Apri il menu principale

Vamos a la playa (Righeira)

singolo dei Righeira del 1983
Vamos a la playa
Vamos a la playa.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaRigheira
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1983
Dischi1
Tracce2
GenereItalo disco
EtichettaCGD
Righeira - cronologia
Singolo precedente
(1981)
Singolo successivo
(1983)

Vamos a la playa è un brano musicale dei Righeira di genere pop prodotto dai La Bionda e pubblicato su licenza La Bionda Music dall'etichetta discografica CGD nella primavera del 1983, ottenendo un notevole successo nella stagione estiva.

Indice

Il branoModifica

La canzone, scritta da Stefano Righi (Johnson Righeira) per il testo e da Stefano Righi e Carmelo La Bionda per la musica, ha un ritmo parzialmente pop, con qualche aggiunta di stile disco. Il brano divenne in poche settimane un grande successo in Italia e nel mondo, risultando il vero e proprio cavallo di battaglia del duo torinese.

Il titolo, traducibile letteralmente come "andiamo in spiaggia", in lingua spagnola è una frase che viene utilizzata comunemente come in italiano si direbbe "andiamo al mare". La canzone si distingue principalmente per l'iterazione del titolo e del relativo ritornello che non aggiunge ulteriori parole oltre a un ritmico oh oh oh oh oh, producendo un effetto di ridondanza ossessiva. Alcuni critici[senza fonte] del settore, sottolineandone il successo, non poterono infatti trascurare questa caratteristica, adducendo proprio alla ripetitività del ritornello una delle ragioni della sua popolarità.

Sul 45 giri furono pubblicate due versioni del brano: la facciata A contiene la versione spagnola, che fu quella con la quale erano soliti esibirsi durante le promozioni televisive. La facciata B racchiude invece la versione in italiano, identica nella base musicale, nel titolo e nel primo verso della prima strofa: "La bomba estalló" (la bomba esplose).

Questa somiglianza tra le due fece in modo che anche la versione in madrelingua diventasse piuttosto conosciuta, generando anche una certa sovrapposizione dell'una sull'altra a livello di programmazione radiofonica e nelle numerose raccolte di cui fece parte. A tale riguardo, la compilation della RCA Italiana legata al Festivalbar di quell'anno, che conteneva questa stessa canzone, riportò sulle note di copertine la dicitura "Spanish version", laddove all'ascolto invece fu inserita la versione italiana (o "Italian version" come riportato sull'etichetta del singolo).

Il tema della canzone, che il titolo e il ritornello potrebbero fare credere piuttosto frivolo e legato ai cliché delle canzoni tipiche balneari, prende spunto da queste per immaginare invece uno scenario apocalittico, in parte mascherato dal testo in lingua spagnola, ma poco esplicito anche nelle parole della versione italiana. Nell'epoca della fobia nucleare, il tema trattato rispecchiava in qualche modo una certa paura per l'immediato futuro del pianeta e quindi dell'umanità intera, fino a immaginare che questo sia realmente accaduto ("la bomba esplose" recita il testo al passato, seguito da altre frasi al presente). Analogamente l'altro grande successo di quell'estate, Tropicana del Gruppo Italiano, dipingeva un altro scenario apocalittico. I due testi in spagnolo e in italiano non sono comparabili tra loro e offrono pertanto differenti immagini ciascuno, riconducibili però al medesimo scenario da fine del mondo.

In un'intervista rilasciata a Red Ronnie nel 2018, Johnson Righeira riguardo alla canzone ha dichiarato:

«Vamos a la playa era la canzone da spiaggia post-atomica, perché all'epoca non me ne rendevo conto, ma col senno di poi devo dire che si avvertiva questa minaccia tra Unione Sovietica e Stati Uniti. C'era un po' questa spada di Damocle che sembrava incombere su tutti noi. Non l'avvertivo ma scrissi questa canzone che parlava appunto di bombe che esplodevano, di radiazioni che invece di abbronzare normalmente abbronzavano di blu, ma tanto chi se ne frega, ci sarà il mare fluorescente e non ci saranno più i pesci puzzolenti. Sarà fighissimo, dei colori nuovi.[1]»

ClassificheModifica

Classifica (1983) Posizione
massima
Austria 11
Belgio (Fiandre)[2] 2
Francia[3] 27
Germania 3
Irlanda[4] 23
Italia[5] 1
Paesi Bassi 2
Norvegia 6
Spagna[6] 6
Svizzera 1
Regno Unito 53

Classifiche di fine annoModifica

Classifica (1983) Posizione
Belgio (Fiandre)[7] 51
Italia[8] 3
Paesi Bassi[9] 51
Svizzera[10] 20

CoverModifica

NoteModifica

  1. ^ Red Ronnie, Needle – Righeira, “Vamos a la playa”., OptiMagazine, 30 novembre 2018. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  2. ^ (NL) Vamos A La Playa – RIGHEIRA, su VRT, Top30-2.radio2.be. URL consultato il 18 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2012).
    «Hoogste notering in de top 30 : 2».
  3. ^ (FR) InfoDisc : Tous les Titres par Artiste, su Dominic DURAND / InfoDisc, InfoDisc.fr, 18 gennaio 2014. URL consultato il 18 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2013). Select "Righeira" from the artist drop-down menu
  4. ^ The Irish Charts – All there is to know, IRMA. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  5. ^ (IT) SINGOLI – I NUMERI UNO (1959-2006) (parte 3: 1980-1990), su It-charts.150m.com. URL consultato il 18 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  6. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1st, Spain, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  7. ^ (NL) Jaaroverzichten 1983, ULTRATOP & Hung Medien / hitparade.ch.. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  8. ^ (IT) I singoli più venduti del 1983, su HitParadeItalia, Creative Commons. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  9. ^ (NL) Single Top 100 – 1983 (PDF), Dutch Top 40. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  10. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 1983, su Hitparade.ch, Hung Medien. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica