Apri il menu principale
Valle Argentina
Vetta del Saccarello.JPG
Monte Saccarello, alta Valle Argentina
StatiItalia Italia
RegioniLiguria Liguria
ProvinceImperia Imperia
Località principaliTriora, Molini di Triora, Montalto Carpasio, Badalucco, Taggia
Comunità montanaComunità montana Argentina Armea (1973 - 2011)
FiumeArgentina
Superficie200 km²
Abitanti16.455 (2011)
AltitudineSaccarello: 2201 m s.l.m.

Coordinate: 43°58′48″N 7°46′12″E / 43.98°N 7.77°E43.98; 7.77

La Valle Argentina (o anche Valargentina) è una delle valli delle Alpi Liguri, nella Liguria occidentale, lunga circa 40 km. Inizia dal Monte Saccarello, a 2.201 m s. l. m. e termina a Taggia. Ha una superficie di circa 200 km2[1] e 16.455 abitanti[2].

È attraversata in tutta la sua lunghezza dal corso del fiume Argentina, che nasce nel Monte Saccarello ed ha la sua foce nel Mar Ligure ad Arma di Taggia, frazione di Taggia.

La totalità della valle è ricompresa nel territorio amministrativo della Provincia di Imperia.

Indice

Geografia fisicaModifica

 
Panorama della Valle Argentina da Triora

TerritorioModifica

È possibile suddividere il territorio della Valle Argentina in due macro-settori:

  1. Alta Valle Argentina: è una zona montuosa che presenta zone pianeggianti nella conca della valle; comprende i comuni di Triora, Molini di Triora, Montalto Carpasio e Badalucco.
  2. Bassa Valle Argentina: è una zona pianeggiante; comprende il comune di Taggia.

IdrografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Argentina (torrente).
 
Ponte romano sul fiume Argentina

La Valle Argentina è attraversata dal fiume Argentina, che nasce nel Monte Saccarello nel comune di Triora.

Abbastanza copiosi sono i corsi d'acqua a carattere torrentizio che scendono dai lati dei monti per congiungersi all'Argentina (torrente) dei quali alcuni sono però a carattere esclusivamente stagionale e durante l'estate si trovano in secca.

Lungo il suo corso vi sono molteplici laghi alpini, tra cui il Lago di Tenarda a Triora e il Lago dei Noci a Molini di Triora.

OrografiaModifica

Il Monte Saccarello, alto 2.201 m, è il più alto della Liguria. Altre importanti rilievi che fanno da corona alla parte alta dalla vallata sono il Monte Frontè, la Cima Marta, il Monte Monega e il Carmo di Brocchi.

GeologiaModifica

I rilievi montuosi sono formati da roccia metamorfica come l'ardesia. I minerali presenti sono calcite, pirite, manganese, braunite, reppiaite e tinzenite.

La zona è prevalentemente calcarea, ricca di cavità naturali, che si presenta particolarmente favorevole sotto il profilo della ricerca archeologica per le grotte abitate nel neolitico.

ClimaModifica

NaturaModifica

L'ambiente è caratterizzato da un particolare endemismo, in cui oltre 80 entità endemiche, ovvero esemplari rari presenti solo nella zona, convivono tra loro.

Denominazione

Riconoscimento

Comuni

Ettari

Parco naturale delle Alpi Liguri Parco Regionale Triora 6.041
Parco della Carpasina Sito di interesse comunitario Molini di Triora 1.331

FloraModifica

Il paesaggio vegetale comprende una grande varietà di piante. Ai boschi montani di latifoglie si susseguono in altimetria i boschi subalpini di conifere e, oltre i 1700 m, vi si trovano lande di arbusti subalpini.

Tra le foreste di latifoglie vi sono il faggio, il rovere, l'olmo, il pioppo, l'acero, il carpino, il leccio, il frassino, il salice, l'ontano, il castagno, il nocciolo e il noce. Tra le foreste di conifere vi sono l'abete, il pino, il larice.

Tra gli arbusti vi sono il timo, l'alloro, il rosmarino, il rovo, il lampone, il mirtillo, il corniolo, l'erica, il ginepro, il caprifoglio, il biancospino, la rosa selvatica e l'ortica. Tra le piante alpine vi sono il doronico, l'anemone e la stella alpina. Nel sottobosco sono presenti diversi esemplari di funghi.

La costa viene chiamata Riviera dei Fiori, caratterizzata dalla presenza della genziana, del ciclamino, della margherita,della viola, della magnolia, della lavanda, del giglio,del narciso, il geranio e dell'orchidea. Vi sono anche numerose palme e piante grasse.

FaunaModifica

StoriaModifica

I primitivi insediamenti umani vanno ricercati già nell'epoca preromana tra il X e il VII secolo a. C., dove erano presenti antiche tombe cinerarie e un luogo di culto dedicato al dio ligure Belleno.

Durante l'epoca romana si combatté la battaglia di Campo Marzio tra la tribù dei Liguri e l'esercito dell'Impero romano che, dopo lunghe lotte nel territorio, riuscì a sottomettere la popolazione locale. Subì quindi la dominazione romana a partire dal I secolo a.C e in età imperiale vennero costruite a Taggia alcune ville e una stazione di posta servita dalla via Julia Augusta, che attraversava tutta la Liguria di Ponente.

All'interno della valle, tra il V e il VI secolo si sviluppò invece l'insediamento fortificato di Castel San Giorgio a Campo Marzio. Il villaggio venne distrutto e abbandonato durante l'invasione longobarda di Rotari del 641 nel VII secolo, che portò alla decadenza anche di Castel San Giorgio. Da allora gli abitanti della zona cominciarono a popolare un nuovo insediamento, quando tutta la zona fu oggetto di scorrerie saracene tra i secolo IX e X.

Nell'XI secolo divenne feudo dei conti Lascaris di Ventimiglia fino alla metà del XIII secolo, ossia quando la Repubblica di Genova diede inizio alla sua mira espansionistica nel ponente ligure e decise di acquistare il dominio feudale. La Repubblica ebbe notevoli problemi nella sua gestione, leggermente inasprita per le continue tasse imposte agli abitanti. Proprio gli interessi della valle sul commercio di grano causò una sorta di malcontenti arrivando alla dichiarazione di indipendenza.

L'edificazione di nuove cinte murarie e l'erezione di cinque fortezze difensive creò una sorta di nucleo fortificato, quasi inespugnabile, che mise a dura prova le truppe dell'imperatore Carlo VI d'Aburgo nella tentata conquista del borgo, nel XVIII secolo subì comunque l'invasione e la conseguente occupazione da parte dell'esercito austriaco.

Durante la calata dell'Impero francese, Napoleone Bonaparte annesse la valle alla Repubblica Ligure inglobata nel Dipartimento delle Alpi Marittime.

Nel 1725 l'esercito piemontese, guidato da Casa Savoia, cercò invano la conquista del borgo; ma così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, rientrò nei confini del Regno di Sardegna e successivamente del Regno d'Italia dal 1861.

Durante il conflitto bellico della seconda guerra mondiale il borgo subì notevoli perdite di abitanti a causa delle numerose rappresaglie dei nazisti contro i partigiani. Oltre alla fucilazione di numerosi civili, risultò gravemente danneggiato dalle bombe che lo rasero quasi al suolo. Il borgo venne dato alle fiamme e furono distrutti interi quartieri, causandone il repentino spopolamento.

Dal 1950 sono stati ridisegnati i confini comunali e la valle è diventata ora una zona di villeggiatura sia estiva che invernale.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Architetture civiliModifica

  • Ponte di Loreto, Triora
  • Palazzo Lantrua, Molini di Triora
  • Palazzo Boeri, Badalucco
  • Palazzo Anfossi, Taggia
  • Palazzo Asdente, Taggia
  • Palazzo Curlo, Taggia
  • Palazzo Spinola, Taggia
  • Palazzo Lercari, Taggia
  • Palazzo Pastorelli, Taggia
  • Palazzo Vivaldi, Taggia

Architetture militariModifica

  • Castello di Triora, Triora
  • Rocca di Andagna, Molini di Triora
  • Castello di Taggia, Taggia

AltroModifica

SocietàModifica

DemografiaModifica

La Valle Argentina ha 16.455 abitanti, oltre la metà della popolazione è situata nella località marina di Taggia, mentre la parte restante si distribuisce nei rimanenti conglomerati urbani.

Stemma Comune Popolazione
  Taggia 13.919
  Badalucco 1.175
  Molini di Triora 617
  Triora 380
  Montalto Carpasio 540

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[3]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2011 i cittadini stranieri residenti nella Valle Argentina sono 1.187, pari al 7,21% della popolazione totale. Sono presenti soprattutto minoranze di inglesi, tedeschi e francesi.

Lingue e dialettiModifica

In tutta la zona si parla il dialetto ligure, in particolare il brigasco, il taggiasco e il molinese. Sono presenti minoranze di inglese, tedesco e francese.

Tradizioni e folcloreModifica

Istituzioni, enti, associazioniModifica

Qualità della vitaModifica

Il comune di Triora fa parte de I borghi più belli d'Italia grazie al suo spiccato interesse artistico e storico.

CulturaModifica

IstruzioneModifica

BibliotecheModifica

MuseiModifica

CucinaModifica

Farinacei

Formaggi

Bevande

  • Latte di lumaca
  • Filtro delle streghe

Altro

EventiModifica

Geografia antropicaModifica

Suddivisioni amministrativeModifica

FrazioniModifica

EconomiaModifica

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

I principali accessi alla Valle Argentina sono:

Le strade interne che collegano i centri abitati sono:

La Valle Argentina è caratterizzata inoltre da numerosi sentieri, il principale è l'alta Via dei Monti Liguri che, sviluppatosi sullo spartiacque delimitante il versante costiero ligure, collega Ventimiglia a Ceparana.

Mobilità urbanaModifica

Linee ferroviarieModifica

Taggia è dotata dalla Stazione di Taggia-Arma sulla linea ferroviaria Genova-Ventimiglia

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Comunità montanaModifica

Nel 1973 è stata istituita la comunità montana Argentina Armea che nel 1978 assunse le funzioni amministrative in materia di agricoltura, sviluppo rurale, foreste e antincendio boschivo. La comunità montana fu formata dai comuni della Valle Argentina di Triora, Molini di Triora, Badalucco, Montalto Ligure, Taggia e dai confinanti Carpasio, Castellaro, Ceriana, Pompeiana e Terzorio. Con la disciplina di riordino delle comunità montane del 2009, non ne fece più parte il comune di Taggia. Dal 2011 l'ente è stato soppresso con il trasferimento delle deleghe alla Regione e ai comuni interessati.

SportModifica

CalcioModifica

Le squadre calcistiche principali, provenienti entrambe da Taggia, sono:

CiclismoModifica

Il comune di Triora è stato insignito dal 2007 della bandiera arancione dal Touring Club Italiano, grazie ai numerosi sentieri dove è possibile praticare ciclismo.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Calcolo eseguito calcolando le superfici dei comuni
  2. ^ Calcolo eseguito sommando i dati ISTAT dei comuni al 31 dicembre 2011
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlateModifica