Apri il menu principale
Vena vitellina
Gray475.png
Fegato e vene di un embrione umano di circa 25 giorni, visti dalla superficie ventrale. Le vene vitelline sono visibili in basso al centro.
Anatomia del Gray(EN) Pagina 518
Nome latinoVena vitellina
SistemaApparato circolatorio

Le vene vitelline sono delle vene che trasportano sangue dal sacco vitellino al seno venoso. In fase di sviluppo attraversano il cordone ombelicale e nell'embrione ricevono il sangue proveniente dal tubo gastroenterico. Le parti periferiche di queste vene vanno incontro a regressione e formano vasi come la vena porta epatica e l'estremità cardiaca della vena cava inferiore.

PercorsoModifica

Le vene vitelline decorrono verso l'alto dapprima davanti e successivamente su entrambi i lati del tratto intestinale. Si uniscono sull'aspetto ventrale del canale, e al di là di questo si collegano tramite due rami anastomotici, uno sulla dorsale, e l'altro sull'aspetto ventrale della porzione duodenale dell'intestino , che è così circondato da due anelli venosi; nell'anastomosi mediana o dorsale si apre la vena mesenterica superiore. Le porzioni delle vene sopra l'anello superiore vengono interrotte dal fegato in via di sviluppo e scomposte da esso in un plesso di piccoli vasi simili a capillari chiamati sinusoidi.

DerivatiModifica

Le vene vitelline danno origine aː[1]

I rami che trasportano il sangue al plesso sono chiamati venae advehentes e diventano i rami della vena porta. I rami che drenano il plesso nel seno venoso sono chiamati venae revehentes e formano le future vene epatiche . La parte persistente dell'anello venoso superiore, sopra l'apertura della vena mesenterica superiore, forma il tronco della vena porta .

NoteModifica

  1. ^ derivatives, su www2.med.wayne.edu. URL consultato il 15 febbraio 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia