Apri il menu principale
Velone
PaeseItalia
Anno2003, 2010
Generetalent show
Edizioni2
Durata40 min.
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreTeo Mammucari (2003)
Enzo Iacchetti (2010)
RegiaMauro Marinello
Casa di produzioneAntonio Ricci
Rete televisivaCanale 5

Velone è stato un programma televisivo creato da Antonio Ricci, andato in onda per due edizioni su Canale 5 nelle estati del 2003 e del 2010.

Indice

Il programmaModifica

Il programma riprende in chiave ironica il format di Veline: a gareggiare in prove di ballo sono donne sopra ai sessantacinque anni di età.

EdizioniModifica

Prima edizioneModifica

Dal 9 giugno al 20 settembre 2003, su Canale 5, è andata in onda la prima edizione di Velone, condotta da Teo Mammucari: la vincitrice è stata Carpina Zuccarina, settantatreenne avellinese di Grottaminarda, che si è aggiudicata 250.000 euro come primo premio.[1] Durante questa edizione venne anche selezionata la nuova annunciatrice televisiva dell'emittente, Lisa Gritti, che dal settembre di quell'anno annunciò i programmi dell'emittente sostituendo la storica annunciatrice Fiorella Pierobon:[2] tra le ex aspiranti annunciatrici divenute in seguito famose troviamo Francesca Cavallin Marysthell García Polanco, Margherita Zanatta e Ludovica Leoni. La sigla è sempre la stessa delle edizioni di Veline.

Seconda edizioneModifica

Dal 7 giugno al 18 settembre 2010, sempre su Canale 5, Velone è stato riproposto con la conduzione di Enzo Iacchetti e la partecipazione di Nina Seničar.[3] Le tappe di questa seconda ed ultima edizione sono state: Ostuni, Norcia, Acqui Terme, Chioggia, Lignano Sabbiadoro, Andalo e Riccione. La vincitrice[4] è stata Luciana Petrassi, ottantatreenne[4] di Roma che si è aggiudicata un premio di 250.000 euro, mentre la seconda e la terza classificata hanno vinto 25.000 euro a testa: la finalissima è durata più di un'ora. Anche in quest'ultima edizione la sigla è rimasta la stessa della normale trasmissione estiva.

NoteModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione