Valerio Liciniano Licinio

imperatore romano
Licinio
Augusto
In carica 317324
Nome completo Valerius Licinianus Licinius
Nascita 315 circa
Morte 326
Padre Licinio
Madre Flavia Giulia Costanza

Valerio Liciniano Licinio (latino: Valerius Licinianus Licinius; 315326 circa) è stato un imperatore romano, figlio dell'omonimo imperatore, fu nominalmente co-augusto dell'Impero romano dal 317 al 324.

BiografiaModifica

Licinio nacque intorno all'anno 315, probabilmente a luglio o agosto.[1] Suo padre Licinio era all'epoca augusto della parte orientale dell'impero, mentre sua madre fu probabilmente Flavia Giulia Costanza, sorella dell'imperatore della parte occidentale, Costantino I.[2] Fu educato da Flavio Optato.[3]

 
Multiplo d'oro di Licinio padre e figlio

Il 1º marzo 317 venne nominato cesare (vice-imperatore) d'Oriente a Serdica, assieme ai figli di Costantino, Crispo e Costantino II; Liciniano esercitò un primo consolato, assieme a Costantino, per l'anno 319, mentre il secondo consolato, conferitogli nel 321 dal padre, non fu riconosciuto dall'imperatore occidentale.

Nel 324 Costantino sconfisse definitivamente Licinio, che mise a morte l'anno dopo; Liciniano fu ucciso nel 326.[4]

Pare invece che un certo Liciniano, figlio illegittimo di Licinio, sia sopravvissuto al padre, in quanto nel 336 si trovava in Africa; Costantino ordinò di deporlo e incatenarlo.[5] Cercò di fuggire, ma venne catturato e portato a Cartagine, a lavorare in un gineceo.[6]

NoteModifica

  1. ^ Aurelio Vittore, Epitome de Caesaribus, xli.4; Zosimo, Storia nuova, ii.20.2.
  2. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, x.6.3, che definisce Liciniano "nipote" (sororis filium) di Costantino. Ma il Codice teodosiano iv.6.2 afferma che Costanza adottò Liciniano, come riportato da Otto Seeck.
  3. ^ Libanio, Orazioni, xlii.26.
  4. ^ Eutropio, x.6.3.
  5. ^ Codice teodosiano, iv.6.2.
  6. ^ Codice teodosiano, iv.6.3.

BibliografiaModifica

  • Otto Seeck, "Licinius 31b)", Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft, volume XIII.1, Stuttgart, 1926, p. 231.
  • Dietmar Kienast, Römische Kaisertabelle. Grundzüge einer römischen Kaiserchronologie, Darmstadt, 2004, p. 296, ISBN 3-534-18240-5.

Altri progettiModifica