Apri il menu principale

StoriaModifica

Il nome ricorda la breccia di Porta Pia, attraverso la quale i bersaglieri entrarono nella città capitolina, e fu proposto al Consiglio Comunale di Roma con delibera n. 16 del 30 novembre 1871[2], rinominando la vecchia via Porta Pia nell'allora, maggiormente esteso, rione Monti.

La strada, un tempo indicata come via che da Montecavallo va alla Porta Nomentana, corrisponde all'antica via dell'Alta Semita, che attraversa tutto il colle Quirinale. Lo stradone fu aperto da papa Pio IV in corrispondenza di Porta Pia, da cui il nome Via Porta Pia che mantenne fino al 30 novembre 1871[3].

Lungo la via hanno sede tre ministeri della Repubblica Italiana: il ministero della difesa nel palazzo Baracchini, il ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo nel palazzo dell'Agricoltura e il ministero dell'economia e delle finanze nel palazzo delle Finanze

TrasportiModifica

  È raggiungibile dalle stazioni Repubblica e Barberini.

NoteModifica

  1. ^ Rendina-Paradisi, 1337.
  2. ^ Consiglio Comunale di Roma, Proposta n. 16 del 30 novembre 1871.
  3. ^ Ciononostante, talvolta veniva ancora chiamato Stradone di Porta Pia.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica