Vaclav Smil

Vaclav Smil (Plzeň, 9 dicembre 1943) è un accademico e ricercatore in Scienze ambientali ceco naturalizzato canadese, docente emerito presso la Facoltà di Scienze ambientali dell'Università di Manitoba a Winnipeg[1]. I suoi interessi di ricerca, interdisciplinari, vertono principalmente sul cambiamento climatico, sull'antropizzazione, sulla storia della innovazione tecnologica, sulle fonti energetiche e sulle relative politiche pubbliche[2].

Vaclav Smil

BiografiaModifica

Smil nacque durante la seconda guerra mondiale a Plzeň, a quel tempo parte del protettorato tedesco di Boemia e Moravia e oggi in Repubblica Ceca[3]. Cresciuto in una remota cittadina di montagna, Smil dovette tagliare la legna ogni giorno per riscaldare la sua casa. Questa attività lo spinse ad interessarsi all'efficienza energetica[3][4].

Dopo la laurea in Scienze Naturali conseguita all'Università Carolina di Praga, si rifiutò di aderire al Partito Comunista, ma nonostante i rischi che ciò comportava riuscì a trovare lavoro presso un ufficio di pianificazione regionale. Sposò Eva, studentessa di medicina, con la quale nel 1969, in seguito all'invasione sovietica della Cecoslovacchia, emigrò negli Stati Uniti, lasciando il paese mesi prima che i sovietici chiudessero i confini. Nei due anni successivi, Smil conseguì un dottorato in geografia presso il College of Earth and Mineral Sciences della Pennsylvania State University[5].

Posizione sull'energiaModifica

Smil è scettico sul fatto che ci sarà una rapida transizione verso l'energia pulita, credendo che ci vorrà molto più tempo di quanto molti prevedono[3]. Egli ha dichiarato: "Non ho mai sbagliato su queste importanti questioni energetiche e ambientali perché non ho nulla da vendere".

Smil ha osservato nel 2018 che carbone, petrolio e gas naturale forniscono ancora il 90% dell'energia primaria mondiale. Nonostante decenni di crescita delle nuove tecnologie per l'energia rinnovabile, la percentuale mondiale di energia fornita dai combustibili fossili è aumentata dal 2000[3]. Sottolinea che "la più grande sfida a lungo termine nel settore industriale sarà quella di sostituire il carbonio fossile utilizzato nella produzione di ferro primario, cemento, ammoniaca e plastica", che rappresentano il 15% del consumo totale di combustibili fossili a livello globale[6]. Smil è favorevole alla riduzione della domanda di combustibili fossili attraverso il risparmio energetico e la lotta agli sprechi, e propone che il prezzo dell'energia rifletta i suoi costi reali, comprese le emissioni di gas serra[7].

Smil crede che la sola crescita di tipo economico debba finire, che tutta la crescita dovrebbe essere logistica piuttosto che esponenziale e che gli esseri umani potrebbero consumare livelli molto più bassi di materiali ed energia in maniera più efficiente[8][9][10].

Premi e riconoscimentiModifica

È membro della Royal Society of Canada (Science Academy)[11] e ha ricevuto l'Award for Public Understanding of Science and Technology dall'American Association for the Advancement of Science nel 2000[12]. Nel 2010 è stato inserito dalla rivista Foreign Policy nella lista dei 100 migliori pensatori globali[13]. Nel 2014 è stato insignito dell'onorificenza di Ordine del Canada dal Governatore generale[14].

Opere tradotte in italianoModifica

  • Vaclav Smil, Storia dell'energia, Il Mulino, 2000, pp. 420, ISBN 978-88-150-7763-9.
  • Vaclav Smil, Energia e Civiltà. Una storia, traduzione di Luciano Canova, Milano, Hoepli, 2021, pp. 622, ISBN 978-88-360-0009-8.
  • Vaclav Smil, I numeri non mentono. Brevi storie per capire il mondo, traduzione di G. Manconi, Einaudi, 2021, pp. 372, ISBN 978-88-062-4674-7.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Vaclav Smil, in UM Today The Magazine, Autunno, 2021.
  2. ^ (EN) Dr. Vaclav Smil, su umanitoba.ca, University of Manitoba. URL consultato il 15 febbraio 2022.
  3. ^ a b c d (EN) Paul Voosen, The realist, in Science, vol. 359, n. 6382, 23 marzo 2018, pp. 1320-1324, DOI:10.1126/science.359.6382.1320.
  4. ^ Enrico Franceschini, Il senso di Vaclav Smil per la Terra: “Emissioni zero”, in La Repubblica, 13 marco 2021.
  5. ^ Robert Bryce, An Interview with Vaclav Smil, in Energy Tribune, luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2013).
  6. ^ Václav Smil at Driva Climate Investment Meeting 2019.
  7. ^ (EN) A Global Transition to Renewable Energy Will Take Many Decades, in Scientific American. URL consultato il 23 luglio 2021.
  8. ^ Vaclav Smil: ‘Growth must end. Our economist friends don’t seem to realise that’, in The Guardian, 21 settembre 2019.
  9. ^ Meet Vaclav Smil, the man who has quietly shaped how the world thinks about energy, in Science magazine, marzo 2018.
  10. ^ Humans are using up earth’s biomass, su gatesnotes.com.
  11. ^ ll Fellows, su rsc.ca, Royal Society of Canada data=13 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2012).
  12. ^ AAAS Public Engagement with Science Award Recipients, su aaas.org. URL consultato il 24 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).
  13. ^ The FP Top 100 Global Thinkers (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2010).
  14. ^ Order of Canada Investiture Ceremony, su gg.ca, The Governor General of Canada, 5 maggio 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN109865194 · ISNI (EN0000 0001 1881 0771 · LCCN (ENn82053006 · GND (DE143938096 · BNF (FRcb120227813 (data) · J9U (ENHE987007595673105171 · NSK (HR000434822 · NDL (ENJA00533048 · WorldCat Identities (ENlccn-n82053006