Apri il menu principale

La Valchiria (Valkyr) è una droga immaginaria, usata nel videogioco Max Payne e nell'omonimo film. La Valchiria è stata creata da Nicole Horne.

Indice

StoriaModifica

Secondo il progetto Valhalla, l'intento era quello di potenziare la forza e la resistenza dei soldati statunitensi durante la guerra del Golfo ma a causa degli scarsi risultati (raramente lo stupefacente aveva effetti positivi sui soldati), nel 1991 il progetto fu abbandonato dal governo. Le Horne, che aveva speso molti fondi per il progetto, non si arrese e decise di testare la Valchiria sui civili di New York. In realtà la maggior parte dei civili non reagì come previsto alla droga e ne diventò dipendente. La droga viene prodotta in un'acciaieria chiamata Cold Steel, sempre di proprietà della Horne, nell'estrema periferia di New York.

Max Payne, partendo da piccoli trafficanti e arrivando al boss mafioso Angelo Puncinello, riesce ad arrivare alla Horne. Sopravvissuto alla dose di Valchiria iniettatagli dalla Horne stessa, Payne si dirige all'acciaieria e, scoperto il progetto Valhalla, riesce a salvarsi dall'autodistruzione dell'impianto. La droga venne venduta fino alla morte della Horne, poi fu vietata la vendita. Anche se, alcuni newyorkesi ne erano ancora in possesso.

In Max Payne 2, in onore del precedente episodio, nel capitolo 3 della parte 3, ci sono varie V con siringhe: nel quartiere dove si trova Payne, infatti, usavano ancora la Valchiria, anche dopo il fallimento e la chiusura della Æsir Corporation.

La Valchiria ha un simbolo: in origine era una spada con una V, poi fu eliminata la spada e venne aggiunta la siringa (nel videogioco, si usa una siringa per iniettare la Valchiria).

EffettiModifica

Come viene fatto notare da Max Payne, la Valchiria provoca allucinazioni che danno una visuale verde e diarrea (detto da Max nel capitolo Portatemi a Cold Steel). Spesso è mortale. Nel film, invece, dà la forza e causa la visione delle Valchirie.

Differenze tra videogioco e filmModifica

In Max Payne, la droga è verde e si inietta; ha come simbolo una V con una siringa (prima una spada) e viene prodotta nell'acciaieria Cold Steel. La vendita non è gestita dall'acciaieria stessa, ma dalla Æsir Corporation, una multinazionale farmaceutica con a capo Nicole Horne.

Nel film la Valchiria è blu e si beve. Non ha molti effetti collaterali, anzi dà solamente forza e dà delle visioni di valchirie.

Caso ValchiriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Caso Valchiria.