Apri il menu principale

Uomini che odiano le donne (film)

film del 2009 diretto da Niels Arden Oplev
Uomini che odiano le donne
Ucoldf.png
Mikael Blomkvist (Michael Nyqvist) in una scena del film
Titolo originaleMän som hatar kvinnor
Lingua originalesvedese
Paese di produzioneSvezia, Danimarca
Anno2009
Durata152 min/180 min (versione integrale)
Rapporto2.35:1
Generethriller
RegiaNiels Arden Oplev
SoggettoStieg Larsson (romanzo)
SceneggiaturaNikolaj Arcel, Rasmus Heisterberg
ProduttoreSøren Stærmose
Distribuzione in italianoBiM Distribuzione
FotografiaErik Kress
MontaggioAnne Østerud
MusicheJakob Groth
ScenografiaNiels Sejer
CostumiCilla Rörby
TruccoJenny Fred
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Uomini che odiano le donne (Män som hatar kvinnor) è un film uscito nelle sale svedesi il 27 febbraio 2009 ed in quelle italiane il 29 maggio 2009, diretto da Niels Arden Oplev e tratto dall'omonimo best seller di Stieg Larsson.

Indice

TramaModifica

Svezia, 2008. Mikael Blomkvist è un giornalista quarantenne che dirige la rivista "Millennium", rivista che tratta degli scandali e delle truffe del mondo politico ed imprenditoriale. Denuncia un industriale per pesanti reati ma perde la causa e viene condannato per diffamazione in primo grado a 3 mesi di carcere; la condanna definitiva sarà emessa 6 mesi dopo ed è in questo arco di tempo che si svolge la trama del film.

Lisbeth Salander è un'hacker ventiquattrenne asociale, tatuata e in abbigliamento punk. È sotto tutela legale e nel frattempo il suo tutore viene sostituito, Lisbeth va a conoscerlo ma si rivela un vero e proprio sadico che pretende favori sessuali. Impotente di fronte al suo tiranno viene stuprata, ma riesce a ricattarlo grazie ad un video girato con una telecamera nascosta.

Lisbeth scopre della ricerca di Michael Blomkvist, il giorno seguente lo incontra e lui le parla del caso su cui sta indagando: la scomparsa nel 1966 della nipote del noto industriale Henrik Vanger. La ragazza scomparve nel nulla da un'isola, in quel momento isolata dalla terraferma per un incidente automobilistico sull'unico ponte di collegamento, e per questo Henrik adduce l'omicidio preterintenzionale come unica spiegazione. La conferma all'ipotesi è la beffa dell'assassino, che continua a spedire il regalo che la ragazza gli faceva annualmente.

Dopo aver collegato la scomparsa di Harriet a una serie di sanguinosi delitti avvenuti tra gli anni '40 e '60, i due investigatori cominciano a dipanare una storia familiare oscura e sconvolgente. I Vanger, però, sono gelosi dei loro segreti e i due protagonisti scopriranno di cosa siano capaci pur di difendersi.

Colonna sonora originaleModifica

È stata composta da Jacob Groth e contiene i brani

  • Evil Men
  • Mother and Daughter
  • Moving
  • For Harriet
  • Dark Mind
  • The Start
  • Rape
  • Secrets
  • Heavy Burden
  • Would Anybody Die for Me
  • Endings
  • Salander

ProduzioneModifica

LocationModifica

Le location isola immaginaria di Hedeby, sede della famiglia Vanger, raggiungibile dalla terra ferma solamente da un ponte, il Susanne's bridge, e del paesino di Hedestad, sono state individuate dalla produzione a Segersta, sempre in Svezia[1].

AccoglienzaModifica

Millennium è tratto dalla trilogia di romanzi di Stieg Larsson, che hanno venduto oltre 8 milioni di copie in tutto il mondo. Larsson non è vissuto abbastanza per vedere il successo del suo lavoro, essendo morto all'improvviso nel 2004, poco dopo aver consegnato il manoscritto all'editore svedese. La morte avviene per un malore accusato dopo aver fatto a piedi quattro piani di scale in un edificio senza ascensore.

IncassiModifica

  • Mondo: $ 104.150.493[2]
  • Italia: € 3.765.130[3]

RiconoscimentiModifica

RemakeModifica

Il 20 dicembre 2011 è uscito il remake hollywoodiano diretto da David Fincher Millennium - Uomini che odiano le donne, con Rooney Mara nel ruolo di Lisbeth e Daniel Craig in quello di Mikael.[4]. In Italia è arrivato nelle sale il 3 febbraio 2012.

SequelModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema