Apri il menu principale
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Circoscrizioni di Torino.
Valdocco
SantuarioMariaAusiliatricenotte.JPG
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaTorino Torino
CittàTurin coat of arms.svg Torino
CircoscrizioneCircoscrizione 7
QuartiereValdocco

Coordinate: 45°04′59.16″N 7°41′17.02″E / 45.0831°N 7.68806°E45.0831; 7.68806

Valdocco (Valdòch in piemontese) è un rione storico della città di Torino, inserito nel quartiere Aurora e a ridosso del cosiddetto Quadrilatero Romano, situato a nord-ovest rispetto al centro cittadino. È delimitato dal corso Regina Margherita, comprensivo di una parte settentrionale di Corso Valdocco, da via Cigna, dal fiume Dora e da corso Principe Oddone (attuale Spina 3).

Indice

StoriaModifica

 
Statua di Cafasso sul Rondò dla Forca

La tradizione vuole che il toponimo derivi dal latino vallis occisorum (in latino valle degli uccisi) perché in questa zona venivano eseguite le sentenze capitali. Altre e più semplici ipotesi, ricondurrebbero invece il toponimo a vallis occidentalis (a ovest, di Torino, appunto), oppure occitanis, in riferimento alle vicine valli occitane.
In particolare, non è chiaro se già al tempo della colonia degli antichi romani, la parte occidentale dello stesso castrum del Quadrilatero Romano oltre le mura della cosiddetta "Porta Segusina" (nei pressi dell'attuale Piazza Savoia), fosse utilizzata per le esecuzioni capitali, ma sicuramente veniva utilizzata come necropoli[1]. In tempi più recenti, più precisamente dal 1821 al 1835, le impiccagioni dei condannati venivano eseguite in questa zona nell'attuale piazzetta di Via Carlo Ignazio Giulio, mentre dal 1835 al 1852 venivano eseguite alla confluenza degli attuali Corso Valdocco - Via Cigna - Corso Regina Margherita, piazzetta che negli anni divenne appunto, tristemente famosa ai torinesi con il soprannome dialettale di Rondò 'dla Forca[2]. I condannati a morte venivano spesso seguiti da un prete della Confraternita della Misericordia prima di salire al patibolo. In ricordo di quegli eventi, sulla piazzetta-rotonda, all'inizio di Corso Valdocco, una statua, fortemente voluta da tutti i carcerati d'Italia nel 1961 e opera dello scultore Virgilio Audagna, raffigura San Giuseppe Cafasso, spesso soprannominato "il prete della forca", nell'atto di confortare il condannato.

Altre fonti propongono un'origine toponomastica del luogo dalla antica lingua germanica, tratta dalla radice wald (bosco o, più letteralmente, gualdo), a indicare la morfologia del territorio nei secoli passati; al pari di Vanchiglia, il terreno scosceso verso il fiume Dora formava una bassura ricca di boscaglie acquitrinose, un paesaggio naturale sopravvissuto fino all'inurbamento dell'area nel XIX secolo.[3][4].

Valdocco è divenuto successivamente famoso per la nascita e per l'attuale presenza della casa madre della congregazione religiosa dei Salesiani. In questo rione, Giovanni Bosco, poi divenuto santo per la chiesa cattolica, ebbe inizialmente in uso la Tettoia Pinardi e, da qui, iniziò l'attività in favore dei ragazzi del quartiere. Per tutte le attività dei Salesiani nel rione lo stesso fece edificare l'imponente comprensorio religioso del Santuario di Maria Ausiliatrice.

Il rione Valdocco, che negli anni cinquanta è stato interessato dagli insediamenti di emigranti, conservando da allora l’aspetto tipico dei quartieri operai, termina quindi a settentrione con il ponte di Via Cigna sul fiume Dora Riparia, con la Strada e l'edificio detto del "Fortino". Forse ricordando una antichissima torre di avvistamento fluviale, in realtà l'attuale torretta del cosiddetto "Fortino" sorse a metà del XIX secolo, in sostituzione delle concerie di Giuseppe Durio, per creare il birrificio "Kursaal-Durio" e amministrato da Carlo Metzger.

Oggi il Fortino è stato ristrutturato e utilizzato come sede di vari servizi e negozi.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Torino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Torino