Diocesi di Novara

diocesi della Chiesa cattolica in Italia
(Reindirizzamento da Vescovo di Novara)
Diocesi di Novara
Dioecesis Novariensis
Chiesa latina
Novara Duomo2.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Vercelli
Regione ecclesiastica Piemonte
Mappa della diocesi
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Franco Giulio Brambilla
Vicario generale Fausto Cossalter
Vescovi emeriti cardinale Renato Corti
Sacerdoti 478 di cui 306 secolari e 172 regolari
1.110 battezzati per sacerdote
Religiosi 205 uomini, 750 donne
Diaconi 21 permanenti
Abitanti 567.684
Battezzati 531.000 (93,5% del totale)
Superficie 4.283 km² in Italia
Parrocchie 346 (6 vicariati)
Erezione IV secolo
Rito romano e ambrosiano
Cattedrale Santa Maria Assunta
Santi patroni San Gaudenzio
Indirizzo Via Puccini 11, 28100 Novara, Italia
Sito web www.diocesinovara.it
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc?)
Chiesa cattolica in Italia
Il Palazzo Vescovile

La diocesi di Novara (in latino: Dioecesis Novariensis) è una sede della Chiesa cattolica in Italia suffraganea dell'arcidiocesi di Vercelli appartenente alla regione ecclesiastica Piemonte. Nel 2016 contava 531.000 battezzati su 567.684 abitanti. È retta dal vescovo Franco Giulio Brambilla.

Indice

TerritorioModifica

La diocesi comprende la quasi totalità della provincia di Novara (eccetto i comuni di Biandrate, Casalbeltrame, Casaleggio Novara, Landiona, Recetto, San Nazzaro Sesia, Vicolungo e Vinzaglio, che appartengono all'arcidiocesi di Vercelli), l'intera provincia del Verbano-Cusio-Ossola e il territorio della Valsesia in provincia di Vercelli.

Sede vescovile è la città di Novara, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta.

Il rito ambrosiano è adottato nelle parrocchie di Cannobio, Sant'Agata, San Bartolomeo Valmara, Traffiume, Falmenta, Crealla, Cavaglio-Spoccia, Gurrone, Cursolo-Orasso, Gurro, Finero, Trarego Viggiona e Cannero Riviera, in virtù del fatto che l'alto Verbano è stato, prima dell'incorporazione nella diocesi novarese (1817), parte dell'arcidiocesi di Milano.

È la più estesa diocesi del Piemonte e la seconda per numero di battezzati e parrocchie dopo l'arcidiocesi di Torino.[1] Il territorio si estende su 4.283 km² ed è suddiviso in 346 parrocchie raggruppate in 27 unità pastorali missionarie[2], che a loro volta fanno capo a sei vicariati: in 6 vicariati: Novara città, Ovest Ticino, Aronese e Borgomanerese, Laghi, Ossola e Valsesia.

La diocesi confina a nord con la diocesi di Sion e la diocesi di Lugano, entrambe in territorio svizzero; ad est con l'arcidiocesi di Milano; a sud con la diocesi di Vigevano e l'arcidiocesi di Vercelli con la quale confina ad ovest, assieme alla diocesi di Aosta; per un breve tratto confina anche con la diocesi di Biella.

StoriaModifica

La diocesi risale al IV secolo, come sede suffraganea dell'arcidiocesi di Milano. Protovescovo fu san Gaudenzio, patrono della diocesi, consacrato da san Simpliciano, successore di sant'Ambrogio; la sua vita fu scritta nell'VIII secolo per ordine del vescovo Leone.

Novara è una delle poche diocesi italiane di cui si conservano i dittici con la cronotassi completa dei vescovi dalle origini fino al medioevo: due sono i dittici giunti fino a noi, quello della cattedrale e quello della basilica di San Gaudenzio. Solo a partire dal vescovo Attone (inizio IX secolo) sono riportati nei dittici riferimenti cronologici certi; dei 31 vescovi precedenti, sono pochi quelli attestati storicamente anche da altre fonti. Tra questi il primo è Simpliciano, che partecipò al sinodo provinciale di Milano, indetto dal metropolita Eusebio nel 451 per approvare il tomo di papa Leone Magno contro i Monofisiti.

Risale all'inizio dell'XI secolo la prima menzione del capitolo della cattedrale, che risultava composto di un arcidiacono, un arciprete, un primicerio, un cantore, un grammatico, un preposto, quattro diaconi, dieci suddiaconi e undici preti.

Il 17 luglio 1817 la sede di Vercelli divenne arcidiocesi metropolitana e Novara il 26 settembre dello stesso anno ne divenne suffraganea per effetto del breve Cum per Nostras di papa Pio VII[3]. Nello stesso anno la diocesi incorporò il territorio dell'alto Verbano, che era appartenuto all'arcidiocesi di Milano, e cedette la parrocchia di Gravellona Lomellina alla diocesi di Vigevano.

Nel 1822 cedette le parrocchie di Gondo e Sempione alla diocesi di Sion.

Nel 1829 riprese la parrocchia di Gravellona Lomellina dalla diocesi di Vigevano, cedendo in cambio la parrocchia di Sozzago. Il 26 giugno 2016, in forza del decreto Quo aptius della Congregazione per i vescovi, ha nuovamente ceduto Gravellona Lomellina a Vigevano in cambio di Sozzago,[4] ripristinando la situazione anteriore al 1829.

Il vescovo Franco Giulio Brambilla, nel 2014, ha indetto il XXI Sinodo diocesano[5], i cui contenuti, dopo tre anni di lavori, sono stati attuati in diocesi “ad experimentum” nell’anno 2016-17 e sono diventati effettivi nell'anno successivo. Oltre all'indicazione di linee guida pastorali che mettono al centro il tema dei giovani e della famiglia, il XXI Sinodo ha ridefinito l'organizzazione della diocesi, riducendo i vicariati da 8 a 6 e introducendo 27 unità pastorali missionarie[6], gruppi di parrocchie vicine riunite per condividere risorse e chiamate ad un cammino comune.

Cronotassi dei vescoviModifica

StatisticheModifica

La diocesi al termine dell'anno 2016 su una popolazione di 567.684 persone contava 531.000 battezzati, corrispondenti al 93,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 419.500 420.000 99,9 840 610 230 499 190 2.294 381
1970 538.000 540.000 99,6 538 538 1.000 408
1980 540.000 566.689 95,3 683 475 208 790 4 281 1.932 419
1990 567.000 589.000 96,3 634 454 180 894 9 212 1.430 346
1999 512.000 530.000 96,6 549 413 136 932 13 193 1.180 346
2000 510.000 529.000 96,4 538 406 132 947 12 187 1.170 346
2001 528.000 533.650 98,9 537 402 135 983 13 191 1.210 346
2002 518.300 530.300 97,7 536 399 137 966 13 198 1.185 346
2003 517.600 529.900 97,7 528 396 132 980 15 177 1.160 346
2004 525.265 545.065 96,4 521 388 133 1.008 15 176 1.125 346
2010 527.900 562.000 93,9 465 357 108 1.135 19 148 960 346
2013 534.900 569.800 93,9 508 332 176 1.052 21 206 782 346
2016 531.000 567.684 93,5 478 306 172 1.110 21 205 750 346

NoteModifica

  1. ^ Regioni, Diocesi e Parrocchie
  2. ^ (IT) Le UPM - Unità Pastorali Missionarie - Diocesi di Novara, in Diocesi di Novara. URL consultato il 28 maggio 2018.
  3. ^ Breve Cum per Nostras, in Bullarii Romani continuatio, t. VII, pars II, p. 1527
  4. ^ AAS 108 (2016), pp. 807-808.
  5. ^ (IT) XXI Sinodo della Chiesa novarese - Diocesi di Novara, in Diocesi di Novara. URL consultato l'8 aprile 2018.
  6. ^ (IT) Le UPM - Unità Pastorali Missionarie - Diocesi di Novara, in Diocesi di Novara. URL consultato l'8 aprile 2018.
  7. ^ Secondo Eubel muore nel 1278, mentre per Gams nel 1271 circa.
  8. ^ La lunga vacanza della sede fu causata dalle difficoltà e dai contrasti sorti per le nomine dei vescovi; tra i vescovi eletti ci sono Francesco, Paino detto Capra e Guido Pinzio.
  9. ^ Secondo Eubel e Gams muore nel 1355.
  10. ^ Per la data di morte Gams e Eubel dicono 11 settembre e non 11 dicembre.
  11. ^ Secondo Eubel e Gams muore nel 1583.

FontiModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN133767514