Apri il menu principale

Vaccarizzo-Delfino

Vaccarizzo - Villaggio Delfino
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Catania-Stemma.svg Catania
ComuneCatania-Stemma.svg Catania
Territorio
Coordinate37°22′23.7″N 15°04′51.46″E / 37.37325°N 15.08096°E37.37325; 15.08096 (Vaccarizzo - Villaggio Delfino)Coordinate: 37°22′23.7″N 15°04′51.46″E / 37.37325°N 15.08096°E37.37325; 15.08096 (Vaccarizzo - Villaggio Delfino)
Abitanti882[2] (2018)
Altre informazioni
Cod. postale95121
Prefisso095
Fuso orarioUTC+1
Cod. catastaleC351
TargaCT
Nome abitantiVaccarizzoti
CircoscrizioneVI Circoscrizione
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vaccarizzo - Villaggio Delfino
Vaccarizzo - Villaggio Delfino
Catania-Stemma.png
Catania
Circoscrizioni

Vaccarizzo-Villaggio Delfino, più nota semplicemente come Vaccarizzo (Vaccarizzu in dialetto catanese) è una frazione della città di Catania, comune italiano capoluogo dell'omonima provincia.

Fa parte della VI Circoscrizione (San Giorgio - Librino - San Giuseppe la Rena - Zia Lisa - Villaggio Sant'Agata).

Geografia fisicaModifica

Vaccarizzo-Delfino dista 14,20 km da Catania, e sorge a 2 metri sopra il livello del mare.[1]

Situata all'estrema parte meridionale del territorio del capoluogo etneo, confina a nord con la Collina Primosole, ad ovest con San Giuseppe la Rena e ad est è bagnata dal Golfo di Catania. Confina inoltre con i comuni di Lentini e Carlentini, facenti parte della provincia di Siracusa, rispettivamente ad est e a sud.

Il suo territorio comprende le contrade Vaccarizzo, Villaggio Delfino, Codavolpe e Primosole.

StoriaModifica

Feudo appartenuto alla famiglia catanese Bonajuto, nel 1696, il nobile Francesco Bonajuto lo donò per testamento ai frati del Convento di San Francesco d'Assisi di Catania.[3] Dopo la sua morte, avvenuta nel 1710, gli eredi del Bonajuto avviarono una lite contro i Francescani per riottenere il possesso di Vaccarizzo, che si protrasse fino al XIX secolo.[4]

Area agricola e boschiva fino ai primi del Novecento, a partire dagli anni Sessanta, la zona fu lottizzata e interessata dalla speculazione edilizia, con la realizzazione di abitazioni private e di stabilimenti balneari, questi ultimi collocati nella parte orientale.[5]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

In queste frazioni vi è presente dal 2013 un luogo di culto cattolico, la Chiesa di Nostra Signora di Nazareth oltre Simeto.

CulturaModifica

IstruzioneModifica

In contrada Codavolpe sorge una scuola di istruzione primaria, plesso distaccato di quella di Fontanarossa.[6]

EconomiaModifica

Per la presenza di stabilimenti balneari e di case di villeggiatura, l'economia di Vaccarizzo si basa essenzialmente sul turismo. Ogni anno, in occasione della stagione estiva, sono oltre 6.000 le persone che vi frequentano.[7]

Infrastrutture e trasportiModifica

La zona è regolarmente servita dai mezzi pubblici dell'AMT, e vi transitano gli autobus della linea 538.

NoteModifica

  1. ^ a b La Frazione di Vaccarizzo - Delfino, su italia.indettaglio.it. URL consultato il 29-09-2018.
  2. ^ [1]
  3. ^ F. Costa, San Francesco all'Immacolata di Catania: guida storico-artistica, Officina di Studi Medievali, 2007, pp. 107-108.
  4. ^ TORNATA DEL 6 APRILE 1865 (PDF), su storia.camera.it. URL consultato il 29-09-2018.
  5. ^ Annali del Mezzogiorno, vol. 22, Università di Catania, Istituto di storia economica, 1982, p. 224.
  6. ^ I.C. FONTANAROSSA - VACCARIZZO, su cercalatuascuola.istruzione.it. URL consultato il 29-09-2018.
  7. ^ Redazione, Incuria e degrado al quartiere Vaccarizzo, il consigliere Navarria: «Qui è il far west», in Corriere del Mezzogiorno.it, 1º marzo 2013. URL consultato il 23-09-2018.

BibliografiaModifica

  • R. D'Amico, Catania: i quartieri nella metropoli, Catania, Le Nove Muse, 2001, pp. 175-180, ISBN 8887820139.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia