Apri il menu principale
Periodo Epoca Piano Età (Ma)
Paleogene Paleocene Daniano Più recente
Cretacico Cretacico superiore Maastrichtiano 66,0–72,1
Campaniano 72,1–83,6
Santoniano 83,6–86,3
Coniaciano 86,3–89,8
Turoniano 89,8–93,9
Cenomaniano 93,9–100,5
Cretacico inferiore Albiano 100,5–113,0
Aptiano 113,0–125,0
Barremiano 125,0–129,4
Hauteriviano 129,4–132,9
Valanginiano 132,9–139,8
Berriasiano 139,8–145,0
Giurassico Giurassico superiore Titoniano Più antico
Suddivisione del Cretacico secondo la Commissione internazionale di stratigrafia dell'IUGS.[1]

Nella scala dei tempi geologici il Valanginiano rappresenta il secondo dei sei piani o età in cui è suddiviso il Cretacico inferiore, la prima epoca dell'intero periodo Cretacico.

È compreso tra 140,2 ± 3,0 e 133,9 milioni di anni fa (Ma),[2] preceduto dal Berriasiano, il primo piano del periodo Cretacico e seguito dall'Hauteriviano, il terzo piano del Cretacico inferiore.

Definizioni stratigrafiche e GSSPModifica

Il piano Valanginiano fu introdotto nella letteratura scientifica nel 1853 da Édouard Desor che ne attribuì anche il nome, derivandolo dal villaggio di Valangin, un piccolo comune poco a nord di Neuchâtel, in Svizzera.

La base del Valanginiano è data dalla prima comparsa negli orizzonti stratigrafici del calpionellide Calpionellites darderi.

Il limite superiore, nonché base del successivo Hauteriviano, è dato dalla prima comparsa del genere ammonitico Acanthodiscus.

GSSPModifica

Il GSSP,[3] il profilo stratigrafico di riferimento della Commissione Internazionale di Stratigrafia, non è ancora stato fissato (2010).

BiozoneModifica

Il Valanginiano è spesso suddiviso in due sottopiani, l'inferiore e il superiore. Il Valanginiano superiore inizia alla prima comparsa della specie ammonitica Saynoceras verrucosum e alla grande trasgressione marina Va3.

Nel dominio Tetide, il Valanginiano contiene cinque biozone ammonitiche:

PaleontologiaModifica

†AnchilosauriModifica

Ankylosauria del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine

UccelliModifica

Aves del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine

CrocodilomorfiModifica

Crocodylomorpha del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine

†OrnitopodiModifica

Ornithopoda del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine
Australia. Potrebbe trattarsi di una chimera, cioè una ricostruzione basata su varie specie di ornitopodi.
 
Lanzhousaurus
Europa, Nord America.[6]
Provincia del Capo, Sud Africa. Considerato un nomen dubium, è classificato come genere simile all'Dryosaurus, cioè un iguanodonte.
Lanzhou, Gansu, Cina. Caratterizzato da denti incredibilmenti enormi, tra i più grandi degli erbivori di ogni epoca, il che lo classifica tra gli iguanodonti. La mandibola, lunga più di un metro, indica che la taglia dell'animale doveva essere notevole.
Isola di Wight, Inghilterra; Niger, Africa. Dryosauridae.

†PterosauriModifica

Pterosauria del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine
 
Pterodaustro
Formazione Lagarcito, Provincia di San Luis, Argentina; Cile.

†SauropodiModifica

Sauropoda del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine

†StegosauriModifica

Stegosauria del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine
 
Ricostruzione di Wuerhosaurus.

†Theropoda (non aves)Modifica

Theropoda del Valanginiano
Taxa Presenza Localizzazione Descrizione Immagine

SchemiModifica

NoteModifica

  1. ^ Chronostratigraphic chart 2014, su stratigraphy.org, ICS. URL consultato il 17 luglio 2015.
  2. ^ Chronostratigraphic chart 2014, ICS. URL consultato l'11 agosto 2014.
  3. ^ Global Boundary Stratotype Section and Point (GSSP) of the International Commission of Stratigraphy, Status on 2010.
  4. ^ a b c d e f g h Datazione incerta
  5. ^ a b Noto solo da questo piano.
  6. ^ Paul S. Gregory, A revised taxonomy of the iguanodont dinosaur genera and species, Cretaceous Research, Vol. 29, 2, pagg. 192–216, 2008, doi 10.1016, j.cretres.2007.04.009

BibliografiaModifica

  • Felix Gradstein, Jim Ogg, Jim & Alan Smith: A Geologic timescale. Cambridge University Press 2005, ISBN 9780521786737
  • Hans Murawski & Wilhelm Meyer: Geologisches Wörterbuch. 10., neu bearb. u. erw. Aufl., 278, Enke Verlag, Stuttgart 1998 ISBN 3-432-84100-0.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica