Apri il menu principale
Veneto Orientale
Stati Italia Italia
Regioni Veneto Veneto
Territorio Area a nord-est della città metropolitana di Venezia
Capoluogo San Donà di Piave
Portogruaro
Superficie 1 062,2[1] km²
Abitanti 217 831[1] (31-12-2012)
Densità 205,07 ab./km²
Lingue italiano, veneto
Fusi orari UTC+1
Sito principale

Il Veneto Orientale (o Venezia Orientale) è un'area geografica posta a nord-est della città metropolitana di Venezia[2], comprendente i territori degli ex mandamenti di Portogruaro e di San Donà di Piave. L'area è suddivisa in venti comuni, i cui maggiori centri sono le città di San Donà di Piave, Portogruaro e Jesolo.

L'area ha più volte espresso la volontà di costituirsi in nuova provincia, poiché condivide strutture economiche, culturali e sociali molto affini, molto differenti dal resto della provincia e più vicine ai luoghi circostanti quali il trevigiano, il pordenonese, la Bassa Friulana.[3] A tale scopo, il 23 maggio 2006 è stata presentata alla Camera dei Deputati una proposta di legge per l'istituzione della provincia[4]; tuttavia, l'iter istitutivo è stato bloccato dal nuovo orientamento politico nazionale volto alla riduzione degli enti provinciali.

L'unica struttura decisionale autonoma che è stata effettivamente implementata nel territorio è la Conferenza dei Sindaci del Veneto Orientale, ente preposto alla gestione di fondi regionali e alla programmazione complessiva delle linee di sviluppo per il territorio.[5] Ulteriori iniziative per la ricerca di nuove forme di governo del territorio sono il GAL "Venezia Orientale"[6], il Patto Territoriale per la Venezia Territoriale e l'Intesa Programmatica d'Area.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mandamento di San Donà di Piave e Mandamento di Portogruaro.

Storicamente il mandamento sandonatese è sempre stato sotto la giurisdizione trevigiana, mentre quello portogruarese è appartenuto, fino al 1838, alla regione storica del Friuli; tuttavia, i comuni costieri hanno sempre direttamente fatto riferimento a Venezia. L'intera area in seguito è passata sotto la giurisdizione della provincia di Venezia e poi della città metropolitana di Venezia. Ciononostante, soprattutto in alcuni comuni di confine, è ancora forte il legame con il pordenonese e la Bassa Friulana, motivo per cui sono sorti vari movimenti autonomisti o per l'aggregazione al Friuli senza però portare a concreti risultati. Il legame col Friuli perdura nella suddivisione ecclesiastica, poiché la parte più a est del Veneto Orientale è parte integrante della diocesi di Concordia-Pordenone.

Comuni principaliModifica

Di seguito sono riportati i primi dieci comuni del Veneto Orientale per popolazione residente al 30 settembre 2016.[7]

Pos. Stemma Comune di Popolazione
(ab.)
Superficie
(km²)
Densità
(ab./km²)
Altitudine
(m s.l.m.)
  San Donà di Piave 41 842 78,73 531,46 3
  Jesolo 26 147 102,22 255,79 5
  Portogruaro 25 129 95,25 263,82 2
  Cavallino-Treporti 13 350 44,87 297,52 1
  San Stino di Livenza 12 889 68,09 189,29 6
  Eraclea 12 322 95,02 129,67 2
  San Michele al Tagliamento 11 887 112,3 105,85 7
  Caorle 11 653 151,45 76,94 1
  Musile di Piave 11 473 44,82 255,97 2
10º   Concordia Sagittaria 10 368 68,38 151,62 4

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b L'Azienda, Azienda ULSS n. 4 Veneto Orientale. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  2. ^ Il territorio del Veneto Orientale, VeGAL. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  3. ^ Gianluca Falcomer, Torna la provincia del Veneto Orientale?, Movimento per la provincia di Pordenone Portogruaro. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  4. ^ Andrea Martella, Istituzione della provincia della Venezia Orientale (PDF), su legxv.camera.it, 23 maggio 2006. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  5. ^ Iniziative per il decentramento amministrativo e per lo sviluppo economico e sociale nel Veneto Orientale, Consiglio Regionale del Veneto, 22 giugno 1993. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  6. ^ Agenzia di sviluppo del Veneto Orientale, VeGAL. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  7. ^ Bilancio demografico, ISTAT. URL consultato il 4 febbraio 2017.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica