Apri il menu principale

Merula

(Reindirizzamento da Val Merula)
Merula
Stellanello-P1010531.JPG
Il Merula a Stellanello
StatoItalia Italia
RegioniLiguria Liguria
Lunghezza14,7 km[1]
Bacino idrografico49 km²[1]
Altitudine sorgente425 m s.l.m.
NasceTestico
Sfocianel Mar Ligure ad Andora
43°56′54.87″N 8°08′40.42″E / 43.948575°N 8.14456°E43.948575; 8.14456Coordinate: 43°56′54.87″N 8°08′40.42″E / 43.948575°N 8.14456°E43.948575; 8.14456
Mappa del fiume

Il Merula è un torrente della Liguria.

PercorsoModifica

Nasce poco a sud del centro comunale di Testico dalla confluenza di alcuni rii che scendono dalla catena di montagne attorno al monte Torre e, dirigendosi inizialmente verso est, segna per alcuni km il confine tra il comune di Testico (a nord) e quello di Stellanello. Continuando a percorrere la valle omonima curva poi decisamente verso sud in direzione di Andora. Sfocia infine nel Mar Ligure a Marina di Andora[2].

Principali affluentiModifica

RegimeModifica

Il regime del corso d'acqua è impetuoso e torrentizio.

La portata media è piuttosto modesta, risultando, nei periodi caldi e con scarse precipitazioni, privo d'acqua. Tuttavia, nei periodi con la maggiore piovosità, può esondare e provocare anche notevoli danni.

StoriaModifica

Un tempo il torrente veniva anche chiamato Meira; l'dentificazine con l'Arrosia citato dai geografi romani è invece discussa, essendo forse l'idronimo riferito al Centa. Il Merula veniva considerato nel XIX secolo il confine tra la diffusione di due tipiche cultivar liguri di olivo; la Taggiasca, coltivata ad est del torrente, e la Colombara, che era nota per fornire un olio più grossolano e veniva coltivata ad ovest del corso d'acqua.[3]

Di notevole pregio artistico - architettonico è il ponte medioevale, detto Ponte Romano, che attraversa il torrente in territorio andorese.

Tutela naturalisticaModifica

La foce del Merula è tutelata dall'istituzione di un'oasi naturalistica di 2.6 ha (Oasi del Merula) gestita dal comune di Andora[4]. Per quanto piccola si tratta di un'area importante perché rappresenta una delle rare zone umide disponibili per gli uccelli acquatici nei pressi della costa ligure.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b PIANO DI BACINO STRALCIO SUL RISCHIO IDROGEOLOGICO, Provincia di Savona, on-line in pdf su www.provincia.savona.it Archiviato il 9 luglio 2015 in Internet Archive. (accesso: 2015-07-07)
  2. ^ Carta IGM scala 1:25000, su www.pcn.minambiente.it, Istituto Geografico Militare. URL consultato il 30 giugno 2017.
  3. ^ Guglielmo Stefani, Dizionario corografico-universale dell'Italia: 2.1: Dizionario corografico degli Stati sardi di terraferma, G. Civelli, 1854, pp. 500. URL consultato il 30 giugno 2017.
  4. ^ Oasi del MEerula (PDF), Provincia di Savona. URL consultato il 2017-07-8.
  5. ^ La natura al centro di Andora, Comune di Andora. URL consultato il 2017-07-8.

Altri progettiModifica

  Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Liguria