Utente:Adert/Sandbox

Impero ottomanoModifica

EconomiaModifica

governoModifica

SocietàModifica

DemografiaModifica

LinguaModifica

ReligioneModifica

IslamModifica

Cristianità e giudaismoModifica

Struttura sociale-politica-religiosaModifica

CulturaModifica

IstruzioneModifica

LetteraturaModifica

MediaModifica

ArchitetturaModifica

Arti decorativeModifica

Musica e arti performativeModifica

CucinaModifica

Template NavigazioneModifica


Science in the medieval Islamic worldModifica

La scienza nel mondo islamico medievale fu la scienza che si sviluppò e che venne praticata durante l'età dell'oro islamica sotto il domino degli Omayyadi di Córdoba, degli Abbadidi di Siviglia, dei Samanidi, degli Ziyaridi, dei Buyidi in Persia, del Califfato Abbaside, coprendo il periodo che intercorre approssimativamente tra il 786 e il 1258. Le conquiste scientifiche islamiche comprendevano una vasta gamma di aree disciplinari, in particolare l'astronomia, la matematica e la medicina. Altre discipline scientifiche si cui si occuparono furono, inoltre, l'alchimia e la chimica, la botanica e l'agronomia, la geografia e la cartografia, l'oftalmologia, la farmacologia, la fisica e la zoologia.

La scienza islamica medievale si proponeva sia scopi pratici e ai l'obiettivo della semplice comprensione. Per esempio, l'astronomia risultava utile per determinare la Qibla, ovvero la direzione verso cui pregare, la botanica ebbe un'applicazione pratica in agricoltura, come si evince nelle opere di Ibn Bassal e Ibn al-'Awwam, mentre la geografia permise ad Abu Zayd al-Balkhi di redigere mappe accurate. I matematici islamici come Al-Khwarizmi, Avicenna e Jamshīd al-Kāshī realizzarono progressi nel campo dell'algebra, della trigonometria, della geometria e nei numeri arabi. I medici islamici descrissero malattie come il vaiolo e il morbillo e misero in discussione l teoria medica greca classica. Al-Biruni, Avicenna e altri descrissero la preparazione di centinaia di farmaci prodotti a partire da piante medicinali e composti chimici. Fisici islamici come Ibn Al-Haytham, Al-Bīrūnī e altri studiarono l'ottica, la meccanica e l'astronomia, criticando la visione del moto di aristotelico.

Il significato della scienza islamica medievale è stato discusso dagli storici. Il punto di vista tradizionalista sostiene che mancava di innovazione e la sua importanza si deve principalmente alla trasmissione delle più antiche conoscenze all'Europa medievale. La visione revisionista sostiene invece che costituirono una vera rivoluzione scientifica. In ogni caso, la scienza fiorì in un'ampia area del Mediterraneo e oltre, per diversi secoli, in una vasta gamma di istituzioni.

BarbarossaModifica

L'elezione di Barbarossa fu il risultato di una riconciliazione di interessi di diversi principi. Probabilmente il ruolo più importante è stato svolto da suo cugino Heinrich il Leone, che è stato in grado di stabilire una posizione reale nella Germania settentrionale a seguito degli accordi. La sua promozione di lunga data da parte del re, tuttavia, trascurò l'equilibrio delle associazioni di famiglie aristocratiche e alla fine lasciò che Henry diventasse fonte di confusione per i restanti principi imperiali.

Il dominio di Barbarossa fu anche caratterizzato da un doppio conflitto con il consiglio comunale lombardo e il papato. In una società in cui gli onori (onore) determinano il rango sociale, provocano violazioni dell'onore e la conseguente coazione a vendicarsi di decenni di conflitti. Negli scontri tra le città del nord Italia Barbarossa ha cercato di svolgere un ruolo di mediatore. Ha fallito, tuttavia, l'accusa di parzialità e non ha potuto esercitare i tradizionali governanti della pace e del diritto legale. Il rifiuto di alcune città di affrontare la corte imperiale doveva essere espiato per il concetto di "onore dell'impero" (onore imperii). Dopo la distruzione di Tortona e Milano, Barbarossa intendeva riorganizzare fondamentalmente il dominio reale in Regnum Italicum. I vecchi diritti sovrani dell'impero furono rivendicati o ridefiniti e fissati per iscritto. Tutta la giurisdizione e l'autorità dovrebbero provenire dal Reich. Tuttavia, l'istituzione di amministratori imperiali e l'ampio uso finanziario delle insegne assegnate all'imperatore incontrarono l'opposizione delle città. Avevano già esercitato regalità e diritti di giurisdizione come di consueto.

A differenza dei tempi di Salic, il conflitto con il papa e la scomunica dell'imperatore non portarono alla nascita di un grande movimento di opposizione nella parte settentrionale del Reich. Solo dopo la sconfitta dell'esercito imperiale nella battaglia di Legnano nel 1176, lo scisma decennale nella pace di Venezia e il conflitto con i comuni nella pace di Costanza si conclusero nel 1183. Enrico il Leone aveva rifiutato di aiutare l'imperatore nel 1176 nella lotta contro le città lombarde; Su richiesta dei principi fu rovesciato e dovette andare in esilio.

Ancor prima che la sua regalità Barbarossa avesse avuto tra il 1147 e il 1149 la crociata di suo zio reale Konrad III. partecipato. Negli ultimi anni si preparò dopo la sconfitta del re di Gerusalemme, Guido di Lusignan, contro Saladino nel 1187 prima di un'altra crociata. L'11 maggio 1189, l'imperatore si aprì, ma annegò tredici mesi dopo poco prima della sua destinazione.

Guerre italianaeModifica

Seconda guerraModifica

Ulteriori informazioni: Guerra italiana del 1499-1504

Ludovico Sforza mantenne il potere sul Milano fino al 1499, quando il successore di Carlo, Luigi XII di Francia, invase la Lombardia [3] e conquistò la città il 17 settembre 1499. [14] Luigi XII giustificò la sua rivendicazione sul ducato di Milano per diritto del nonno paterno, Luigi duca d'Orléans che aveva sposato Valentina Visconti nel 1387, quest'ultima era l'erede del ducato per la dinastia dei Visconti. Il contratto di matrimonio tra Valentina e Luigi garantiva che, in caso di mancanza di eredi maschi, avrebbe ereditato tutti i domini familiari. Tuttavia, quando la dinastia dei Visconti si estinse nel 1447, i milanesi ignorarono la rivendicazione degli Orleans al ducato di Milano e ristabilirono Milano come repubblica. Tuttavia, l'acerrima faziosità che sorse sotto la nuova forma di governo pose le basi perché Francesco Sforza (padre di Ludovico) potesse prendere il controllo di Milano nel 1450. [15]

Luigi XII non fu l'unico monarca straniero con ambizioni dinastiche nella penisola italiana. Nel 1496, mentre Carlo VIII si trovava in Francia occupato a ricostruire il suo esercito, Massimiliano I del Sacro Romano Impero invase l'Italia per risolvere la guerra in corso tra Firenze e Pisa, chiamata la "Guerra Pisana". [16] Dall'inizio del XIV secolo, Pisa era stata quasi costantemente in guerra. Nel 1406, dopo un lungo assedio, Pisa cadde sotto il controllo della Repubblica Fiorentina. [17] Quando il re Carlo VIII di Francia invase l'Italia nel 1494, i pisani insorsero contro i fiorentini e li estromettero dal controllo della città e stabilirono nuovamente una repubblica indipendente [17]. Quando il re Carlo VIII si ritirò dall'Italia con il suo esercito nel 1495, i pisani non furono lasciati a combattere i fiorentini da soli. Gran parte degli stati dell'Itala settentrionale era sospettosa del crescente potere di Firenze. Già nel 1495 Pisa ricevette armi e denaro dalla Repubblica di Genova. Inoltre, la repubblica di Venezia e Milano gli inviarono la loro cavalleria e truppe di fanteria [18].

-->>> Questo faceva parte del conflitto in corso tra Pisa e Firenze che l'imperatore Massimiliano, nel 1496, fece voto di risolvere. Proprio come Ludovico Sforza aveva invitato Carlo VIII in Italia nel 1494, ora due anni dopo, invitò Massimiliano in Italia per risolvere il conflitto tra Pisa e Firenze. [16] Nel conflitto tra fiorentini e pisani, lo Sforza aveva favorito i pisani. Agli occhi di Massimiliano I e del Sacro Romano Impero, la Guerra Pisana provocava distrazioni e divisioni all'interno dei membri della Lega di Venezia. Ciò stava indebolendo la lega antifrancese e Massimiliano cercò di rafforzare l'unità della Lega ponendo fine a questa guerra. La cosa peggiore che Massimiliano temeva era un maggiore coinvolgimento francese negli affari italiani. Tuttavia, Ludovico Sforza invitò Massimiliano I e il Sacro Romano Impero in Italia per rafforzare la propria posizione [16]. Quando i fiorentini sentirono parlare dell'intenzione di Massimiliano di venire in Italia per "sistemare" la guerra di Firenze con Pisa, erano sospettosi che l'insediamento sarebbe stato fortemente incline a Pisa. Così, i Fiorentini respinsero ogni tentativo di assestamento della guerra da parte dell'Imperatore fino a quando Pisa fu di nuovo sotto il controllo di Firenze. [16]

Gonzalo de Córdoba trova il cadavere di Louis d'Armagnac

-->>>I fiorentini sapevano che un'altra opzione era loro aperta. Sapevano che i francesi, sotto il loro nuovo re - Luigi XII - erano intenti a tornare in Italia. Firenze scelse di correre il rischio con i francesi piuttosto che con il Sacro Romano Impero. Sentivano che la Francia avrebbe potuto aiutarli a riconquistare Pisa [17].

--->>>Luigi XII aveva in progetto di invadere l'Italia per affermare la sua rivendicazione sul ducato di Milano. Nello stesso momento, il re francese, intratteneva anche l'ambizione di rivendicare un diritto sul Regno di Napoli, un dritto ancora più debole di quello vantato su Milano e che si rifaceva alle stesse pretese di Carlo VIII rivendicate alcuni anni prima con la sua impresa italiana dall'esito negativo. Nonostante ciò, Luigi riteneva di poter rivendicarne il possesso poiché era il successore nella corona francese.[17] Tuttavia, Luigi era consapevole dell'ostilità che si stava sviluppando tra i suoi vicini, riguardo alle ambizioni francesi in Italia. Di conseguenza, Luigi XII aveva bisogno di neutralizzare parte di questa ostilità. Di conseguenza, nell'agosto del 1498, Luigi XII firmò un trattato con l'arciduca Filippo, figlio di Massimiliano I, imperatore del Sacro Romano Impero che assicurò i confini tra il Sacro Romano Impero e la Francia. [19] Nel luglio del 1498, Louis rinnovò il trattato di Étaples del 1492 con Enrico VII d'Inghilterra. Nell'agosto del 1498, il trattato di Marcoussis fu firmato tra Luigi XII, Ferdinando e Isabella. Questo trattato non ha risolto nessuna delle controversie territoriali tra Spagna e Francia, ma ha convenuto che sia la Spagna che la Francia "hanno tutti i nemici in comune tranne il Papa". [20]

Nel luglio del 1499, l'esercito francese lasciò Lione in Francia e invase l'Italia con 27.000 uomini (10.000 dei quali erano di cavalleria e 5.000 dei quali erano mercenari svizzeri) con al comando Gian Giacomo Trivulzio. Nell'agosto del 1499 i francesi giunsero a Rocca di Arazzo, la prima serie di città fortificate che si trovavano nella parte occidentale del ducato di Milano. [21] Una volta che le batterie di artiglieria francese si posizionarono, ci vollero solo cinque ore per aprire una breccia nelle mura della città. Dopo averla conquistata, Luigi ordinò che la guarnigione cittadina e parte della popolazione civile fossero giustiziate al fine di instillare la paura nei suoi nemici, schiacciare il loro morale e incoraggiare la rapida resa delle altre fortezze situate nella parte occidentale di Milano. [21] La strategia fu un successo e la campagna per il ducato di Milano si concluse rapidamente. Il 5 settembre 1499 i termini furono negoziati per la resa della città di Milano e il 6 ottobre 1499 Luigi fece il suo ingresso trionfale a Milano [14].

Chevalier de Bayard al ponte di Garigliano

Una volta che Luigi XII fu installato a Milano, venne sotto la pressione reale dei fiorentini per assisterli nella riconquista di Pisa. Il re Luigi ei suoi consiglieri erano infastiditi da quella che consideravano una arrogante richiesta dei fiorentini, poiché nella loro recente lotta per conquistare Milano, i fiorentini avevano mantenuto una rigorosa neutralità nonostante il loro lungo passato di diplomazia filo-francese [17]. Tuttavia, Louis era consapevole che se avesse conquistato Napoli, doveva attraversare il territorio fiorentino sulla strada per Napoli. Luigi XII aveva bisogno di buoni rapporti con Firenze. Alla fine, il 29 giugno del 1500, un esercito combinato francese e fiorentino assediò Pisa. Nel giro di un giorno i cannoni francesi avevano abbattuto cento metri delle mura di Pisa. Un attacco fu fatto alla breccia, ma i francesi furono sorpresi dalla forte resistenza lanciata dai pisani. L'Esercito francese fu costretto a rompere l'assedio l'11 luglio 1500 e si ritirò a nord. [22]

Come parte del continuo tentativo di Luigi XII di pacificare o neutralizzare i suoi vicini per impedire loro di ostacolare le sue ambizioni in Italia, Luigi XII aprì discussioni con il re Ferdinando e la regina Isabella di Spagna. L'11 novembre 1500, Louis firmò il trattato di Grenada. [23] Il trattato di Grenada commemorò l'accordo di Luigi XII con Ferdinando II di Aragona, re di Spagna, per dividere il Regno di Napoli tra loro. Poi Louis partì in marcia verso sud da Milano verso Napoli. L'accordo di re Luigi XII con la Spagna fu pesantemente criticato dai contemporanei, incluso Niccolò Machiavelli nel suo capolavoro Il Principe. Gli storici moderni criticano anche il trattato di Grenada definendolo "folle" da parte di Luigi XII. Affermano, come fa Machiavelli, che Luigi XII non aveva bisogno di invitare la Spagna in Italia. Luigi XII aveva ottenuto tutto ciò di cui aveva bisogno nel Trattato di Marcoussis, che aveva firmato due anni prima (vedi sopra). Il trattato di Grenada non ha fatto altro che vincolare le mani di Luigi XII. Una volta coinvolto negli affari italiani, la Spagna avrebbe lavorato a scapito della Francia in Italia. In effetti, questo è proprio quello che è successo.

Nel 1500, una forza combinata francese e spagnola aveva preso il controllo del Regno di Napoli. [24] Luigi XII nominò Louis d'Armagnac, duca di Nemours come viceré a Napoli. Il 12 ottobre 1501 [25] il nuovo viceré rilevò l'amministrazione di Napoli. Tuttavia, il nuovo viceré francese si dimostrò più interessato a estendere la quota del regno francese che a garantire che gli spagnoli ricevessero la loro parte. Ciò ha contribuito molto ad aggravare i rapporti tra Francia e Spagna [25]. Questi disaccordi sui termini della divisione portarono a una guerra tra Louis e Ferdinand. Nel 1503 Luigi, sconfitto nella battaglia di Cerignola il 28 aprile 1503 [26] e la battaglia di Garigliano il 29 dicembre 1503, [27] fu costretto a ritirarsi da Napoli, che rimase sotto il controllo di un viceré spagnolo , Generale Gonzalo Fernández de Córdoba.

Infobox malattia (nuovo)Modifica

Adert/Sandbox
Complicanze{{{Complicanze}}}
Età di inizio{{{Inizio}}}
Durata{{{Durata}}}
Fattori di rischio{{{Rischio}}}
Diagnosi differenziale{{{Diagnosi_differenziale}}}
Prevenzione{{{Prevenzione}}}
Prognosi{{{Prognosi}}}
Classificazione e risorse esterne (EN)


Classificazione
e risorse esterne (EN)



{ infobox | bodystyle=width:100%; margin:0 0 0.5em 0; | datastyle=text-align:left;

| label1 = Classification

| data1 =

[[d:Errore script: nessun modulo "WikidataIB/sandbox". |D]]

| label2 = External resources

| data2 =

}}

TemplateModifica

EmergenzaModifica


Pittura venetaModifica


TintorettoModifica



VeronaModifica


RadiologiaModifica



Principali battaglie delle Guerre d'Italia del XVI secoloModifica

Arcidiacono PacificoModifica

Arcidiacono Pacifico da Verona (Quinzano, 776844) è stato un teologo, architetto e letterato italiano attivo a Verona. E' stato definito come "L'uomo più insigne che abbia onorato il clero veronese nel capo della religione della cultura e dell'arte".


Neoplasie dell'apparato digerenteModifica


Diritto amministrativoModifica


BiografieModifica

Matteo Marinelli

Fu discepolo del Dorigny e di lui avvi all'altare laterale a sinistra della chiesa della ss trnità la tavola con San Giusppe in gloria e sotto li Santissimi Pietro e Paolo Apostoli, Carlo Borromeo e FRanesco d'Assisi; ed in SAnte Eufemia il quadro bislungo fra gli intercolumni alla destra dell'altar maggiore, rappresentante Sa Gelasio Papa assiso in trono, cirocndato da Cardianli e prelati, il qiale assolve pure lui genufflesso. Non vi sono altre notizie di altre opere. Morì nel 1772.[113]

Arcidiacono Pacifico

Nato nel 776 e morto nel 846, dom dice Maffei. Oltre essere erudito nelle scienze e stimato incomparabile allroa, superò ogn altro nella perizia di tutte quelle arti che in metalli e marmi o legni s'adoprano, come s'impara dall'iiscrizione in lapida di marmo greco, levata dal suo seplcro distrutto, onde erigere la presente sagrestia Capitolare in quesa cattedrakm ed ora collocat sopra una delle porte laterali: Quicquid auro, vel argento, et metalis ceteris, Quicquid lignis ex diversis, et marmore candido. Nullus umquam sic peritus in tantis operibus.

Vi si legge pure come egli inventò un'Orologoio notturno: Horologium nocturnum nullus ante viderat. Tale roglogio diverso dal solare e che andava anche di notte non si può cetamente intedere a aacqu poiché questo non fu noto solo agli antichi ma in Itlia pure nei tempi infeiri, siccome ci fa saper CAsssiodoro, e perl devesi itnedere tale orolgoio costruito in metalli con ruote [12-13]


Adamino da San Giorgio

E' pure opinion eche fiorisse nel IX uno dei primi che hanno lascito il nome. Sul capitello di di una colonna che sostiene gli archi delle de porte che alla snistra mettono nella cripta ella basilica di san zeno leggesi insico: Adaminus de S. Georgio me fecit. Probabilmente opera della chiesa sotterranea, dei basorielievi che intorno agli archi delle porte di ingresso stanno scolpiti [13]

Guglielmo'

Nicolò'


Brioloto17

Giovanni CAliari


Zorzi Domenico

Nacu a erona nel 1729. Iniziò la pittura presso la scuola del Cignaroli e riuscì un cooritore assai pratico e psedito.[446] Dipinse una tavola nei Filippini in cui rappresentò la Bata Vergine con il Bambino in grebo seduta sopra un'area, SS Pietro e Paolo apostoli, San Antonio da aova e San Caterina v.m. e nelloro oratorio i quadir con azioni del loro santo istitutore. Sono in Sant'Antonio dak Corso due suoi qudri ivi trasportati dak spporesso e atterato Ospidalledella Misericordia; uno colli SSl. Giovanni e nepomuceno e SAntonio Abate l'ati cn San Camillo de Lellis e la Beata Vergine in alot che addita agli organeli il Santissio Sacramento. Eravi in SAn TOmmaso Cantuarsne un suo quadro amovibile com M.V. S Anna e SAn Giovacchino; ed altrosuo quadro tuttora esistente nea sagrestia con un Sato dell'Ordine CArmelitano che la limosina a'mpoveri. Esiste pure un qudrodel Zorzi con Santa MArghetia di Cortona ontemplante un teschio dimorto per la chiesa della Sanissima TRinità. Altr Santa MArgheita da Cortona eravi ne' riformati ed un Riposo della Sacra Famiglia né Capuccini.; ciosì pure in santa maria della frtta un quasro dcon Jezabella straziata di cani e nell0oratorio dei COmlombiani dJefte piangente sopra la figliola. Fece tavola per chiesa degl scalzi di padovaora in San Danele a APAdova, con Santa Teresa a cui appare San Giuseppe in glora coll'epigrafe "Dom. ZOrzi Veronensis" Morì all'età di 63 anni il 15 dicembre 1792.[447]

Pietro Ronchi[371]

Giovanni Battista Rangheieri[283]

Diomirio Cignaroli403]

Felice Cingarli434

Fabrizio Cartolari[450]

Francesco Filippimi (scultoe)[285]

Domenico Zanconti (en, 476)

Filippo Torriani

Domenico Zanconti

Gaudenzio Bellini

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

Giovanni Battista CaliariModifica

Giovanni Battista Caliari (...) è un [[]] [[]].


NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

Giovanni CeffisModifica

Giovanni Ceffis (... – 14 luglio 1688) è stato un pittore italiano attivo a Verona nella seconda metà del XVII secolo.

Nulla si sa della sua formazione. Sua opera è a tavola dell'atlare di Santa Rosa in asnta anastasa co la Beata ergine e il Babino in lgora fa li SS Pietro e Paolo Apostoli indi la detta SAnta e più in sotot San Tommaso d'Aquino, san Domenico e altri Santi. E nella chiesa del Crocifisso dal Pallona altra sua Tavola con Maria Vergine e Gesù Bambino in glria. eravi nella chesa del Redentoe un suo quadro coll'ingresso trionfale di Gesù in Gerusalemme. La Beate Vergine Anninziata in Sal Salvator Corte Regia, un quadro con l'Adultera e una lunetta nell'Oratoro della Concezione in SAn Fermo Maggiore, opere che più non esistono per la soppressione di queste chiese. Il Lanceni ne annovera latre in provincia: in san Giovanni Lupatoto la tavola col Divin Redentreo,, a Sa Giorgo di Cazzano colli Ss Domencio e Varlo e la Beata Vergine, In SAn Bartolomeo Illasi una tavola clla Madonna in LGoria, nella parrocchiare di Scardevara la tala con la Veate Vergine e il divino Infante in ato e sotto li Santissii antoni di Padova e Cristoforo, San Pietro di Marcellise la tavola con San Antonio Abate. Fu tumulato nelal chiesa di San Bernardino.[1]

NoteModifica

  1. ^ Zennandreis, 1891, p. 300.

BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

PeregrinusModifica

Peregrinus (XII secolo circa) è uno scultore italiano attivo a Verona.


NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

ModelloModifica

{{Bio |Nome = |Cognome = |Sesso = |LuogoNascita = |GiornoMeseNascita = |AnnoNascita = |LuogoMorte = |GiornoMeseMorte = |AnnoMorte = |Attività = |Nazionalità = |PostNazionalità = }}

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

Diego ZannadreisModifica

Diego Zannandreis (Verona, 1768Verona, 5 agosto 1836) è stato uno scrittore italiano noto per aver scritto, tra il 1830 e il 1834, Le vite de' pittori, scultori ed architetti veronesi.


NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

Giovanni Battista BuratoModifica

Giovanni Battista Burato (...) è un [[]] italiano.

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

ModelloModifica

{{Bio |Nome = |Cognome = |Sesso = M |LuogoNascita = |GiornoMeseNascita = |AnnoNascita = |LuogoMorte = |GiornoMeseMorte = |AnnoMorte = |Attività = |Nazionalità = |PostNazionalità = }}

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Diego Zannandreis, Le vite dei pittori scultori e architetti veronesi, a cura di Giuseppe Biadego, Verona, Stabilimento Tipo-Litografico G. Franchini, 1891, ISBN non esistente.

Sacello dei Santi Nazaro e CelsoModifica

Sacello dei Santi Nazaro e Celso
Stato  Italia
RegioneVeneto
LocalitàVerona
DiocesiDiocesi di Verona

Velo di ClasseModifica

Malattie viraliModifica


Storia del cristianesimoModifica

CristianesimoModifica

ColorazioneModifica

HelloHelloTest2Prova== Prova ==

Prova - prova

ProvaModifica

Prova - prova

ProvaModifica

Prova - prova