Apri il menu principale

Via anteriore d'anca

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La via anteriore d'anca o via chirurgica di Smith-Petersen è una tecnica chirurgia ortopedica.[1]

L'incisione praticata risulta molto lunga e contorna la metà anteriore della cresta iliaca per raggiungere la spina iliaca antero-superiore. Da qui essa decorre curvando verso il basso fino a diventare verticale per circa altri 8–10 cm puntando verso il margine laterale della rotula.[2]

Vengono usati due piani internervosi[2]:

CronologiaModifica

La cronologia dell'utilizzo di questo accesso:

  • 1830 Hueter
  • 1878 Sprengel
  • 1907 Bardenheuer
  • 1924 Depuy de Frenelle
  • 1949 Smith – Peterson
  • 1974 Letournel e Judet

Negli ultimi anni si sono sviluppate diverse tecniche che hanno riportato in luce questo approccio ma con una incisione cutanea decisamente inferiore (circa 10 cm). Il vantaggio di questo tipo di via è legato all'accedere all'articolazione attraverso un piano internervoso, quindi senza denervazione e sfruttando una "finestra" muscolare già naturalmente aperta.

NoteModifica

  1. ^ Blair JA, Stinner DJ, Kirby JM, Gerlinger TL, Hsu JR, Quantification of femoral neck exposure through a minimally invasive Smith-Petersen approach, in J Orthop Trauma, vol. 24, nº 6, 2010, pp. 355–8, DOI:10.1097/BOT.0b013e3181c675d0, PMID 20502217.
  2. ^ a b (EN) Mark Karadsheh, Hip Anterior Approach (Smith-Petersen), su orthobullets.com. URL consultato il 23 ottobre 2015.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina