Utente:Never covered/Sandbox/Martirio dei santi francescani a Nagasaki

Martirio dei santi francescani a Nagasaki
Il martirio dei Santi francescani a Nagasaki.png
AutoreTanzio da Varallo
Datapost 1627
Tecnicaolio su tela
Dimensioni115×80 cm
UbicazionePinacoteca di Brera, Milano

Il Martirio dei santi francescani a Nagasaki è il soggetto di un dpinto di Tanzio da Varallo.

StoriaModifica

Il dipinto si trovava presso il convento francescano di Santa Maria delle Grazie, a Varallo, ove Tanzio, secondo quanto attestato da alcune fonti locali, avrebbe trascorso l'ultima parte della sua vita[1].

Con le soppressioni napoleoniche di inizio Ottocento, il dipinto fu requisito ed inviato presso la neo-istituita Pinacoteca di Brera, sede attuale dell'opera.

Dato il tema e il luogo di originaria conservazione è plausibile che a commissionare il quadro siano stati gli stessi frati del convento di Varallo.

Nulla di certo si sa circa la data di realizzazione del dipinto: è presumibile tuttavia che occasione della commissione sia stata la beatificazione dei missionari francescani massacrati in Giappone, nella zona di Nagasaki (evento occorso nel 1597), avvenuta nel 1627.

Proprio l'anno di beatificazione dei martiri giapponesi si ritiene sia quello di esecuzione di un'incisione di Jacques Callot - egualmente dedicata all'eccidio di Nagasaki -, opera rispetto alla quale, per una parte della composizione, il quadro di Tanzio è in evidente rapporto di derivazione. La data della stampa del grande incisore lorenese, per l'appunto il 1627, è quindi un sicuro termine post quem per il quadro braidense.

Descrizione e stileModifica

 
Jacques Callot, Martiri francescani di Nagasaki, 1627

Nella parte alta della tela si vedono i missionari francescani appesi a delle croci disposte lungo due file parallele al centro delle quali vi è una singola scena di supplizio.

Ai frati crocifissi sono inferti dei colpi di lancia che ne causeranno la morte come indicano le chiazze di sangue formatesi ai piedi dei carnefici che stanno uccidendo il martire collocato nel mezzo dei due filari di croci[1].

In questa parte della composizione è chiara la ripresa dalla già menzionata incisione di Jacques Callot.

Nella parte bassa della tela gli aguzzini dai tratti orientali si adoperano con spietata energia per appendere alle croci altri cristiani da suppliziare.

Si scorgono in questa parte della composizione le reminiscenze di Tanzio dell'arte del Caravaggio che il pittore valsesiano ebbe modo di conoscere e studiare durante il suo giovanile peregrinare tra Roma e Napoli. È chiara in particolare la tangenza con la Crocifissione di san Pietro della cappella Cerasi (a Roma), opera eseguita dal Merisi ad inizio secolo.

Al centro della tela, altri frati e fedeli attendono in preghiera il sacrificio estremo mentre uno di essi indica verso l'alto ove si vede un globo di luce aurea che allude al destino di santità che attende i martiri di Nagasaki.

NoteModifica

  1. ^ a b Maria Cristina Terzaghi, Regesto, in Marco Bona Castellotti (a cura di), Tanzio da Varallo. Realismo, fervore e contemplazione in un pittore del Seicento, Catalogo della mostra Milano, Palazzo Reale 13 aprile-16 luglio 2000, Milano, 2000, p. 233 e note n. 8-10 pp. 237-238.