Diocesi di Hildesheim

(Reindirizzamento da Vescovato di Hildesheim)
Diocesi di Hildesheim
Dioecesis Hildesiensis
Chiesa latina
Hildesheim Dom bph.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Amburgo
Stemma della diocesi
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Heiner Wilmer, S.C.I.
Ausiliari Nikolaus Schwerdtfeger,
Heinz-Günter Bongartz
Vescovi emeriti Norbert Trelle
Sacerdoti 300 di cui 256 secolari e 44 regolari
2.004 battezzati per sacerdote
Religiosi 53 uomini, 231 donne
Diaconi 102 permanenti
Abitanti 5.362.988
Battezzati 601.330 (11,2% del totale)
Superficie 29.021 km² in Germania
Parrocchie 119 (26 vicariati)
Erezione 815
Rito romano
Cattedrale Assunzione di Maria Vergine
Indirizzo Domhof 18/21, Postfach 100263, D-31102 Hildesheim, Bundesrepublik Deutschland
Sito web www.bistum-hildesheim.de
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Germania

La diocesi di Hildesheim (in latino: Dioecesis Hildesiensis) è una sede della Chiesa cattolica in Germania suffraganea dell'arcidiocesi di Amburgo. Nel 2019 contava 601.330 battezzati su 5.362.988 abitanti. È retta dal vescovo Heiner Wilmer, S.C.I.

La basilica minore di San Ciriaco a Duderstadt.
La basilica minore di San Gottardo a Hildesheim.
La basilica minore di San Clemente a Hannover.
La curia diocesana vista dalla cattedrale, un tempo residenza dei principi-vescovi di Hildesheim.

TerritorioModifica

La diocesi è situata nella parte orientale della Bassa Sassonia fra Hannoversch Münden a sud ed il Mare del Nord, verso nord, e fra il fiume Weser ad ovest e le montagne dello Harz ad est. Comprende anche la parte settentrionale dello stato di Brema.

Sede vescovile è la città di Hildesheim, dove si trova la cattedrale dell'Assunzione di Maria Vergine. Nel territorio diocesano sorgono tre basiliche minori: San Ciriaco a Duderstadt, San Gottardo a Hildesheim e San Clemente a Hannover.

La sua estensione territoriale (29.021 km²) è pari a quella delle più grandi diocesi del paese, ma la popolazione è in maggioranza protestante.

Il territorio è suddiviso in 119 parrocchie, raggruppate in 18 decanati.

Istituti religiosiModifica

StoriaModifica

La diocesi, suffraganea dell'arcidiocesi di Magonza, fu eretta da Ludovico il Pio nell'anno 815. Come primo vescovo fu scelto Gunthar, che sembra esercitasse già da qualche tempo un apostolato missionario nella regione come vescovo itinerante. Il vescovo Alfredo (851-874) ricostruì la cattedrale ed organizzò il capitolo dei canonici, opera proseguita dai successori Wigbert (880-903) e Valdberto (909-919).

I confini della diocesi furono stabiliti solo progressivamente. Inizialmente comprendeva l'Astfalagau, si estendeva a sud-ovest sul Flemithigau, a est sull'Ambergau, e a nord comprendeva importanti porzioni del Gretingau e del Flutwiddegau.

I vescovi di Hildesheim giocarono un ruolo importante durante l'epoca degli imperatori ottoniani nel X secolo. Il vescovo Diethard (928-954) ottenne da Enrico I di Sassonia Ia protezione e l'immunità imperiale. Bernoardo (993-1022) fu uno degli uomini più in vista del suo tempo, precettore e principale consigliere di Ottone III; fortificò la città episcopale, fondò diversi monasteri e si preoccupò della costruzione di diverse chiese rurali; organizzò la sua diocesi tramite sinodi diocesani annuali e la suddivisione territoriali in arcidiaconati. Quest'opera fu continuata dal successore Gottardo (1022-1038), che alla sua morte fu oggetto di culto e venerazione, ufficialmente riconosciuto come santo un secolo dopo da papa Innocenzo II.

Dal 1235 la diocesi acquisì potere temporale, attraverso il principato ecclesiastico di Hildesheim. Corrado di Riesenberg (1221-1246) è considerato il primo principe-vescovo di Hildesheim, benché già Bernoardo avesse ottenuto da Enrico II nel 1013 diritti comitali sull'Astfalagau. Da questo momento le preoccupazioni politiche prevalsero su quelle essenzialmente religiose, cosa che favorì un progressivo degrado della vita religiosa della diocesi. Alcuni esempi:

  • Nel 1260 il capitolo dei canonici elesse vescovo il figlio del conte di Brunswick, Ottone, che aveva solo 13 anni; rimase vescovo eletto fino al 1274, quando ricevette la consacrazione episcopale e in seguito si preoccupò più di ingrandire i propri possedimenti, che della cura pastorale della diocesi.
  • Nel 1331 il capitolo elesse un vescovo, Enrico di Brunswick, che entrò in conflitto, anche armato, con il rivale, Eric di Hombourg, imposto dal papa; alla fine vinse Enrico, che Roma fu costretta a riconoscere come legittimo vescovo nel 1354.
  • Gerardo di Berg, che governò la diocesi per trent'anni dal 1365 al 1398, è noto per aver sconfitto in battaglia il duca di Brunswick e i suoi alleati; in ricordo di questa vittoria, edificò una cappella all'interno della cattedrale.
  • Nel 1452 fu eletto vescovo Bernardo di Brunswick-Luneburg, giovane di 20 anni, che non ricevette mai la consacrazione sacerdotale ed episcopale; dette le dimissioni nel 1458 per succedere al padre come duca di Brunswick e qualche anno dopo sposò la sorella del suo successore sulla cattedra di Hildesheim, Ernesto di Schauenburg.

Tentativi di riformare la vita monastica e religiosa, attuati tra la fine del XIV e la prima metà del XV secolo, non andarono buon fine. In quest'epoca la diocesi contava 9 monasteri di canonici regolari, 5 abbazie benedettine e 2 cistercensi; e 16 monasteri di benedettine, 5 di monache cistercensi.

Durante l'episcopato di Giovanni di Sassonia-Lauenburg (1504-1527) fecero la loro apparizione in diocesi per la prima volta i predicatori luterani; la nuova religione guadagnò terreno sotto il vescovo Valentino di Teutleben (1538-1551); molte porzioni della diocesi passarono al luteranesimo, compresa la città episcopale. Nel 1557 il capitolo dei canonici elesse come nuovo vescovo Burcardo di Oberg, strenuo difensore della fede tradizionale cattolica, che fece di tutto per salvare il salvabile; al termine del suo episcopato, nel 1573, solo una dozzina di villaggi rimase cattolico. A lui succedettero, o come vescovi o come amministratori apostolici, una serie di prelati originari della Baviera, di fede cattolica e educati dai gesuiti, che misero in campo una serie di iniziative che permisero la restaurazione cattolica in molte parti della diocesi di Hildesheim e al contempo l'applicazione dei principi riformatori del concilio di Trento: furono indetti sinodi, si fecero visite pastorali alla diocesi, furono recuperati edifici religiosi, tra cui la cattedrale, che erano stati confiscati dai luterani, venne aperto il seminario nel 1655. Malgrado gli sforzi compiuti, gli atti della visita pastorale del 1657 mostrano che in diocesi erano rimaste solo una ventina di parrocchie cattoliche.

In due occasioni, con Edmondo di Brabeck (1697-1702) e con Federico Guglielmo di Westfalia (1775-1789), i vescovi di Hildesheim furono nominati anche vicari apostolici delle Missioni del Nord. Malgrado la soppressione della Compagnia, i gesuiti continuarono a rimanere in diocesi in abiti civili o come preti diocesani: questo permise loro di continuare a dirigere il seminario diocesano.

Nel 1789 divenne vescovo di Hildesheim Franz Egon von Fürstenberg; come il suo predecessore fu nominato anche vescovo di Paderborn[1] e vicario apostolico delle Missioni del Nord. È stato l'ultimo principe-vescovo di Hildesheim; il principato ecclesiastico fu secolarizzato con il Reichsdeputationshauptschluss del 1803 e il suo territorio annesso al regno di Hannover.

Il 26 marzo 1824 i confini diocesani subirono radicali cambiamenti, per la prima volta dall'815. Con la bolla Impensa romanorum pontificum di papa Leone XII, furono riorganizzate le circoscrizioni ecclesiastiche del regno di Hannover, che comprendeva le sedi di Hildesheim e di Osnabrück, i cui confini furono fatti coincidere con quelli dello Stato: la nuova diocesi di Hildesheim, resa immediatamente soggetta alla Santa Sede, si estendeva nella parte orientale del regno, separata da quella di Osnabrück dal fiume Weser, e vide notevolmente ingrandito il proprio territorio che arrivava ora fino al mare del Nord e al fiume Elba. Con decreto della Congregazione Concistoriale del 2 luglio 1834, fu assegnata alla diocesi di Hildesheim anche la competenza sui cattolici del ducato di Braunschweig-Lüneburg.[2]

Grande impulso alla rinascita della diocesi di Hildesheim fu dato dal vescovo Eduard Jakob Wedekin (1850-1870): aprì nuovi posti di missione nella parte settentrionale della sua diocesi; favorì la pratica degli esercizi spirituali per i suoi preti, la fondazione di associazioni cattoliche e la predicazione di missioni parrocchiali; chiamò nella propria diocesi diverse congregazioni religiose, tra cui i lazzaristi, a cui affidò la direzione del seminario.

Lo sviluppo economico che coinvolse le città di Hannover, Amburgo e Brema favorì l'emigrazione interna e di conseguenza l'aumento del numero dei cattolici presenti in diocesi. Nel 1890 si contavano circa 100.000 cattolici, raddoppiati vent'anni dopo. Il numero delle parrocchie passarono da 91 nel 1890 a 138 nel 1915.

Il 13 agosto 1930 con la bolla Pastoralis officii nostri di papa Pio XI la diocesi entrò a far parte della provincia ecclesiastica di Paderborn.

Al termine della seconda guerra mondiale la popolazione cattolica della diocesi triplicò per l'arrivo di numerosi profughi fuggiti dalle parti orientali della Germania, soprattutto dalla Slesia e dai Sudeti.

In base alla convenzione stipulata tra la Santa Sede e la Bassa Sassonia il 26 febbraio 1965[3], che riprende gli articoli del concordato con la Prussia del 1929[4], il diritto di elezione dei vescovi di Hildesheim fu concesso al capitolo dei canonici della cattedrale, su una lista di tre nomi proposta dalla Santa Sede.

Il 14 settembre 1966, in conformità con le decisioni della convenzione dell'anno precedente, furono rivisti i confini tra le diocesi di Hildesheim e di Osnabrück.[5]

Il 7 aprile 1994 ingrandì il proprio territorio con alcune parrocchie già appartenute all'amministrazione apostolica di Schwerin.[6] Il 24 ottobre successivo ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione dell'arcidiocesi di Amburgo, di cui Hildesheim è diventata suffraganea.

Cronotassi dei vescoviModifica

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

 
Il vescovo Ottone di Brunswick-Lüneburg (1260-1279)
  • Guntari † (815 - 5 luglio 834 deceduto)
  • Rimberto † (834 - 12 febbraio 835 deceduto)
    • Sede vacante (835-847)
  • Ebbone abate † (847 - 20 marzo 851 deceduto)
  • Sant'Alfredo o Altfrido † (851 - 15 agosto 874 deceduto)
  • Marquard † (novembre 874 - 2 febbraio 880 deceduto)
  • Wigbert † (880 - 1º novembre 903 deceduto)
  • Valdberto † (prima del 909 - 3 novembre 919 deceduto)
  • Sehard † (919 - 10 ottobre 928 deceduto)
  • Diethard † (928 - 13 settembre 954 deceduto)
  • Otwin † (954 - 1º dicembre 984 deceduto)
  • Osdag † (985 - 8 novembre 989 deceduto)
  • Gerdag † (19 gennaio 990 - 7 dicembre 992 deceduto)
  • San Bernoardo † (15 gennaio 993 - 20 novembre 1022 deceduto)
  • San Gottardo † (2 dicembre 1022 - 5 maggio 1038 deceduto)
  • Dithmar † (20 agosto 1038 - 14 novembre 1044 deceduto)
  • Azelin † (1044 - 8 marzo 1054 deceduto)
  • Hezilo † (1054 - 5 agosto 1079 deceduto)
  • Udo di Gleichen-Rheinhausen † (1079 - 19 ottobre 1114 deceduto)
    • Bruno † (1115 - 1118 dimesso) (vescovo eletto)
  • Bertoldo di Alvensleben † (31 ottobre 1119 - 14 marzo 1130 deceduto)
  • San Bernardo † (prima del 12 giugno 1130 - 1153 dimesso)
  • Brunone † (dopo il 3 giugno 1153 - 18 ottobre 1162 deceduto)
  • Ermanno † (1162 - 10 luglio 1170 deceduto)
  • Adelog † (giugno o luglio 1171 - 20 settembre 1190 deceduto)
  • Bernone † (1190 - 28 ottobre 1194 deceduto)
  • Corrado di Querfurt † (dopo il 28 ottobre 1194 - giugno 1198 nominato vescovo di Würzburg)
  • Hartbert † (1199 - 21 marzo 1216 deceduto)
  • Sigfrido di Lichtenberg † (1216 - 26 gennaio 1221 dimesso)
  • Corrado di Riesenberg † (3 settembre 1221 - 1246 dimesso)
  • Enrico di Wernigerode † (febbraio 1246 - 25 maggio 1257 deceduto)
  • Giovanni di Brakel † (settembre 1257 - 15 settembre 1260 deceduto)
  • Ottone di Brunswick-Lüneburg † (9 ottobre 1260 - 4 luglio 1279 deceduto)
  • Sigfrido di Querfurt † (18 luglio 1279 - 27 aprile 1310 deceduto)
  • Enrico di Woldenberg † (6 settembre 1310 - 21 settembre 1318 deceduto)
  • Ottone di Woldenberg † (23 maggio 1319 - 3 agosto 1331 deceduto)
  • Enrico di Brunswick-Luneburg † (28 agosto 1331[7] - 6 febbraio 1363 deceduto)
  • Giovanni Schadland, O.P. † (22 marzo 1363 - 20 agosto 1365 nominato vescovo di Worms)
  • Gerardo di Berg † (20 agosto 1365 - 15 novembre 1398 deceduto)
  • Johann von Hoya † (28 febbraio 1399 - 1424 dimesso)
  • Magnus di Sassonia-Lauenburg † (10 maggio 1424 - 21 settembre 1452 deceduto)
  • Bernardo di Brunswick-Luneburg † (20 ottobre 1452 - 1458 dimesso)
  • Ernesto di Schauenburg † (24 marzo 1458 - 23 luglio 1471 deceduto)
  • Henning di Haus † (15 gennaio 1472 - 1481 dimesso)
  • Bertoldo di Landsberg † (25 settembre 1480 - 4 maggio 1502 deceduto)
  • Eric di Sassonia-Lauenburg † (2 dicembre 1502 - 1504 dimesso)
  • Giovanni di Sassonia-Lauenburg † (13 luglio 1504 - 1527 dimesso)
  • Baldassarre Merklin † (9 marzo 1530 - 28 maggio 1531 deceduto)
  • Ottone di Schauenburg † (1531 - 1537 dimesso)
  • Valentino di Teutleben † (11 gennaio 1538 - 19 aprile 1551 deceduto)
  • Federico di Danimarca † (6 luglio 1554 - 27 settembre 1556 deceduto)
  • Burcardo di Oberg † (23 gennaio 1559 - 23 febbraio 1573 deceduto)
    • Ernesto di Baviera † (7 marzo 1573 - 17 febbraio 1612 deceduto) (amministratore apostolico)
  • Ferdinando di Baviera † (17 febbraio 1612 succeduto - 3 settembre 1650)
  • Massimiliano Enrico di Baviera † (3 settembre 1650 succeduto - 3 giugno 1688 deceduto)
  • Giudoco Edmondo di Brabeck † (29 novembre 1688 - 13 agosto 1702 deceduto)
  • Federico Guglielmo di Westfalia † (16 maggio 1763 - 6 gennaio 1789 deceduto)
  • Franz Egon von Fürstenberg † (6 gennaio 1789 succeduto - 11 agosto 1825 deceduto)
    • Sede vacante (1825-1829)
  • Godehard Joseph Osthaus † (27 luglio 1829 - 30 dicembre 1835 deceduto)
  • Franz Ferdinand (Johann Franz) Fritz † (11 luglio 1836 - 6 settembre 1840 deceduto)
  • Jakob Joseph Wandt † (23 maggio 1842 - 16 ottobre 1849 deceduto)
  • Eduard Jakob Wedekin † (30 settembre 1850 - 25 dicembre 1870 deceduto)
  • Daniel Wilhelm Sommerwerk † (27 ottobre 1871 - 18 dicembre 1905 deceduto)
  • Adolf Bertram † (12 giugno 1906 - 8 settembre 1914 nominato vescovo di Breslavia)
  • Joseph Ernst † (1º giugno 1915 - 5 maggio 1928 deceduto)
  • Nikolaus Bares † (15 gennaio 1929 - 21 dicembre 1933 nominato vescovo di Berlino)
  • Joseph Godehard Machens † (22 giugno 1934 - 14 agosto 1956 deceduto)
  • Heinrich Maria Janssen † (3 febbraio 1957 - 28 dicembre 1982 ritirato)
  • Josef Homeyer † (25 agosto 1983 - 20 agosto 2004 ritirato)
  • Norbert Trelle (29 novembre 2005 - 9 settembre 2017 ritirato)
  • Heiner Wilmer, S.C.I., dal 6 aprile 2018

StatisticheModifica

La diocesi nel 2019 su una popolazione di 5.362.988 persone contava 601.330 battezzati, corrispondenti all'11,2% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 669.532 4.875.462 13,7 463 432 31 1.446 51 994 324
1970 738.919 5.510.238 13,4 619 494 125 1.193 150 864 427
1980 765.531 6.000.000 12,8 577 465 112 1.326 18 128 625 365
1990 725.000 6.000.000 12,1 562 456 106 1.290 55 125 532 361
1999 682.181 5.700.000 12,0 455 388 67 1.499 75 83 470 279
2000 685.672 5.700.000 12,0 444 383 61 1.544 79 77 449 279
2001 669.251 5.700.000 11,7 438 377 61 1.527 81 72 339 279
2002 681.747 5.700.000 12,0 427 367 60 1.596 83 70 418 279
2003 633.093 5.700.000 11,1 425 363 62 1.489 80 71 415 349
2004 659.500 5.700.000 11,6 426 360 66 1.548 81 75 409 348
2006 652.461 5.700.000 11,4 407 348 59 1.603 91 69 366 313
2013 616.210 5.349.318 11,5 352 290 62 1.750 100 228 210 170
2016 611.052 5.261.658 11,6 327 272 55 1.868 101 64 231 119
2019 601.330 5.362.988 11,2 300 256 44 2.004 102 53 231 119

NoteModifica

  1. ^ Dal 1782 al 1825 la diocesi fu unita in persona episcopi con la diocesi di Paderborn.
  2. ^ Convenzione tra Santa Sede e la Bassa Sassonia del 26 febbraio 1965, articolo 2, comma 1.
  3. ^ AAS 57 (1965), pp. 834-856, Articolo 3 §1.
  4. ^ AAS 21 (1929), pp. 521-543, Articolo 6 §1.
  5. ^ (LA) Decreto Quum sollemnibus, AAS 58 (1966), pp. 917-918.
  6. ^ (LA) Decreto Quo aptius, AAS 86 (1994), pp. 611-612.
  7. ^ Confermato il 26 maggio 1354.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN123791524 · ISNI (EN0000 0000 8567 2930 · LCCN (ENn50073626 · GND (DE1072554534 · BNF (FRcb119737677 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50073626
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi