Apri il menu principale
Verticillo.

Verticillo è un termine botanico che fa riferimento all'insieme di elementi di una pianta (tre o più foglie, rami o altri organi) inseriti sullo stesso asse e sullo stesso piano, che spuntano da uno stelo allo stesso livello.

Indice

MorfologiaModifica

 
Esempio di foglie a verticillo nella garanza dei tintori (Rubia tinctorum).
 
Dettaglio di uno stelo di asperula (Galium odoratum) che permette di apprezzare la disposizione verticillata delle foglie.

Nella loro disposizione, gli organi delle piante, oltre che a verticillo possono essere alterni, opposti (su due file o decussati) o a rosetta.[1]

FoglieModifica

Gli organi di una pianta dunque sono detti a verticillo o verticillati, quando si trovano inseriti allo stesso livello, in cerchio attorno a un asse (gambo o ramo).

Nel caso delle foglie, esse sono inserite su un nodo:

Le foglie crescono nella maggior parte delle piante seguendo una spirale molto allungata intorno al stelo, difficilmente riconoscibile, salvo nel caso che la loro disposizione sia alterna. Alcune presentano, tuttavia, foglie verticillate, vale a dire, disposte in verticilli.

FioriModifica

La disposizione verticillata è, d'altra parte, la più tipica delle foglie evolutivamente modificate, che formano gli organi del fiore delle angiosperme.

I verticilli sono in pratica appendici specializzate nell'assolvere determinate funzioni. Solitamente la conformazione dei fiori si presenta nel seguente modo:

  • Il verticillo più esterno si chiama calice e in genere è formato da una serie di sepali verdi che devono proteggere la gemma prima che il fiore sbocci.
  • All'interno del calice è inserita la corolla, che ha la funzione di attrarre gli insetti e favorire l'impollinazione.
  • Ancor più internamente si trova l'androceo, formato dagli stami che al loro interno conservano i gameti maschili.
  • Il verticillo centrale, infine, è il gineceo, formato dai carpelli (spesso fusi insieme), che ha la funzione di ospitare i gameti femminili.

Ecco il riepilogo dei nomi di verticilli floreali:

Gli elementi florali sono la conclusione delle foglie, essendo originariamente inseriti a spirale sull'asse, come le scaglie su di un pigna di pino o nei carpelli di una magnolia.
La spirale si è in seguito suddivisa in più verticilli di tre pezzi, cui hanno fatto seguito modificazioni che l'hanno portata a un verticillo di 5 parti floreali.

Le famiglie delle ranuncolacee e delle poligonacee offrono un esempio di questo processo.

NoteModifica

  1. ^ Gli organi di una pianta sono detti alternati quando sono inseriti isolatamente a dei livelli differenti su di uno stelo o ramo. Diversamente, gli organi possono essere opposti, a verticillo o a rosetta.
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica