore con i colori sociali.

InnoModifica

«Forza Palmi, Alé Palmi, Forza Palmese Alé.»

(Ritornello dell'inno ufficiale.)

L'inno ufficiale dell'Unione Sportiva Palmese 1912, inserito su YouTube, è scritto e cantato da Gianni Penna.[5]

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Giuseppe Lopresti.
 
Schema dello Stadio Giuseppe Lopresti.

L'Unione Sportiva Palmese attualmente disputa le gare casalinghe nello stadio Giuseppe Lopresti, avente una capienza di 1.500 spettatori.

Nei primi venti anni di vita della società, in città non vi erano impianti dedicati esclusivamente al gioco del calcio e, pertanto, per disputare gli incontri vennero utilizzati i grandi spiazzi esistenti all'interno di ogni reticolato urbano, oppure delle grandi aree poste in zone di periferia. Comunque l'area più idonea sembrò quella della piazza Vittorio Emanuele ed il piazzale sottostante il cimitero. In questi luoghi si disputarono importanti incontri amichevoli ed ufficiosi. Tra l'altro, all'inizio degli anni venti, per breve durata venne usato per disputare gare di calcio anche lo spiazzo corrispondente alla piazza Maria Cristina, di fronte alla chiesa Madre.

Nel 1932 venne realizzato l'attuale stadio Giuseppe Lopresti e, da allora, salvo sporadici incontri disputati nello stadio di rugby San Giorgio,[80] l'impianto è sempre stato la "casa" della prima squadra. Fa però eccezione la stagione 2012-2013 nella quale, causa l'inagibilità del Lopresti, la Palmese ha disputato le proprie gare interne di campionato nello stadio Giovanni Paolo II di Rosarno.[81]

Centro di allenamentoModifica

L'Unione Sportiva Palmese svolge le sue sedute di allenamento presso lo stadio San Giorgio di Palmi. La struttura è utilizzata per tale scopo dal 2013 ed è ubicata nell'omonimo quartiere, nella parte alta della città.

L'impianto, chiamato popolarmente "campo da rugby" poiché inizialmente realizzato per la pratica di questo sport, fu ideato verso la fine degli anni ottanta. Difatti la sua costruzione venne approvata dal consiglio comunale di Palmi il 22 giugno 1989.[82] L'opera, progettata dall'architetto Saverio Saffioti,[83] venne interamente finanziata dallo stato e completatata nel 1995,[84] per poi essere ristrutturata nel 2013.[85]

Il complesso sportivo San Giorgio, che ha una superficie totale di 40.000 metri quadri, dispone di un campo da gioco principale in erba naturale, di una tribuna centrale da 1.000 posti, spogliatoi, biglietteria ed uffici.[85] Inoltre vi è un secondo rettangolo di gioco anch'esso in erba naturale.[85] Entrambi i terreni dispongono di impianto di illuminazione artificiale e di sistema di irrigazione.[85]

SocietàModifica

Organigramma societarioModifica

Organigramma aggiornato al 29 agosto 2018

Staff dell'area amministrativa
  •   Vincenzo Longo - Presidente
  •   Giuseppe Carbone - Vice presidente
  •   Corrado Del Giudice - Direttore generale
  •   Fortunato Spadaro - Direttore Sportivo
  •   Giovanni Piccolo - Medico sociale


Modifica

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1984-1985 Pomod'or[86]
  • 1985-1989 ...
  • 1989-1990 nessuno sponsor[87]
  • 1990-1999 ...
  • 1999-2000 Medil Palmi[93]
  • 2000-2003 ...
  • 2003-2004 Città di Palmi[88]
  • 2004-2005 ...
  • 2005-2010 Specialmangimi Galtieri[90]
  • 2010-2011 Palmi Sidis
  • 2011-2012 Piana Palmi Multiservizi
  • 2012-2014 Famiglia Italiana[91]
  • 2014-2015 L'Opera[92]
  • 2015-2016 Conad - Stocco&Stocco
  • 2016-2017 Conad
  • 2017-2018 non presente
  • 2018-2019 non presente

Impegno nel socialeModifica

Nel 2012 l'Unione Sportiva Palmese ha creato un progetto dal nome "mettersi in gioco", con il quale ha avvicinato al mondo dello sport gli ospiti del centro diurno di volontario "Presenza" di Palmi.[94] Sempre nello stesso anno, la società nero-verde ha organizzato un incontro di calcio amichevole tra i giovani palmesi ed alcuni giovani egiziani partecipanti al progetto formativo "Pitagora Mundus". Il progetto nacque da un accordo fra Italia e Egitto. A Palmi arrivano 40 studenti egiziani, ospiti del convitto dell'Istituto Tecnico Agrario "Luigi Ferraris". L'evento sportivo fu valutato come un «veicolo d'integrazione» fra giovani di diversa cultura.[95]

Nel 2014 la Palmese ha aderito, assieme ad associazioni locali, alla quinta edizione dell'evento "Regaliamo 1 sorriso", con il quale sono stati donati dei giocattoli ai bambini meno fortunati, in occasione delle festività natalizie.[96]

Settore giovanileModifica

Il settore giovanile dell'Unione Sportiva Palmese gode dell'ufficialità da parte della FIGC quale «scuola calcio riconosciuta»[97] ed è composto dalle categorie Juniores, Allievi e Giovanissimi. Per potenziare il settore giovanile nero-verde, nel 2014 la Palmese ha confluito nei propri quadri societari la Vigor Palmi 2004, società che si occupava con discreti successi del calcio giovanile cittadino.[98]

La Palmese nella cultura di massaModifica

L'attaccamento tra la città di Palmi e la sua principale squadra di calcio è stato oggetto, nel 2016, di un articolo pubblicato dal quotidiano economico nazionale Il Sole 24 ORE. La testata ha evidenziato come la Palmese fosse stata in assoluto la prima società sportiva in Italia, nel 2014, per donazioni ricevute tramite il cinque per mille. Su una popolazione di circa 19.000 abitanti ed 11.000 contribuenti, la società nero-verde è stata scelta da oltre 4.000 cittadini, per un importo superiore agli 80.000 mila euro.[99]

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'U.S. Palmese 1912 e Categoria:Presidenti dell'U.S. Palmese 1912
Allenatori
Presidenti
  • 1912-2002 ...
  • 2002-2006   Carmelo Fiorino
  • 2006-2007   Nuccio Buda
  • 2007-2008   Domenico La Capria[135]
  • 2008-2009   Beniamino Caristi[136]
  • 2009-2012   Giancarlo Oliveri[137][138][139]
  • 2012-2018   Giuseppe Carbone[140]
  • 2018-2019   Vincenzo Longo[141]

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'U.S. Palmese 1912
 
Il difensore Carmelo Buonocore, militante nella Palmese stagione 1933-1934.

«Quando Buonocore era alla Palmese (e in quella squadretta c'erano Silingardi, Pincelli, Orzan, Martinolli, Surra, ecc.) vi capitò un giorno il dirigente di una grande società: e, ammirato dal gioco di quei ragazzi, se ne uscì con un monosillabo: oh!. La settimana successiva mandò il suo allenatore ad osservare tutti quei ragazzi. L'anno seguente Buonocore andò all'Ambrosiana finendo in nazionale, Silingardi passò al Livorno, Pincelli è alla Fiorentina, Orzan...»

(Ennio Mantella, Il Littoriale, editoriale in prima pagina. 14 aprile 1940.)

Negli anni trenta la Palmese tesserò alcuni calciatori di fama nazionale, che disputarono nella loro carriera anche gare ufficiali di serie A. Di questi, nella stagione 1933-1934 giocò a Palmi il difensore Carmelo Buonocore mentre l'anno successivo vi giocarono l'attaccante Francesco Orzan, il terzino Franco Pincelli ed il portiere Porthus Silingardi. Nella stagione di Serie C 1938-1939 militarono in nero-verde i centrocampisti Mario Magotti, Pasquale Morisco, Ugo Terzani, Vincenzo Volpe e l'attaccante Giovanni Vecchina. Mario Semoli invece disputò gare con la Palmese nella stagione 1950-1951. Da segnalare che negli anni sessanta indossò la casacca nero-verde, come giocatore, anche l'allenatore di serie A Franco Scoglio. Scoglio fu conosciuto a livello nazionale come il "professore", poiché laureato in pedagogia e, infatti, in quegli anni insegnava educazione fisica nell'Istituto tecnico Agrario di Palmi.[142][143]

La Palmese e le nazionali di calcioModifica

Nessun tesserato dell'Unione Sportiva Palmese 1912 ha mai militato in una nazionale di calcio. Va segnalato però che il calciatore Giovanni Vecchina, quando venne tesserato dalla Palmese, aveva già disputato 2 incontri con la maglia della Nazionale italiana di calcio (nel 1928 e nel 1931).

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1934-35
1950-1951

Competizioni regionaliModifica

La Palmese ha vinto nella sua storia i seguenti massimi campionati regionali calabresi:

2014-2015
1937-1938, 1947-1948
1932-1933
1970-71, 1981-1982
1964-65, 1966-67

Inoltre la Palmese ha vinto i seguenti campionati cadetti regionali:

1999-2000, 2007-2008
1978-1979, 1980-1981
1960-1961, 1962-1963

Le coppe ufficiali regionali nel palmarès della Palmese sono le seguenti:

1997-1998[13]
2008[144], 2015

Statistiche e recordModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record dell'Unione Sportiva Palmese 1912.

Partecipazione ai campionati nazionaliModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Divisione 2 1933-1934 1934-1935 4
Serie C 2 1938-1939 1951-1952
Promozione 3 1948-1949 1950-1951 15
IV Serie 1 1952-1953
Serie D 11 1965-1966 2018-2019
Campionato Interregionale - 2ª Cat. 1 1957-1958 7
Campionato Interregionale 6 1982-1983 1987-1988

Partecipazione alle coppe nazionaliModifica

Torneo Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia 1 1938-1939 1
Coppa Italia Serie D 4 2015-2016 2018-2019 4
Coppa Italia Dilettanti (fase nazionale) 1 1997-1998 1

Statistiche di squadraModifica

L'Unione Sportiva Palmese 1912, con i suoi quattro campionati di III livello disputati si attesta come sesta miglior società in assoluto della storia del calcio calabrese, per traguardi raggiunti, dopo Reggina, Catanzaro, Cosenza, Crotone e Rende.

Inoltre, con le suddette società e la Juventus Siderno, la Palmese è uno dei sette club calabresi che hanno partecipato nella loro storia alla Coppa Italia.

Con venti campionati disputati, la Palmese è quinta anche nella graduatoria dei club calabresi che hanno preso parte più volte al massimo campionato dilettantistico, la Serie D, preceduta da Vigor Lamezia, Castrovillari, Vibonese, Paolana.

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Il primo gruppo storico di ultras della Palmese è il "Boys Palmi 78", nato verso la fine degli anni ottanta.[145] Altri due gruppi organizzati di supporter nero-verdi sono il "Gruppo Totalitario 1993" e "Passione Neroverde".[146]

Gemellaggi e rivalitàModifica

I gemellaggi più importanti della tifoseria palmese sono quelli con i tifosi dell'U.S.D. Isola Capo Rizzuto[147] e dell'Unione Sportiva Paolana[148]. Il gemellaggio con questi ultimi, tra i "Boys Palmi 78" ed i "Fedayn Paola", risale al 1987.[148] Un'altra amicizia lega i supporters nero-verdi con quelli dello Scalea.[149]. Ulteriori amicizie sono anche con gli ultras dell'Agropoli (dalla stagione di Serie D 2015-2016) e con gli ultras del Bovalino (dal 2018).

La rivalità più accesa della tifoseria palmese è senza dubbio quella con la tifoseria della Gioiese, dettata dalla più generale rivalità tra le città di Palmi e Gioia Tauro, principali centri della piana, peraltro distanti tra di loro solamente 8 km. Per questo l'incontro di calcio Palmese-Gioiese è definito il derby della Piana e, per entrambe le tifoserie, è la partita che vale una stagione.[150]

Altre rivalità minori della tifoseria palmese sono con i supporters del Crotone,della Vibonese, del Sambiase[151] e del Locri.[149]

Molto particolare è stato, nella stagione di Serie D 2015-2016, il rapporto tra la tifoseria palmese ed i supporter della Reggina, in quello che è stato ridefinito come il "derby della Provincia di Reggio Calabria". Nei due incontri ufficiali le due tifoserie hanno dimostrato un rapporto di amicizia prima e dopo l'incontro, ma allo stesso tempo di rivalità (con tanto di reciproci cori ingiuriosi) durante le fasi di gioco.[152]

NoteModifica

  1. ^ Federazione Italiana Giuoco Calcio - Lega Nazionale Dilettanti - COMITATO REGIONALE CALABRIA, su www.crcalabria.it. URL consultato il 16 gennaio 2015.
  2. ^ Palmese-Sambiase 2-1, il tabellino, su www.reggionelpallone.it. URL consultato il 16 gennaio 2015.
  3. ^ Palmese grandi firme: dalla Vigor Lamezia c'è anche Rondinelli?, su reggiocalabria.iamcalcio.it. URL consultato il 16 gennaio 2015.
  4. ^ Simbolo della città di Palmi.
  5. ^ a b   PALMESE - Inno ufficiale, su YouTube, 14 marzo 2014, a 0 min 00 s. URL consultato il 16 gennaio 2015.
  6. ^ Comunicato Ufficiale n° 59 del 13/11/2015 (PDF), http://www.lnd.it/, 13 novembre 2015. URL consultato il 31 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  7. ^ Cento anni della Palmese, su costaviolaonline.it.
  8. ^ L'attuale normativa FIGC riconosce come professionistici i campionati di Serie C dal 1935 ad oggi.
  9. ^ Articolo de "Il Littoriale": Roma batte Palmese 2-1 (JPG), su asromaultras.org. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  10. ^ Il 2 gennaio 1934.
  11. ^ Articolo de "Il Littoriale": Fiorentina batte Palmese 3-0, su dlib.coninet.it. URL consultato il 17 novembre 2014.
  12. ^ Il 31 gennaio 1934.
  13. ^ a b Albo d'oro competizioni regionali della Calabria, su crcalabria.it (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2012).
  14. ^ Tuffo nel passato palmese Rivive la storia dei neroverdi. URL consultato il 1º marzo 2015.
  15. ^ Primo volume dell'Annuario Italiano del Giuoco del Calcio 1926-1927 conservato dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.
  16. ^ Il Littoriale, 29 dicembre 1932, pag. 4.
  17. ^ a b c Periodico Madre Terra News, n. 34 ottobre 2012, pag. 38
  18. ^ Il giornale locale chiamato "U Chiaccu" scrisse: «E ciò nonostante le scarse risorse economiche della società, ma grazie al sacrificio di tante persone fortemente legate ai colori neroverdi; persone che si sono persino private di alcuni loro beni per fronteggiare le ingenti spese per l'accesso in Prima Divisione.»
  19. ^ Il Littoriale, 3 gennaio 1934: «Anche dai paesi vicini, infatti, sono convenuti gli sportivi che, piegatisi intorno al piccolo campo alle falde del monte Sant'Elia, hanno applaudito, entusiasmandosi alle fasi dell'incontro.»
  20. ^ Il Littoriale, 3 gennaio 1934: «L'industre Palmi ha accolto festosamente la squadra della Roma, reduce da Palermo e qui giunta ieri sera. Le accoglienze sono state in verità solenni, perché da tempo si attendevano i giallorossi per un incontro amichevole con la locale Palmese, militante nella I Divisione.»
  21. ^ Scheda della partita Palmese-Salernitana del 1934-35, su salernitanastory.it. URL consultato l'8 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2013).
  22. ^ Futura Sampdoria.
  23. ^ "Il Calcio Illustrato" del 13 luglio 1938, a pag. 10, indica come partecipanti al campionato di Serie C (oltre al Cosenza che già vi militava) Catanzarese, Palmi, Juventus di Siderno, Crotone e Dominante.
  24. ^ a b c Storia dell'US Lecce - Risultati della Serie C 1938-1939, su xoomer.virgilio.it. URL consultato l'8 marzo 2013.
  25. ^ a b Storico incontri Messina-Palmese, su web.tiscali.it.
  26. ^ a b c tabellone completo della Coppa Italia 1938-39, su xoomer.virgilio.it. URL consultato l'8 marzo 2013.
  27. ^ Comunicato Ufficiale n° 3 (1939-40), (pubblicato sul "Littoriale" del 7 luglio 1939, pag. 2)
  28. ^ Il Littoriale, 19 giugno 1941, pag. 2.
  29. ^ 1950-51 Promozione Girone O. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  30. ^ SERIE C - GIRONE D - 1951-1952. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  31. ^ Almanacco illustrato del calcio, Milano, Rizzoli Editore, 1953 e 1954.
  32. ^ Annuario 1953-1954 della F.I.G.C. - Roma (1954).
  33. ^ Annuario 1954-1955 della F.I.G.C. - Roma (1954).
  34. ^ Annuario 1955-1956 della F.I.G.C. - Roma (1954).
  35. ^ Carlo Fontanelli, Annogol 1957-58, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., agosto 2003, classifiche del campionato pubblicate.
  36. ^ a b Gazzetta del Sud, 2 ottobre 1959: «Catanzaro, 1º ottobre. Sotto la presidenza del dott. Alfredo Cognetti, si è riunito il Comitato Regionale calabro della FIGC. Sul campionato di Prima Categoria, si è deciso di prendere atto della rinuncia avanzata dall'US Palmese di Palmi alla disputa del campionato in parola.»
  37. ^ a b Gazzetta del Sud, 6 ottobre 1961: «Esclusa l'Associazione Sportiva Palmese di Palmi per non aver completato la documentazione e non aver inviato le prescritte tasse.».
  38. ^ Periodico Madre Terra News, Anno I numero 7 luglio 2010, pag. 31.
  39. ^ a b DERBY AMARCORD, VIGOR PALMI - U.S. PALMESE 1912: 0 - 0 (2 - 1 dopo i calci di rigore). URL consultato il 10 gennaio 2015.
  40. ^ Prima Categoria Calabria 1966-1967, 3 ottobre 1966. Marcatori: 19' Raise II, 74' Nocera.
  41. ^ Prima Categoria Calabria 1966-1967, 5 febbraio 1967. Marcatore: 73' Nocera.
  42. ^ Promozione Calabria 1976-1977, 28 novembre 1976. Marcatori: 34' Tripodi (P), 76' Fagà (V), 80' Naso II (V).
  43. ^ Promozione Calabria 1976-1977, 20 marzo 1977. Marcatori: 47' Amoroso (autorete), 85' Marino.
  44. ^ Promozione Calabria 1977-1978, 31 ottobre 1977. Marcatori: 14' Mazzullo (P), 17' Arduca (V), 77' Naso II (V).
  45. ^ Promozione Calabria 1977-1978, 27 febbraio 1978. Marcatori: 10' Naso S. (P), 16' Naso G. (V).
  46. ^ Gazzetta del Sud, 7 agosto 1978, pag. 9.
  47. ^ Annuario 1979-1980 della F.I.G.C. - Roma (1980).
  48. ^ Gazzetta del Sud, 18 agosto 1980, pag. 7.
  49. ^ INTERREGIONALE 1984-85. URL consultato il 7 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2015).
  50. ^ PALMI E PAOLA NESSUNA DIFFERENZA. UN GIORNO DA LIBRO CUORE!. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  51. ^ Annuario 1988-89 della F.I.G.C. - Roma (1989).
  52. ^ Annuario 1989-1990 della F.I.G.C. - Roma (1990).
  53. ^ Il diario di Castrovillari e del Pollino (PDF). URL consultato il 7 gennaio 2015.
  54. ^ ECCELLENZA CALABRIA 1991-1992. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  55. ^ ECCELLENZA CALABRIA 1992-1993. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  56. ^ ECCELLENZA CALABRIA 1993-1994. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  57. ^ ECCELLENZA CALABRIA 1994-1995. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  58. ^ ECCELLENZA CALABRIA 1995-1996. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  59. ^ PALMESE, UN ANNO DA RECORD, su www.stadioradio.it. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  60. ^ Albo d'oro Coppa Italia LND - Fase regionale. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  61. ^ COPPA ECCELLENZA 1997-98. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  62. ^ Entrambe ottennero 79 punti su 90 disponibili, con 25 vittorie, 4 pareggi ed 1 sconfitta. Inoltre la Palmese segnò 76 reti subendone solamente 18.
  63. ^ La Palmese stecca all'esordio. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  64. ^ Annuario F.I.G.C. 2000-01, Roma (2001).
  65. ^ Annuario F.I.G.C. 2001-02, Roma (2002).
  66. ^ ANNOGOL 2006 di Carlo Fontanelli - GEO Edizioni.
  67. ^ Play Off e Play Out, la griglia di Eccellenza e Promozione. URL consultato il 10 gennaio 2015.
  68. ^ Classifica Eccellenza Calabrese 2010-2011. URL consultato il 7 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2015).
  69. ^ PLAY OUT: PALMESE -SCALEA 0-3. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  70. ^ [causa inagibilità dello stadio Giuseppe Lopresti di Palmi.]
  71. ^ Articolo sul concerto di Gigi D'Alessio al campo Lopresti di Palmi, su inquietonotizie.it. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  72. ^ Play Off 1º turno - Campionato di Promozione girone B, Palmese-Bianco 4-1. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  73. ^ Promozione B, playoff: Palmese-Gallicese 3-2[collegamento interrotto]. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  74. ^ PALMESE - A ROSSANESE 3-0: Pisano "abbiamo smentito tutti". URL consultato il 7 gennaio 2015.
  75. ^ Eccellenza 2013/2014. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  76. ^ Isola Capo Rizzuto nella storia, vince la Coppa Italia ai calci di rigore sulla Palmese!. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  77. ^ a b Palmese: la regina dell’Eccellenza che fa meglio della Juve dei record, su www.it.eurosport.yahoo.com. URL consultato il 19 aprile 2015.
  78. ^ Calcio Eccellenza, la Palmese saluta con l’ennesimo successo, Bocale ai play out. URL consultato il 19 aprile 2015.
  79. ^ Nella stagione 2014-2015 sono stati usati principalmente calzoncini verdi.
  80. ^ DERBY DELLA PIANA – Domani Palmese-Gioiese al “San Giorgio”, su gioiasport.com. URL consultato il 27 luglio 2013.
  81. ^ Palmese, Carbone: "a Rosarno fino a fine stagione", su stadioradio.it. URL consultato il 27 luglio 2013.
  82. ^ Delibera del C.C. n 46, importo 1,48 miliardi di lire.
  83. ^ Opere dell'arch. Saverio Saffioti. Archiviato il 20 febbraio 2015 in Internet Archive.
  84. ^ Deliberazione C.M., esecutiva, del 08/03/1995 n. 176. Importo 700 milioni di lire.
  85. ^ a b c d Palmi, inaugurato il complesso sportivo San Giorgio, su inquietonotizie.it. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  86. ^ a b Palmese-Vigor Lamezia. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  87. ^ a b Formazione Palmese Campionato 1989/1990, 6 febbraio 2014. URL consultato l'8 settembre 2015.
  88. ^ a b Palmese-Sambiase (14 dicembre 2003), 29 gennaio 2014. URL consultato l'8 settembre 2015.
  89. ^ a b Gazzetta del Sud, 23 luglio 2007, pag. 30. «I tifosi credono nel salto di categoria».
  90. ^ a b Stagione 2009-2010 Archiviato il 15 luglio 2015 in Internet Archive.
  91. ^ a b Stagione 2012-2013 Archiviato il 15 luglio 2015 in Internet Archive.
  92. ^ a b Seconda divisa stagione 2014-2015 Archiviato il 16 luglio 2015 in Internet Archive.
  93. ^ La formazione di 1999-2000. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  94. ^ Sport e volontariato, la Palmese in campo con il centro "Presenza" (JPG). URL consultato il 29 dicembre 2014.
  95. ^ Lo sport veicolo di integrazione. La Palmese incontra gli studenti egiziani[collegamento interrotto]. URL consultato il 29 dicembre 2014.
  96. ^ Regaliamo 1 sorriso. URL consultato il 29 dicembre 2014.
  97. ^ Comunicato ufficiale FIGC n. 53 del 10/02/2015.
  98. ^ Palmese, Valerio Managò nuovo responsabile del settore giovanile, su http://www.reggionelpallone.it/. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  99. ^ Il record del 5 per mille? Nel calcio è dell’Unione sportiva Palmese, su ilsole24ore.com.
  100. ^ Gazzetta del Sud, 1º settembre 1952, pag. 3. «Per i primi di settembre è atteso Hirzer, l'allenatore della squadra locale che fece compiere progressi ai neroverdi.».
  101. ^ Gazzetta del Sud, 12 luglio 1979, pag. 10. «Palmese: Amante (riconfermato) chiede almeno tre elementi».
  102. ^ Gazzetta del Sud, 24 aprile 1980, pag. 10. «La Palmese non si arrende».
  103. ^ Gazzetta del Sud, 27 agosto 1980, pag. 7. «Penna alla Palmese».
  104. ^ Gazzetta del Sud, 15 dicembre 1980, pag. 10. «Esonerato Penna, è stato chiamato a sostituirlo Nino Amante.».
  105. ^ Gazzetta del Sud, 19 agosto 1981, pag. 6. «Marino alla Palmese».
  106. ^ Gazzetta del Sud, 13 agosto 1982, pag. 7. «Nella Palmese altre novità».
  107. ^ Gazzetta del Sud, 18 luglio 1983, pag. 7. «Palmese, Surace nuovo presidente».
  108. ^ Gazzetta del Sud, 24 dicembre 1983, pag. 9. «Palmese, Spignese nuovo allenatore».
  109. ^ Gazzetta del Sud, 4 giugno 1984, pag. 11. «Fausto Silipo alla Palmese».
  110. ^ Gazzetta del Sud, 26 febbraio 1986, pag. 11. «la Palmese con una pattuglia di giovani sapientemente guidati da mister Dante Pagni».
  111. ^ Gazzetta del Sud, 26 ottobre 1985, pag. 8. «Pagni è sostituito da Cittadino».
  112. ^ Gazzetta del Sud, 26 febbraio 1986, pag. 11. «Giovanni Bonetti, già del Messina, è il nuovo allenatore della Palmese».
  113. ^ Gazzetta del Sud, 14 luglio 1986, pag. 8. «Palmese in festa».
  114. ^ Gazzetta del Sud, 13 luglio 1986, pag. 10.
  115. ^ Gazzetta del Sud, 25 ottobre 1987, pag. 11.
  116. ^ Gazzetta del Sud, 29 novembre 1987, pag. 10.
  117. ^ Gazzetta del Sud, 15 febbraio 1988, pag. 11.
  118. ^ Gazzetta del Sud, 8 aprile 1988, pag. 10.
  119. ^ Gazzetta del Sud, 18 agosto 1988, pag. 11.
  120. ^ Gazzetta del Sud, 17 luglio 2006, pag. 49. «La Palmese guarda alto».
  121. ^ Palmese, squadra affidata a Crocitta., su www.stadioradio.it. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  122. ^ Carella nuova guida della Palmese., su www.stadioradio.it. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  123. ^ Dal Torrione: Palmese ci divertiremo., su www.stadioradio.it. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  124. ^ UFFICIALE: Peppe Perna è l'allenatore della Palmese., su www.stadioradio.it. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  125. ^ UFFICIALE: MARIO DAL TORRIONE RITORNA A GUIDARE LA PALMESE., su www.gioiasport.com. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  126. ^ UFFICIALE: Giovinazzo nuovo tecnico della Palmese., su www.stadioradio.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  127. ^ Perna: "La mia Palmese sarà competitiva". [collegamento interrotto], su www.uspalmese.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  128. ^ Palmese, è ufficiale: Morelli in panchina. Otto nuovi arrivi., su www.uspalmese.it. URL consultato il 18 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2015).
  129. ^ PALMESE, MARCO COLLE PER LA PANCHINA NEROVERDE, su www.stadioradio.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  130. ^ a b Clamoroso a Palmi, si dimette Franco Viola. Torna Colle?, su www.uspalmese.it. URL consultato il 18 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2015).
  131. ^ Terremoto in casa Palmese, Marco Colle si è dimesso, su www.stadioradio.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  132. ^ Rosario Salerno è l'allenatore della Palmese, su www.zonacalciofaidate.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  133. ^ Alessandro Pellicori ex bomber del Torino è il nuovo allenatore della Palmese. URL consultato il 28 luglio 2017.
  134. ^ Ivan Franceschini nuovo allenatore della US Palmese 1912. URL consultato il 10 settembre 2018.
  135. ^ Gazzetta del Sud, 12 luglio 2007, pag. 24. «La Palmese ha il nuovo presidente, L'avvocato La Capria accetta l'incarico.».
  136. ^ Beniamino Caristi nuovo presidente della Palmese., su www.stadioradio.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  137. ^ La Palmese vuole vincere ancora (2009)., su www.stadioradio.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  138. ^ PALMESE, OLIVERI CONSEGNA IL TITOLO (2010)., su www.stadioradio.it. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  139. ^ Calabria - Palmese: iscrizione effettuata (2011)., su www.notiziariocalcio.com. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  140. ^ {{cita news|url=http://www.uspalmese.it/news.asp?ID=36&newsID=52%7Csito=www.uspalmese.it%7Ctitolo=Palmese, finita l'era Oliveri. Squadra a Carbone|accesso=18 febbraio 2015|
  141. ^ Vincenzo Longo nuovo presidente della Palmese, su www.calabriagol.it. URL consultato il 21 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2018).
  142. ^ Per non dimenticare Franco Scoglio.
  143. ^ La morte del “Professore”.[collegamento interrotto]
  144. ^ Calcio illustrato Calabria
  145. ^ Articolo sul derby della Piana, su costaviolaonline.it.
  146. ^ SPORT CLUB MARSALA - US PALMESE 1912 0-0 [TABELLINO, FOTO] [collegamento interrotto], su uspalmese1912.it.
  147. ^ Gemellaggio tra le tifoserie di Palmese e Isola Capo Rizzuto, su www.stadioradio.it.
  148. ^ a b Gemellaggio tra le tifoserie di Palmese e Paolana, su www.stadioradio.it.
  149. ^ a b Calabria, su http://web.tiscali.it/stendardomania/calabriapage.htm.
  150. ^ Articolo sul derby della Piana, su costaviolaonline.it. URL consultato il 19 maggio 2013.
  151. ^ Il calendario del Sambiase parte con il botto: al Renda alla prima arriva la Palmese dei tanti ex, su www.lameziainforma.it. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  152. ^ TORNA IL DERBYSSIMO PALMESE-REGGIO CALABRIA. A 99% SI GIOCHERÀ AL LEGGENDARIO LOPRESTI. [collegamento interrotto], su www.uspalmese1912.it.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

BibliografiaModifica

  • Bruno Zappone, La gloriosa US Palmese, Taurografiche Srl, 2006.
  • Francesco Lacquaniti, La leggendaria U.S. Palmese 1912, Nuove Edizioni Barbaro, 2018.