Apri il menu principale
Val Roia
Tende 082005.jpg
Tenda nell'alta val Roia francese.
StatiFrancia Francia
Italia Italia
RegioniLiguria Liguria
Flag of Provence Alpes Cote d Azur.pngProvenza-Alpi-Costa Azzurra
ProvinceImperia Imperia
Arms of Nice.svg Alpi Marittime
Località principaliTenda, Briga Marittima, Fontan, Saorgio, Breglio, Olivetta San Michele, Airole, Ventimiglia
FiumeRoia
Superficie610 km²
Nome abitantiroiaschi

Coordinate: 43°56′30.45″N 7°30′58.99″E / 43.941792°N 7.516385°E43.941792; 7.516385

La val Roia o valle della Roia, nota anche con la grafia val Roja (in francese Vallée de la Roya, in roiasco/brigasco/intemelio Val Röia, in ligure Val Reuia, in occitano Val de Ròia), è una valle di 59 km divisa tra Italia e Francia. Deve il suo nome al fiume Roia che la percorre interamente fino alla foce di Ventimiglia.

L'intera valle è percorsa dalla Strada statale 20 della Valle Roja per quanto riguarda la parte italiana e dalla Strada dipartimentale D6204 per la parte francese della valle. La valle comunica con Limone Piemonte e con l'Italia tramite il Colle di Tenda (1.871 m), il Traforo stradale del Colle di Tenda (lungo circa 3 km) e quello ferroviario della linea Cuneo-Ventimiglia.

La parte occidentale della valle è compresa nel Parco nazionale del Mercantour. A valle Breglio è l'ultimo comune in territorio francese dove è situato il nuovo confine (dal 1947) con l'Italia.

StoriaModifica

Fin dall'epoca longobarda vi operarono i monaci della potente abbazia di San Colombano di Bobbio ed al suo ricco feudo reale ed imperiale monastico[1][2][3], cui dipende l'abbazia di San Dalmazzo di Pedona.

Nel 1860, in occasione della cessione della Contea di Nizza alla Francia, la continuità territoriale della valle venne spezzata in tre parti (alta, media e bassa valle Roia) dal duplice confine tra il Regno di Sardegna, che divenne Regno d'Italia il 17 marzo 1861, e la Repubblica Francese, la cui frontiera venne stabilita a valle di San Dalmazzo di Tenda, in corrispondenza dei valloni di Paganine e di Gro, e a valle di Breglio, in corrispondenza del Rio Vallon, subito prima della stazione di Piena.

La valle venne di conseguenza divisa in tre parti:

Il 15 settembre 1947, a seguito del trattato di pace con la Francia e le Potenze Alleate, l'Alta Roia divenne francese assieme alle frazioni Piena e Libri del comune di Olivetta San Michele in Bassa Roia.

MontiModifica

Crinale estModifica

Sono situati sul lato orientale della valle nelle Alpi Liguri:

Crinale ovestModifica

Sul lato occidentale della valle nelle Alpi Marittime:

Valli lateraliModifica

  • Valle della Bendola (Val de la Béndole)
  • Valle del Cairos (Val du Cayros)
  • Valle del Levenza (Val de Levence)
  • Valmasca (Valmasque)
  • Vallone della Miniera (Vallon de la Minière)
  • Valle delle Meraviglie (Vallée des Merveilles), con le famosi incisioni rupestri

Rifugi alpiniModifica

Per favorire l'escursionismo di alta montagna e l'accesso alle vette della valle vi sono diversi rifugi alpini:

  • Refuge des Merveilles - 2.111 m
  • Refuge de Valmasque - 2.221 m

LingueModifica

Nella valle viene parlato come lingua ufficiale il francese nella parte francese e l'italiano nella parte italiana.

La popolazione più anziana di Tenda e Briga Marittima parla anche in italiano. In tutta la valle sono presenti dialetti liguri di tipo alpino:

Alcuni considerano del tutto arbitraria l'attribuzione all'area dell'occitano del comune di Olivetta San Michele in provincia di Imperia[4]

EconomiaModifica

L'economia della val Roia francese ruota soprattutto fuori della valle verso Mentone, il Principato di Monaco e Nizza, mentre l'economia della parte della val Roia italiana ruota intorno al centro di Ventimiglia e anche verso Sanremo e Imperia.

ComuniModifica

Questi sono i comuni compresi interamente o in parte nella val Roia:

Comune Abitanti Superficie Densità Altitudine
  Tenda (Tende)   1.844 ab. 174,08 km² 10,59 ab./km² 816 m s.l.m.
  Briga Marittima (La Brigue)   595 ab. 88,29 km² 6,74 ab./km² 748 m s.l.m.
  Fontan (Fontan)   234 ab. 46 km² 5,09 ab./km² 434 m s.l.m.
  Saorgio (Saorge)   396 ab. 90,5 km² 4,38 ab./km² 513 m s.l.m.
  Breglio (Breil-sur-Roya)   2.028 ab. 82,32 km² 24,64 ab./km² 287 m s.l.m.
  Olivetta San Michele  [5] 254 ab. 13,84 km² 18 ab./km² 292 m s.l.m.
  Airole  [5] 495 ab. 14,74 km² 33 ab./km² 149 m s.l.m.
  Ventimiglia  [5] 25.730 ab. 54,06 km² 476 ab./km² 0 m s.l.m.

NoteModifica

  1. ^ Valeria Polonio Felloni Il monastero di San Colombano di Bobbio dalla fondazione all'epoca carolingia
  2. ^ Eleonora Destefanis Il Monastero Di Bobbio in Eta Altomedievale
  3. ^ C. Cipolla - G. Buzzi Codice Diplomatico del Monastero di S. Colombano di Bobbio fino all'anno MCCVIII - Volumi I-II-III, in Fonti per la Storia d'Italia, Tipografia del Senato, Roma 1918
  4. ^ Fiorenzo Toso, Il brigasco e l'olivettese tra classificazione scientifica e manipolazioni politico-amministrative, in Intemelion. Cultura e territorio - Quaderno annuale di studi storici dell'Accademia di cultura intemelia, n. 14, anno 2008; consultabile online Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive. (PDF)
  5. ^ a b c Compreso in parte in val Roia

Collegamenti esterniModifica