Apri il menu principale

Arturolorioli

Iscritto il 17 ago 2008

Nato a Milano nel 1959, vivo a Roma pressochè da sempre. Sposato con la unica, sola e magnifica "padrona della scienza e maestra di tutte le tecnologie" (vedi la sua quotidiana opera - ben più seria delle mie! - su www.ansa.it/scienza) e padre più che soddisfatto di un figlio "cool" ... ma con una dose abbondante di sale in zucca.

I miei hobby sono la Storia Militare ed il Wargame.

Il 19 Luglio 2011 l'utente Bonty mi ha insignito della scherzosa decorazione War Merit War merit 1 star.svg "per l'encomiabile lavoro fatto nella voce medaglie, decorazioni e ordini cavallereschi italiani. Ignoravo perfino l'esistenza di questo genere di riconoscimenti "wikipediani", ma devo dire che mi ha fatto molto piacere, sia per la gentilezza di "Bonty" (chiunque tu sia, sempre grazie!), sia perchè alla voce in questione tengo molto. E' stato un lavoro certosino, cui hanno contribuito con grande competenza ed ancor più grande generosità tanti amici (soprattutto di iagiforum e del forum "miles", oltre a quelli che appaiono direttamente nella cronologia e nelle discussioni). Ma sopratutto è stato un lavoro che mi ha accompagnato (e mi sta ancora accompagnando) in un periodo molto difficile della mia vita personale. Sentirsi dire "bravo, buon lavoro", in queste circostanze, è stato per me un grandissimo piacere.

Ad Arturolorioli per le motivazioni di cui sopra! Delehaye (msg) 22:03, 27 lug 2011 (CEST)

Il 27 Luglio 2011 l'utente Delehaye mi ha "insignito" della Random Acts of Kindness Ribbon.png Kindness Barnstar per aver motivato alcune correzioni ed aver lasciato comunque i suoi testi originali nella sezione Discussioni della relativa voce. Lo ringrazio di cuore, anche se mi sembra di aver fatto davvero solo il minimo indispensabile tra persone civili. Ma in effetti molti (troppi) utenti di Wikipedia ... non brillano per buone maniere!

Il 2 aprile 2012 l'utente Zero6 mi ha insignito della C1 wiki.png Barnstar Classe C, Croce con fronde di quercia per "lo smisurato supporto dato a me e Nicola Romani in occasione del raduno a Vigna di Valle dell'aprile 2012 e per la tua estrema gentilezza, simpatia e cortesia". In parole povere, un banale passaggio in macchina ed un invito a pranzo ... bhe, considerando che cucinava mia moglie (somellier diplomato e cuoca ardimentosa e innovativa) ... in effetti *lei* la medaglia la meritava ... ma definire *me* gentile, simpatico e cortese???? ;-). Che dire? Grazie Zero6, e grazie a Nicola e Theirrules. Non ho medagalie con cui ricambiare, ma siete persone perbene. E non c'è complimento più grande.

L'8 maggio 2012 gli utenti di Wikipedia:Scherzi e STUBidaggini mi hanno insiginito del "Premio del Wikilover 2012"

Premio del Wikilover

. Per un attimo ho sperato fosse un riconoscimento alle mie qualità di amante latino, ma un rapido esame di coscienza ed una occhiata allo specchio mi hanno immediatamente riportato alla realtà. Il premio, graditissimo, è assegnato imvece "al maggior discepolo della teoria del Wikilove", ossia và a ricompensare (scherzosamente) chi sostiene un "generale spirito di collegialità e mutua comprensione". Accipicchia. Se continua così, aprirò la "Nobile Accademia di Galateo e Belle e Buone Maniere per Gentiluomini e Gentildonne Wikipediane". Vado già a comperarmi tricorno e parruccone incipriato.

Amo in wikipedia la possibilità di condividere quel che si sa con gli altri e da gli altri, senza che nulla venga preteso in cambio. Ne odio *totalmente* i tanti aspetti di faciloneria, esibizionismo e malafede. Ne sopporto (ma con un pò di mugugno ...) i numerosi formalismi e rigidità che ho scoperto annidarsi sotto la disinvolta patina di "enciclopedia libera". Ne apprezzo la possibilità che dà di incontrare (anche se per attimi, ed anonimamente) qualche *bravissima* persona ... il che è un piacere sorprendente e raro, ovunque.

Detesto, per finire, quella gran scemenza dell'anonimato, che non serve ad alcunchè a chi entra in Wikipedia per condividere ed è manto e scudo per chi vi entra per vomitare sul suo prossimo le proprie sfighe personali.