Apri il menu principale

Valle Mongia

Vallata
Valle del Mongia
Valle del Mongia.jpg
Panorama della valle
StatiItalia Italia
RegioniPiemonte Piemonte
ProvinceCuneo Cuneo
Località principaliBattifollo, Lesegno, Lisio, Mombasiglio, Scagnello, Viola
Comunità montanaComunità montana Valli Mongia, Cevetta e Langa Cebana
FiumeTanaro
Abitanti2390 (2017)

La valle del Mongia (Valle Mundza in piemontese) è una vallata della provincia di Cuneo.

La valle è segnata dal corso del fiume Tanaro.

Geografia antropicaModifica

 
Il Bric Mindino il monte più alto della valle con i suoi 1879 metri d'altezza[1]

Situata nel mezzo delle valli del Casotto e del Tanaro, il territorio della Valle del Mongia è costituito principalmente da castagneti, che occupano il 60% del territorio.[2] A quote più alte le praterie prendono il dominio e ad esse si affiancano boschi di Faggio, che si trovano principalmente nella zona di Viola.

 
La frazione di Saint Grée ai piedi del Bric Mindino

La massima elevazione della valle è costituita dal Bric Mindino (1879 m.), dove ai piedi sorge la stazione sciistica di Saint Grée .[1]

Dal punto di vista naturalistico il territorio è estremamente caratteristico, presentando peculiarità ed elementi significativi tra i quali il ponte naturale che attraversa il torrente Mongia, situato al confine tra il territorio di Mombasiglio e quello di Lesegno.[3] Nelle zone circostanti il comune di Battifollo invece si possono trovare il Bosco Azzurrine e la Pineta "Pian del Mondo".

FaunaModifica

Data la varietà del territorio, anche la fauna è particolarmente ricca di specie.

Nelle zone più elevate si trovano alcuni esemplari di Aquila reale ed alcuni rapaci quali il Biancone, la Poiana, lo Sparviere e il Gheppio; più a bassa quota sono presenti il Merlo, il Pettirosso, la Capinera, lo Scricciolo, ecc. Fra i mammiferi si possono annoverare il Camoscio, la Marmotta, la Donnola, l’Ermellino, il Ghiro, lo Scoiattolo, il Tasso, il Cinghiale, la Volpe e il Capriolo.[4]

FloraModifica

 
Albero di fichi del Mongia

La flora come la fauna è anch'essa ricca di specie, tra le specie di alberi spiccano i castagneti, assieme ad essi anche quelli di fichi, pere, mele, ciliegie e coltivazioni di fragole, frutti di bosco, noci.

Ci sono poi anche diverse specie di funghi come la russula, i boleti e i lactari.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b Valle Mongia, su laverdemontagna.it. URL consultato il 16 agosto 2019.
  2. ^ Le valli del Cuneese, su bedandbreakfastcuneoilrossoeilblu.it. URL consultato il 16 agosto 2019.
  3. ^ ponte naturale delle masentine, su galmongioie.it. URL consultato il 16 agosto 2019.
  4. ^ Il territorio, su vallinrete.org, 5 gennaio 2011. URL consultato il 16 agosto 2019.
  5. ^ Il risveglio del bosco: funghi in valle Mongia, su lastampa.it, 16 agsoto 2019. URL consultato il 16 agosto 2019.

Altri progettiModifica

  Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia