Apri il menu principale

Valerij Karpin

allenatore di calcio ed ex calciatore estone
Valerij Karpin
V-Karpin.jpg
Nazionalità URSS URSS
Russia Russia (dal 1991)
Estonia Estonia (dal 2003)
Altezza 185 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Rostov
Ritirato 2005 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1986-1988Sport Tallinn25 (1)
1988CSKA Mosca3 (0)
1989Fakel Voronež25 (7)
1990-1994Spartak Mosca116 (29)
1994-1996Real Sociedad72 (16)
1996-1997Valencia36 (6)
1997-2002Celta Vigo168 (26)
2002-2005Real Sociedad107 (20)
2007Coruxo? (?)
Nazionale
1992CSI CSI1 (0)
1992-2003Russia Russia72 (17)
Carriera da allenatore
2009-2012Spartak Mosca
2012-2014Spartak Mosca
2014-2015Mallorca
2015-2016Torpedo Armavir
2017-Rostov
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 dicembre 2017

Valerij Karpin (in russo: Валерий Георгиевич Карпин?, traslitterato: Valerij Georgievič Karpin, estonizzato in Valeri Karpin) (Narva, 2 febbraio 1969) è un allenatore di calcio ed ex calciatore russo naturalizzato estone, tecnico del Rostov.

Centrocampista, si è ritirato dal calcio professionistico nel 2005 ed è andato a vivere a Vigo, in Spagna, prima di tornare a Mosca nel 2008. Nel 2003 ha optato per la cittadinanza estone, rinunciando a quella russa.

Indice

CarrieraModifica

ClubModifica

A livello di club, Karpin ha esordito nei campionati nazionali sovietici nelle file dello Sport Tallinn, che militava in Vtoraja Liga, terza serie del calcio sovietico.

Nel 1988 salì di categoria passando al CSKA Mosca, squadra che militava in Pervaja Liga; l'anno seguente passò Fakel Voronež, dove rimase un solo anno, sempre in Pervaja Liga.

Dal 1990 esordì in Vysšaja Liga (massima serie del campionato sovietico) trasferendosi allo Spartak Mosca: rimase con i moscoviti fino al 1994, vincendo una Coppa dell'URSS e i primi due campionati russi.

Dal 1994 cominciò la sua avventura in Spagna, prima con la Real Sociedad (fino al 1996), poi al Valencia (nella sola stagione 1996-1997) e, quindi, nel Celta Vigo (dal 1997 al 2002). Chiuse la sua avventura in Spagna nuovamente alla Real Sociedad, disputandovi altre tre stagioni, fino al 2005

È stato proclamato "Calciatore russo dell'anno" nel 1999.

NazionaleModifica

Per la Nazionale di calcio della Russia è stato convocato 72 volte, segnando 17 reti, ma in precedenza era stato convocato anche una volta per la Nazionale di calcio della Comunità degli Stati Indipendenti, giocando una partita amichevole contro l'Inghilterra, entrando nella mezz'ora conclusiva al posto di Andrej Kančel'skis[1].

Ha segnato il primo gol della Russia dopo la disgregazione dell'Unione Sovietica, nella partita vinta per 2-0 contro il Messico il 17 agosto 1992[2]. Karpin ha giocato con la maglia russa ai mondiali di calcio di USA 1994 e Giappone e Corea 2002 e agli Europei del 1996.

Dopo il ritiroModifica

 
Karpin nel 2012

Nel 2007 Karpin ha fondato ed è divenuto proprietario della squadra di ciclismo su strada Karpin-Galicia. Si è anche dedicato ad attività immobiliari insieme all'ex compagno nel Celta Vigo Míchel Salgado.

Nell'agosto 2008 è divenuto direttore generale dello Spartak Mosca e nell'aprile 2009 ne è diventato l'allenatore, sostituendo l'esonerato Michael Laudrup. Nonostante il contratto sino al 2012, il 18 aprile 2012 decide di rassegnare le sue dimissioni, rimanendo comunque con la carica di direttore generale del club moscovita[3][4].

Il suo allontanamento dura però pochi mesi: Unai Emery che aveva preso il suo posto, infatti, viene esonerato il 25 novembre 2012[5] e Karpin torna alla guida dello Spartak.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Spartak Mosca: 1992, 1993, 1994
Spartak Mosca: 1991-1992
Spartak Mosca: 1993-1994

Competizioni internazionaliModifica

Spartak Mosca: 1993, 1994
Celta Vigo: 2000

NoteModifica

  1. ^ (EN) C.I.S. v England, 29 April 1992, su eu-football.info. URL consultato il 20 giugno 2013.
  2. ^ (EN) Russia v Mexico, 17 August 1992, su eu-football.info. URL consultato il 20 giugno 2013.
  3. ^ Spartak Mosca, Karpin si dimette, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 18 aprile 2012.
  4. ^ Andrea Lucchetta, Spartak Mosca: Karpin licenzia Karpin, in Extra Time, 19 aprile 2012, p. 10.
  5. ^ (EN) Spartak dismiss Emery after derby defeat, su it.soccerway.com. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2014).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica