Apri il menu principale
Valle del Vajont
ValleDelVajont.JPG
Il torrente Vajont in prossimità di San Martino
StatiItalia Italia
RegioniVeneto Veneto
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
ProvinceBelluno Belluno
Pordenone Pordenone
Località principaliErto e Casso, Longarone
Altitudineda 431 a 827 m s.l.m.
Nome abitantivajontini

La Valle del Vajont è una valle alpina del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia, percorsa dal torrente Vajont, che confluisce nel Piave in prossimità di Longarone. Dal punto di vista orografico separa le Prealpi Carniche (Dolomiti Friulane) a nord dalle Prealpi Bellunesi a sud, tramite il Passo di sant'Osvaldo, con i rilevi principali che sono il Monte Toc e il Monte Salta.

Indice

GeomorfologiaModifica

FormazioneModifica

Circa 165 milioni di anni fa, la Valle del Vajont e l'area del Monte Toc erano parte di un'ampia scarpata sottomarina che congiungeva un'area di profondità modesta con una zona più profonda (tra i 700 e i 100 m). Le frane, divenute sempre più frequenti, aggregarono i materiali in formazioni di rocce calcaree omogenee e in strati alterni di argille e calcari. Durante i fenomeni franosi le argille agirono come lubrificanti, agevolando lo scivolamento dei detriti.

Sollevamento delle rocceModifica

A partire da 30 milioni di anni fa si verifica un piegamento delle concrezioni calcaree e degli strati alternati di calcari e argille, che vengono fratturati e, successivamente, sollevati, in concomitanza con la formazione della catena alpina. La superficie di distacco, già teatro della frana, corrisponde con delle superfici di stato, inclinate di circa 55° che, percorrendo il fondovalle, raggiungono la cima del Monte Toc.

ErosioneModifica

Nel corso degli ultimi due milioni di anni gli agenti atmosferici e l'azione dei ghiacciai hanno plasmato i versanti della valle del Vajont. Tra il 1957 e il 1963, la costruzione della diga del Vajont e la creazione dell'omonimo bacino artificiale, hanno apportato notevoli mutamenti alla morfologia del territorio: i prati, le gole e le aree coltivate, presenti sugli irti pendii della valle, vennero sommersi sotto circa 150 milioni di metri cubi d'acqua. A causa della frana del Monte Toc (270 milioni di metri cubi[1]), un tratto della valle si tramutò in un colle.

NoteModifica