Apri il menu principale

Vangelo copto degli Egiziani o Santo libro del grande Spirito invisibile è un vangelo gnostico scritto in lingua copta tra il III e il IV secolo.

Descrive Gesù come incarnazione di Set per liberare le anime divine dalla prigionia della carne.

Ritenuto perduto, ne è stata ritrovata una versione tra i Codici di Nag Hammadi nel 1945.

Non va confuso con un altro vangelo apocrifo di matrice gnostica andato perduto, il Vangelo greco degli Egiziani.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica