Apri il menu principale
Uovo mosaico
Uovo mosaico.jpg
Anno1914
Primo proprietarioAleksandra Fëdorovna Romanova
Attuale proprietario
Istituzione o individuoRoyal Collection
Acquisizione1934
Fabbricazione
Mastro orafoAlbert Holmström, zio di Alma Pihl, autrice del disegno.
MarchiC. Fabergé (sull'uovo) G. Fabergé (sul piedistallo della sorpresa)
Caratteristiche
MaterialiOro giallo, platino, diamanti taglio rosetta e brillanti, rubini, smeraldi, topazi, zaffiri, granati, mezze perle, pietra di luna, smalto rosa opaco e bianco.
Altezza9,5 cm
Diametro7 cm
Sorpresa
Uovo mosaico - sorpresa.jpg
Portaritratti con piedistallo di 7.9 x 5.5 x 2.9 cm
Materialioro, perle, diamanti taglio rosetta, granati verdi, smalto verde traslucido, bianco opaco, rosa pallido opalescente, verde pallido e seppia pallido.

L'Uovo mosaico è una delle uova imperiali Fabergé, un uovo di Pasqua gioiello che l'ultimo Zar di Russia, Nicola II donò a sua moglie la Zarina Aleksandra Fëdorovna Romanova nel 1914.[1][2]

Fu fabbricato a San Pietroburgo sotto la supervisione di Albert Holmström, per conto del gioielliere russo Peter Carl Fabergé, della Fabergè; la fattura originale è stata distrutta e quindi non ne conosciamo il costo.[2]

Fu la nipote di Albert, Alma Theresia Pihl, a disegnare l'uovo come un mosaico di gemme colorate, ispirata dalla luce del camino che attraversava un ricamo che la suocera stava eseguendo.[2]

ProprietariModifica

Nel 1917 durante la Rivoluzione russa l'uovo fu confiscato, insieme con gran parte di oggetti della famiglia, dal Governo Provvisorio Russo; nell'elenco dei tesori trasferiti dal Palazzo Anichkov al Sovnarkom nel 1922 è così descritto: "1 uovo d'oro come se ricamato su tela".

Nel 1933 l'Antikvariat vendette l'uovo per 5.000 rubli ad uno sconosciuto acquirente, probabilmente Armand Hammer.[2]

Il 22 maggio 1933 fu acquistato presso Cameo Corner, a Londra, da re Giorgio V per 250 sterline "metà prezzo", probabilmente come dono per il compleanno della Regina Mary (26 maggio).

L'Uovo mosaico è oggi parte della Royal Collection della Regina Elisabetta, è stato esposto al pubblico da luglio a ottobre 2011 nella mostra Royal Fabergé durante l'apertura estiva di Buckingham Palace.[2]

Le altre Uova Fabergé nella Royal Collection sono:

DescrizioneModifica

L'uovo è fatto d'oro giallo, platino, diamanti taglio rosetta e brillante, rubini, smeraldi, topazi, zaffiri, granati, mezze perle, pietra di luna, smalto rosa opaco e bianco.

È una delle più originali e tecnicamente sofisticate uova imperiali Fabergé: costituito da una struttura di fasce d'oro giallo che sostiene una griglia di platino nella quale sono montati diamanti e gemme multicolori in modo da formare motivi floreali stilizzati che hanno l'aspetto di un lavoro di ricamo a piccolo punto non completato.[1]

Si tratta di una gabbia di platino, le pietre tagliate e levigate sono perfettamente calibrate per riempire i minuscoli spazi, parte dei quali è stata lasciata vuota per dare l'impressione di un ricamo non finito. La precisione della tecnica di realizzazione è resa ancora più impressionante dal fatto che il platino è tagliato e non saldato.[2]

Attorno alla fascia mediana dell'uovo si susseguono cinque pannelli ovali, incorniciati da una fila di mezze perle fissate tra due linee di smalto bianco opaco, un brillante è posto ad ogni intersezione.

L'uovo è inoltre decorato da altre file di mezze perle tra linee di smalto bianco e da volute formate da diamanti taglio rosetta.

Sull'estremità arrotondata è posta una pietra di luna attraverso la quale sono visibili la data 1914[2] e il monogramma in oro della Zarina Aleksandra, in caratteri cirillici, intarsiati in una placca smaltata in rosa pallido.[1]

SorpresaModifica

La sorpresa è realizzata in oro, perle, diamanti taglio rosetta, granati verdi e con smalto verde traslucido, bianco opaco, rosa pallido opalescente, verde pallido e seppia pallido.

È un portaritratti in miniatura, che poggia su un piedistallo ed è sormontato della corona imperiale russa; è estraibile ed è mantenuto in posizione all'interno dell'uovo da due fermagli d'oro.[2]

Il piedistallo d'oro è costituito da una base ovale con una colonnina a forma di vaso, smaltato di bianco e decorato con diamanti taglio rosetta, smeraldi e due perle appese.

Il portaritratti incornicia un medaglione ovale con i profili dei cinque figli di Nicola e Aleksandra, dipinti su avorio[2] nello stile di un cammeo; sulla parte posteriore è raffigurato un cesto di fiori in smalto color seppia grisaille, contornato dai nomi di ciascuno dei bambini Romanov (Anastasija, Aleksej, Ol'ga, Marija, Tat'jana) e dall'anno 1914.[1]

IspirazioneModifica

 
Alma Theresia Pihl.

Molte delle uova imperiali di Fabergé si basano su standard rococò e neoclassici, ancorché superbamente eseguiti in oro e smalto, ma Alma Theresia Pihl si staccò da questi elementi convenzionali per produrre una magica opera di genio. La storia racconta che Alma Theresia Pihl disegnò l'uovo come un mosaico di gemme colorate ispirata dalla luce del camino che attraversava un ricamo che la suocera stava eseguendo.[1]

L'originalità dell'opera di Alma Theresia Pihl è ben rappresentata dall'Uovo mosaico, che combina un tema domestico e femminile ad una sofisticata tecnica di realizzazione, che fu curata dal mastro orafo Albert Holmström, zio di Alma.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Mieks.
  2. ^ a b c d e f g h i j Royal.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) 1914 Mosaic Egg, in Mieks Fabergé Eggs, 28 maggio 2016. URL consultato il 16 febbraio 2019 (archiviato il 14 settembre 2008).